menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In Sicilia ferite mai sanate dopo l'alluvione del 2018, M5S: "Sbloccati i risarcimenti"

Ad annunciarlo è il deputato Dedalo Pignatone dopo un incontro con i vertici della Protezione Civile: "Purtroppo, come troppo spesso accade in Sicilia, la macchina burocratica regionale si è inceppata rallentando lo stanziamento delle somme"

Sono stati sbloccati i fondi destinati a Comuni e aziende per l'alluvione del 2018. Ad annunciarlo è il deputato alla Camera del Movimento 5 Stelle Dedalo Pignatone che, insieme ai colleghi parlamentari Eugenio Saitta, Vita Martinciglio, Roberta Alaimo e altri, ha incontrato il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli e il dirigente generale del Drpc Sicilia, Salvo Cocina. 

"Sono trascorsi più di due anni dalla tragica alluvione che ha colpito la Sicilia negli ultimi mesi del 2018 e c’è chi ha perso tutto e ancora attende i fondi promessi, nonostante con il governo Conte e il Parlamento si sia intervenuti tempestivamente, stanziando in totale 277 milioni di euro - spiega Pignatone - Purtroppo, come troppo spesso accade in Sicilia, la macchina burocratica regionale si è inceppata, rallentando lo stanziamento delle somme. Adesso, dopo mesi di pressing portato avanti da noi deputati del Movimento 5 Stelle e la fattiva collaborazione della protezione civile nazionale e regionale, finalmente, i fondi sono stati sbloccati e proprio in queste ore, una parte è stata erogata a Comuni e aziende”. 

Il parlamentare pentastellato sottolinea che "parallelamente, sono stati sbloccati anche i fondi destinati alle aziende agricole danneggiate. Nei prossimi giorni, verrà pubblicata la graduatoria  per l'assegnazione di circa 6 milioni di euro da destinare alle 600 aziende agricole che ne hanno fatto richiesta”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento