Massima respirabilità e capacità filtrante: le mascherine chirurgiche di più alto valore tecnologico parlano italiano

Materiali di qualità certificati e con provenienza europea a prezzo conveniente

Dallo scorso marzo università, centri di ricerca e industrie farmaceutiche hanno messo in campo il meglio delle loro equipe di scienziati e ricercatori per trovare vaccini e cure contro il covid, ma ad oggi il baluardo più sicuro contro l’attacco del virus rimane ancora la mascherina.

Oggetto apparentemente poco tecnologico, proposto in innumerevoli fogge e materiali, nelle prime settimane dell’emergenza sanitaria era praticamente introvabile e quindi acquistato in qualunque formato fortunosamente reperito. La creatività, soprattutto italiana, ne ha fatto successivamente quasi un accessorio dell’abbigliamento e in alcuni casi è diventato un gadget con le iconografie più disparate.

L’arrivo dell’estate ci ha temporaneamente liberati da questo obbligo, ma con l’autunno la necessita della mascherina è tornata ad essere vitale e la nuova ondata ha restituito a questo semplice oggetto la dignità di presidio sanitario nonché più sicura barriera contro il diffondersi del virus.

Sempre più consapevoli che la mascherina è il più efficace dispositivo di sicurezza individuale contro il virus, ne abbiamo fatto la nostra compagna di vita quotidiana. Passiamo ore con la mascherina sul viso nei luoghi pubblici, sui mezzi, al lavoro, e purtroppo in alcune circostanze anche all’interno delle nostre abitazioni.

L’uso costante, continuo e prolungato, in alcuni casi comporta l’emergere di qualche fastidio come problemi di traspirazioni, talvolta irritazioni e anche piccole difficoltà a respirare. Per questa ragione la scelta della mascherina non può che essere ricondotta a criteri di qualità ed efficacia, per tutelare la salute in primo luogo e anche per garantire la massima comodità nel corso delle tante ore di utilizzo. 

È preferibile quindi utilizzare prodotti di eccellenza, realizzati con materiali garantiti e la cui provenienza sia chiaramente identificabile, come per esempio le mascherine chirurgiche monouso top di gamma tipologia IRR prodotte da Karol Industrie, che garantiscono altissima respirabilità e una notevole capacità filtrante.

esploso copia-2

Sono prodotte con macchine italiane e usando solo ed esclusivamente materiali provenienti da stati della Comunità Europea, certificati Oekotex standard 100 e dotati di  report di biocompatibilità completo secondo la norma 10993. Gli stessi elastici sono certificati Oekotex standard 100 e completamente latex free.

L’uso di questi materiali qualitativi e la loro lavorazione con macchinari che ne valorizzano le caratteristiche, restituiscono insomma la massima efficacia e un assoluto comfort.

Toccare per credere: già al tatto, infatti, è possibile rendersi conto della pregevole fattura delle mascherine prodotte dal Gruppo Karol, più morbide rispetto alla maggioranza dei prodotti in commercio, importati per lo più dalla Cina. E il tutto a un prezzo allineato totalmente agli standard del mercato e ad altri prodotti simili.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid, Musumeci firma l'ordinanza: Palermo zona rossa da domani

  • Sfiorati i 250 contagi per centomila abitanti, Musumeci: "Palermo sarà zona rossa"

  • Covid, zona rossa in tutta la provincia di Palermo: "Contagi e varianti in aumento"

  • Violenza sessuale, arrestato medico: è il fratello di Pietro Grasso

  • L'anomalia dopo l'inchiesta sui "dati falsi", in Sicilia non si guarisce più dal Covid

  • Incidente in bici a Monreale, morto un ragazzo di 19 anni

Torna su
PalermoToday è in caricamento