Comunità di recupero: indirizzi e numeri utili a Palermo

Le comunità terapeutiche per tossicodipendenti permettono di effettuare programmi terapeutici individualizzati della durata di almeno 24 mesi in strutture residenziali o semi-residenziali. Tutte le info necessarie

Le comunità terapeutiche per tossicodipendenti permettono di effettuare programmi terapeutici individualizzati della durata di almeno 24 mesi in strutture residenziali o semi-residenziali.

Come funziona 

La scelta di attuare un programma terapeutico di tipo residenziale viene concordata tra gli operatori dei Sert e la persona tossicodipendente che ha maturato la consapevolezza delle proprie problematiche personali e che sceglie un contesto protetto per avviare un percorso di recupero psicosociale.

In questa prima fase di avviamento alla comunità terapeutica, gli operatori dei Sert hanno il compito di valutare lo stato di motivazione al cambiamento e la reale capacità di adesione al programma terapeutico della persona tossicodipendente nonché di informarla sulle differenti metodologie e programmi operativi delle comunità terapeutiche.

Le comunità terapeutiche 

Ogni comunità terapeutica ha un proprio regolamento interno basato su precise regole che gli utenti devono rispettare. Esistono comunità religiose e comunità laiche, alcune convenzionate con il servizio sanitario nazionale, ognuna di essa elabora, al momento dell’ingresso dell’utente in comunità, un programma terapeutico personalizzato concordato con il Sert.

Le modalità di intervento e gli strumenti utilizzati cambiano, ma il principio si basa sempre su un programma educativo che invita ad approfondire la conoscenza di se stessi, a condividere le proprie difficoltà stimolando in tal modo la comunicazione e i rapporti interpersonali; in sintesi l’obiettivo sarà quello di migliorare le condizioni di vita e di favorire l’integrazione dell’individuo nel proprio tessuto sociale.

Il programma di recupero residenziale 

I criteri generali del programma di recupero residenziale si articolano su tre momenti essenziali:

  • fase di accoglienza: che prevede l’adattamento alle regole della comunità, la disassuefazione dalle droghe ed il progressivo recupero di abitudini di vita equilibrati
  • fase di riabilitazione: è un periodo variabile anche a seconda dell’evoluzione di ciascun ospite. In genere ha una durata media di dodici mesi; tale fase prevede un lavoro mirato alla ristrutturazione della personalità e alla determinazione di un’identità matura ed autonoma. Elemento centrale di questa fase sono i momenti di gruppo all’interno dei quali gli ospiti sono stimolati a prendere coscienza di sé nel rapporto con l’altro, a migliorare le relazioni interpersonali e ad accrescere la socializzazione
  • fase di reinserimento sociale: avviene dopo diverse verifiche sul livello acquisito di autocontrollo, di autostima, di responsabilizzazione e di recupero dei rapporti con la propria famiglia, a tal fine vengono concessi brevi permessi per la permanenza presso il proprio ambiente d’origine; le verifiche terapeutiche vengono concordate tra l’equipe del Sert e gli operatori della comunità.

Chi può usufruirne 

Gli operatori che prestano il proprio servizio all’interno della comunità generalmente sono ex tossicodipendenti, anche se negli ultimi anni sono state inseriti figure professionali come il medico, lo psicologo, l’assistente sociale, l’educatore e operatori di comunità.

L’utenza alla quale la comunità offre il proprio servizio è costituita da:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  • Tossicodipendenti
  • Tossicodipendenti con disturbi psichiatrici (doppia diagnosi)
  • Tossicodipendenti madri con figli in tenera età
  • Tossicodipendenti minorenni
  • Tossicodipendenti detenuti (in misura alternativa al carcere)

Comunità convenzionate a Palermo e provincia 

Le comunità terapeutiche convenzionate sul territorio provinciale sono: 

  • "Casa dei Giovani" Villa Palagonia 00011 Bagheria; telefax: 091.903068 - 904426; email casadeigiovani@tin.it
  • Centro di Cultura della Vita Corso Alberto Amedeo 40 Palermo; telefono 091.6574038; email pensieropositivo@libero.it
  • Opera Don Calabria Centro Diurno "S.S. Cosma e Daniano" Contrada S. Cosimo Termini Imerese; telefono 091.8142951
  • Opera Don Calabria Centro Residenziale "Sant'Onofrio" Contrada Sant'Onofrio Trabia; telefono 091.8126340

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento