rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Politica

Si chiude l'era Orlando, Paolo Amenta eletto all'unanimità presidente dell'Anci Sicilia

A guidare l'associazione regionale dei Comuni è stato scelto il sindaco di Canicattini Bagni (Siracusa): "Si apre una stagione importantissima nel segno dell'unità". Il Professore sarà designato come rappresentante al Global Parliament of mayors. Tantillo e Rini verso l'ufficio di presidenza col primo cittadino di Contessa Entellina

Paolo Amenta è il nuovo presidente dell'Anci Sicilia. Lo ha eletto all'unanimità l'assemblea congressuale dei sindaci e degli amministratori locali, riunita oggi al San Paolo Palace hotel. Si chiude l'era di Leoluca Orlando, ex sindaco di Palermo, alla guida dei Comuni siciliani ininterrottamente dal 2014 ad oggi. 

Proprio nel 2014, Amenta era stato battuto da Orlando per soli due voti di scarto. Una spaccatura sanata nel 2017 con la riconferma di Orlando, rieletto in quell'occasione per acclamazione. Nel segno dell'unità anche il congresso dell'Anci Sicilia che si è celebrato oggi. Quella di Amenta, sindaco di Canicattini Bagni (Siracusa) e presidente del Pd nella provincia aretusea, era l'unica candidatura alla presidenza. Gli amministratori locali siciliani infatti si sono presentati all'appuntamento del congresso regionale con una lista unitaria sia per la presidenza che per il consiglio (anch'esso rinnovato).   

A puntare su Amenta, che per parecchi anni è stato uno dei vicepresidenti dell'Anci Sicilia, sono stati in primis i sindaci delle città più grandi: Roberto Lagalla (Palermo), Federico Basile (Messina), Francesco Italia (Siracusa), Giacomo Tranchida (Trapani), Roberto Gambino (Caltanissetta). "Sono loro - dice il neo presidente dell'Anci a PalermoToday - i primi cinque sindaci che hanno messo la firma sulla mia candidatura e per questo li ringrazio. Credo che sia stata premiata la costanza e la conoscenza dei problemi dei Comuni, che non sono né di destra né di sinistra. La situazione è molto complicata, ma partiamo con il piede giusto perché siamo riusciti a trovare la quadra. Si sta aprendo una stagione importantissima: c'è finalmente un'Anci unita e trasversale, senza distinzioni di parte. Per me è un onore rivestire questo ruolo di presidente ma al tempo stesso una grande responsabilità".

Schifani: "La Regione sarà interlocutore attento"

"Dopo i grandi disastri finanziari provocati dall'armonizzazione contabile - prosegue Amenta - adesso è iniziata per i Comuni la trattativa con lo Stato sul federalismo fiscale e la cosiddetta autonomia differenziata. Con la Regione invece andrà discussio il fondo delle autonomie locali e la questione rifiui. Conferire in discarica l'indifferenziato ha raggiunto costi eccessivi, circa 400 euro a tonnellata. Servono gli impianti di prossimità per chiudere il ciclo dei rifiuti e incrementare sempre più la differenziata. La lista della spesa è lunga e non dobbiamo dimenticarci che i Comuni devono organizzare la programmazione del Pnrr. C'è tanto da fare. Sulla legge di stabilità non escludiamo il confronto ma neppure iniziative di protesta se non si mette al centro la dignità dei Comuni. O si apre da subito un confronto sul fondo per le autonomie ponendo fine all'emorragia finanziaria o non escludiamo alcun tipo di azione".

Montera (Cisl Fp): "Lavoreremo insieme"

"Al governo Schifani e all'Ars chiediamo di superare l'odiosa discriminazione dell'adeguamento delle indennità per gli amministratori locali, incremento che non può essere a carico degli enti ma deve avvenire con risorse della Regione.
Ristabilita questa gravissima ingiustizia sulle indennità, rivendichiamo un confronto serrato e paritetico su vari temi e ci aspettiamo che il presidente Schifani nei prossimi giorni incontri formalmente l'Anci Siiclia", sottolinea inoltre Amenta.

Lionti (Uil): "Buon lavoro al nuovo presidente e al consiglio regionale"

In un momento cruciale per le sorti dei Comuni Amenta subentra a Orlando che, conclusa (al momento) la sua lunga esperienza da primo cittadino, sarà il frontman dell'Anci Sicilia in seno al Parlamento mondiale dei sindaci, del quale è già membro onorario. L'Associazione regionale dei Comuni infatti ha aderito al Global Parliament of mayors, organismo internazionale con sede a L'Aia (Olanda) che riunisce i primi cittadini delle più importanti città del mondo. "Chiederemo a Luca, per la sua caratura internazionale, di rappresentarci ufficialmente al Parlamento mondiale dei sindaci".

Per Leoluca Orlando, l'Anci Sicilia "ha affermato la dimensione istituzionale delle amministrazioni comunali, coi sindaci che sono stati i riferimenti per i loro territori. La proposta di unità, da me avanzata, e il nome di Paolo Amenta è stata accolta da tutti. Sono certo che l’Anci continuerà nei confronti del governo nazionale, regionale e delle istituzioni europee internazionali a svolgere quel ruolo che ha reso la Sicilia la migliore tra le Anci in Italia".

"La recente ammissione al Parlamento mondiale dei sindaci - conclude Orlando - è la conferma della credibilità internazionale della nostra terra con riferimento ai fondi europei, al Pnrr, all'accoglienza dei migranti. Mi auguro, infine, che tutti noi siciliani saremo in grado di continuare a cambiare le prospettive della nostra Isola avendo una visione del futuro più competitiva, aperta e accogliente. Ciò richiede responsabilità nei comportamenti dei governi nazionali e regionali, troppe volte disattenti nei confronti delle realtà meridionali e della Sicilia". 

Il nuovo Consiglio regionale dell'Anci Sicilia si riunirà l'8 febbraio per definire anche la composizione dell'ufficio di presidenza. Tra i sette nomi in lizza ci sono anche tre palermitani: si tratta del presidente del Consiglio comunale Giulio Tantillo, del consigliere di Fdi e sindaco di Ventimiglia Antonio Rini e del sindaco di Contessa Entellina Leonardo Spera. Trattative in corso per rappresentare tutti i partiti all'interno dell'ufficio di presidenza.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si chiude l'era Orlando, Paolo Amenta eletto all'unanimità presidente dell'Anci Sicilia

PalermoToday è in caricamento