rotate-mobile
Notizie

Fase 2, Rc auto in discesa: a Palermo meno sinistri e crollo record dei premi assicurativi

Le tariffe potrebbero presto ri-aumentare se, come prevedibile, con l’interruzione graduale della quarantena e i nuovi limiti imposti al trasporto pubblico, il numero delle auto in circolazione e con esso quello dei sinistri tornerà a crescere

Con l’avvio della Fase 2 e il graduale ritorno alla normalità molti automobilisti palermitani dovranno rinnovare l’RC auto. La buona notizia, come emerge dall’osservatorio di Facile.it, è che la tariffa media rilevata in provincia di Palermo sta continuando a calare e dopo il -4,57% su base annua rilevato a marzo 2020, aprile ha fatto segnare un nuovo record, con un eloquente -12,20%. A livello regionale la riduzione è stata pari al -13,18%. 

Grazie al calo, per assicurare un veicolo a quattro ruote nella provincia di Palermo ad aprile 2020 occorrevano, in media, 495,01 euro (il 4% in più rispetto alla media regionale). Le tariffe potrebbero però presto aumentare se, come prevedibile, con l’interruzione graduale della quarantena e i nuovi limiti imposti al trasporto pubblico, il numero delle auto in circolazione - e con esso quello dei sinistri - tornerà a crescere. 

A livello provinciale sono state rilevate riduzioni importanti in tutte le aree della regione: calo record per la provincia di Caltanissetta (-17,27%), seguita da quelle di Agrigento (-16,50%), Messina (-15,26%), Trapani (-14,78%) e Siracusa (-13,64%). Cali inferiori al valore regionale, invece, per le province di Palermo (-12,20%), Catania (-12,08%) e Ragusa (-10,46%); ultima posizione per la provincia di Enna (-9,53%). 

In valori assoluti, ad aprile 2020, Messina è risultata essere la provincia siciliana dove assicurare un’automobile costava di più (premio medio 555,96 euro), Enna la più economica (352,37 euro).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fase 2, Rc auto in discesa: a Palermo meno sinistri e crollo record dei premi assicurativi

PalermoToday è in caricamento