rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Politica

Aborto, il Consiglio sostiene l'appello del comitato Esistono i diritti contro i medici obiettori

In Sicilia l'87% delle strutture pubbliche non applica la legge sull'interruzione volontaria di gravidanza. Sala delle Lapidi approva un ordine del giorno: "Occorre che la politica vada oltre il pregiudizio e guardi con laicità a scelte mirate a garantire il diritto alla salute delle donne"

Il Consiglio comunale approva un ordine del giorno che impegna sindaco e Giunta a diffondere l'appello del comitato Esistono i diritti per la corretta applicazione della legge sull'interruzione volontaria di gravidanza.

"Oggi si è scritta una bella pagina di politica. Ringrazio i colleghi e le colleghe che hanno votato un atto di indirizzo politico di grande civiltà, di cui sono stata estensore e relatrice, rivolto all'assessore regionale alla Salute Ruggero Razza: in Sicilia, di fatto, questa legge viene disattesa dall'87% delle strutture pubbliche. Occorre che la politica vada oltre il pregiudizio e guardi con laicità a scelte mirate principalmente a garantire il diritto alla salute anche per quelle donne che sono costrette a ricorrere a una interruzione di gravidanza".

"L'alternativa al servizio pubblico non è l'eliminazione dell'aborto - prosegue Gentile - ma un ritorno al passato oscurantista e ipocrita, quando le donne più abbienti lo praticavano nelle cliniche private e a quelle più povere non restava che consegnarsi a pratiche illegali che spesso le portavano alla morte. Oggi i dati ci portano a temere un ritorno a quel passato buio. Non possiamo ignorare, infatti, i dati sconcertanti emersi da recenti inchieste giornalistiche da cui si evince che la Sicilia è tra le regioni italiane in cui il numero di aborti clandestini è recentemente aumentato in modo allarmante, con una crescita esponenziale del rischio di vita per le donne che lo praticano, proprio a causa di una distorta applicazione della legge che ha consentito che il tasso di obiezione di coscienza arrivasse in Sicilia all'87%: ciò significa che quasi 9 medici su 10 nell'Isola sono obiettori, con picchi in alcune zone che arrivano anche al 100%".

Anche Barbara Evola e Katia Orlando, consiglieri di Sinistra Comune, si dicono preoccupate per "le percentuali dei medici obiettori e si riflettono inevitabilmente sul diritto delle donne di procedere all'interruzione di gravidanza in sicurezza e nella propria città, affiancate da personale specializzato. La messa in discussione del valore della legge sull'aborto in molti paesi rappresenta un allarmante sintomo di arretramento nella strada dei diritti civili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aborto, il Consiglio sostiene l'appello del comitato Esistono i diritti contro i medici obiettori

PalermoToday è in caricamento