Venerdì, 22 Ottobre 2021
Tasse

Ici, quando e come pagarla

L'Imposta Comunale sugli Immobili è una tassa di competenza locale dovuta dai proprietari di fabbricati, aree fabbricabili o terreni agricoli siti nel territorio del Comune

Cosa è l'I.C.I
L'Imposta Comunale sugli Immobili è una tassa di competenza locale dovuta dai proprietari di fabbricati, aree fabbricabili o terreni agricoli siti nel territorio del Comune, ovvero dai titolari del diritto reale di usufrutto, uso o abitazione, enfiteusi e superficie sugli immobili stessi, dal locatario nei contratti in leasing, dal concessionario nel caso di concessione su area demaniale. Dal 2008 è stata abolita l'I.C.I sulla abitazione principale e relativa pertinenza, nonché quelle ad esse assimilate, ad esclusione degli immobili rientranti nelle categorie A/1, A/8 E A/9.

Quanto si deve pagare?
Per il calcolo dell'imposta da pagare è necessario prima determinare la base imponibile. La base imponibile è data dal valore dell'immobile (espresso in euro) calcolato, a seconda dei casi, con riferimento a diversi parametri:

- per fabbricati iscritti in Catasto, la rendita risultante negli atti al 1° gennaio dell'anno in corso, deve essere sempre rivalutata del 5% (anche se si tratta di rendita attribuita successivamente al 1997) e deve poi essere moltiplicata per i seguenti coefficienti:
    - 100 per le categorie catastali A, B, C (escluse A/10 e C/1);
    - 50 per le categorie A/10 e D    (eccetto i fabbricati D privi di rendita definitiva posseduti da società o imprese);
    - 34 per la categoria C/1;

- per i fabbricati privi di rendita catastale o con rendita non definitiva, il valore è determinato con riferimento alla rendita dei fabbricati similari già iscritti in catasto. È comunque opportuno che il contribuente acquisisca la rendita definitiva, facendo specifica richiesta all'Ufficio del Catasto;

- per le aree fabbricabili la base imponibile è costituita dal valore venale in comune commercio al 1° gennaio dell'anno in corso;
- per i terreni agricoli, il reddito dominicale risultante in Catasto al 1° gennaio dell'anno in corso, aumentato del 25%, va moltiplicato per 75.

Sulla base imponibile così determinata si applica l'aliquota che ricorre e, se spettante, la detrazione di imposta, ottenendo così l'imposta dovuta. Per le aliquote I.C.I visitate il sito del Comune di Palermo o chiedete informazioni presso l'ufficio preposto di piazza Giulio Cesare 6 - Comune di Palermo - Settore Servizi Tributari - Servizio I.C.I.

Riduzioni ed esenzioni
L'imposta è ridotta del 50% per i fabbricati dichiarati inagibili e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo dell'anno per il quale sussistano dette condizioni. L'inagibilità o inabitabilità è accertata dall'Ufficio Tecnico Comunale, con perizia a carico del proprietario o, in alternativa, dallo stesso proprietario con dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà rilasciata ai sensi di legge. La riduzione è concessa su apposita istanza dell'interessato. Sono, tra gli altri, esenti dall'imposta: i fabbricati destinati esclusivamente all'esercizio del culto; i fabbricati con destinazione ad usi culturali, il cui reddito non concorre alla formazione del reddito delle persone fisiche (art. 5bis DPR 60 1/73 e succ. modificazioni); gli immobili utilizzati dai soggetti, enti pubblici e privati diversi dalle società, residenti nel territorio dello Stato, che non hanno per oggetto esclusivo o principale l'esercizio di attività commerciali destinati esclusivamente allo svolgimento di attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, culturali, ricreative e sportive. L'esenzione deve essere oggetto di apposita comunicazione.

Come e dove pagare?
In caso di    possesso    di più immobili situati nello stesso Comune si deve effettuare un unico versamento. Per le parti comuni dell'edificio (es.: l'alloggio del portiere) il versamento deve essere eseguito dall'amministratore del condominio a nome del condominio stesso. L'imposta è dovuta per anni solari proporzionalmente alla quota di titolarità ed ai mesi dell'anno nei quali si è protratto il possesso. Il mese durante il quale il possesso si è protratto per almeno 15 giorni è computato per intero. L'imposta si determina applicando alla base imponibile l'aliquota deliberata dal Comune, tenendo conto se è dovuta la detrazione per abitazione principale.

Il contribuente può provvedere al versamento delle somme ICI dovute:

- tramite bollettino di c/c postale n. 89127716 intestato a SE.RI.T. SICILIA S.p.A. - PALERMO - PA - I.C.I. tramite modello F24.
I codici tributo da utilizzare sono i seguenti:
    - 3901 I.C.I per l'abitazione principale;
    - 3902 I.C.I per i terreni;
    - 3903 I.C.I per le aree fabbricabili;
    - 3904 I.C.I per gli altri fabbricati;
    - 3906 I.C.I interessi;
    - 3907 I.C.I sanzioni;

Il pagamento può essere effettuato:
presso tutti gli uffici postali; presso la sede della SE.RI.T. SICILIA S.p.A. di Via Enrico Albanese, 13/a - Palermo.
E' possibile effettuare il pagamento anche attraverso carta di credito collegandosi al sito internet www.mpserit.it.

Scadenze di versamento
I rata - entro il 16 giugno: 50% dell'imposta dovuta calcolata sulla base dell'aliquota e delle detrazioni per l'anno precedente. Il calcolo può comunque essere effettuato sulla base dell'aliquota e della detrazione in vigore nell'anno in corso.
II rata - dall'1 al 16 dicembre: saldo dell'imposta dovuta per l'intero anno con eventuale conguaglio sulla prima rata, secondo le eventuali nuove aliquote deliberate dal Comune.

Il pagamento dell'imposta va effettuato se l'imposta da versare è superiore ad e 5,00, giusto art. 33 del Regolamento delle Entrate Comunali approvato con Delibera del C.C. n. 309/2008; qualora l'importo da versare sia superiore ad euro 5,00, ma le singole rate risultino inferiori, il versamento deve essere effettuato in un'unica soluzione. Resta in ogni caso la facoltà per il contribuente di effettuare il versamento in un'unica soluzione entro il termine del 16 giugno di ciascun anno ed in questo caso il contribuente dovrà effettuare il calcolo dell'imposta dovuta applicando l'aliquota e le detrazioni in vigore nel Comune per l'anno in corso.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ici, quando e come pagarla

PalermoToday è in caricamento