rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Politica

In Sicilia ferite mai sanate dopo l'alluvione del 2018, M5S: "Sbloccati i risarcimenti"

Ad annunciarlo è il deputato Dedalo Pignatone dopo un incontro con i vertici della Protezione Civile: "Purtroppo, come troppo spesso accade in Sicilia, la macchina burocratica regionale si è inceppata rallentando lo stanziamento delle somme"

Sono stati sbloccati i fondi destinati a Comuni e aziende per l'alluvione del 2018. Ad annunciarlo è il deputato alla Camera del Movimento 5 Stelle Dedalo Pignatone che, insieme ai colleghi parlamentari Eugenio Saitta, Vita Martinciglio, Roberta Alaimo e altri, ha incontrato il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli e il dirigente generale del Drpc Sicilia, Salvo Cocina. 

"Sono trascorsi più di due anni dalla tragica alluvione che ha colpito la Sicilia negli ultimi mesi del 2018 e c’è chi ha perso tutto e ancora attende i fondi promessi, nonostante con il governo Conte e il Parlamento si sia intervenuti tempestivamente, stanziando in totale 277 milioni di euro - spiega Pignatone - Purtroppo, come troppo spesso accade in Sicilia, la macchina burocratica regionale si è inceppata, rallentando lo stanziamento delle somme. Adesso, dopo mesi di pressing portato avanti da noi deputati del Movimento 5 Stelle e la fattiva collaborazione della protezione civile nazionale e regionale, finalmente, i fondi sono stati sbloccati e proprio in queste ore, una parte è stata erogata a Comuni e aziende”. 

Il parlamentare pentastellato sottolinea che "parallelamente, sono stati sbloccati anche i fondi destinati alle aziende agricole danneggiate. Nei prossimi giorni, verrà pubblicata la graduatoria  per l'assegnazione di circa 6 milioni di euro da destinare alle 600 aziende agricole che ne hanno fatto richiesta”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Sicilia ferite mai sanate dopo l'alluvione del 2018, M5S: "Sbloccati i risarcimenti"

PalermoToday è in caricamento