Coronavirus, la nuova autocertificazione online: ecco come scaricarla e stamparla

Ecco il nuovo modello di autodichiarazione valido solo ed esclusivamente nel territorio della Regione Siciliana. Sarà valido per gli spostamenti dentro il Comune e fra Comuni diversi

Dopo i decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’8, 9, 11 e 22 marzo 2020 e le ordinanze del Presidente della Regione Siciliana dell'8 e 12 marzo 2020, ecco il nuovo modello di autodichiarazione valido solo ed esclusivamente nel territorio della Regione Siciliana. 

Nel nuovo modello da compilare si devono inserire nome, cognome, data e comune di nascita, residenza e domicilio, documento identificativo, numero di telefono e il luogo da cui lo spostamento è iniziato e quello in cui lo spostamento finirà. Chi lo compila afferma di essere consapevole delle conseguenze penali previste in caso di dichiarazioni mendaci a pubblico ufficiale. 

Ecco il pdf dell'ultima versione di autocertificazione da stampare

Il cittadino deve inoltre specificare il motivo dello spostamento, autorizzato solo per alcuni ordini di necessità: comprovate esigenze lavorative, motivi di salute, situazioni di necessità (per spostamenti all'interno dello stesso comune) e assoluta urgenza (per trasferimento verso un comune diverso). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, prima vittima a Palermo: 55enne muore all'ospedale Civico

  • Un altro caso di Coronavirus fa tremare Comdata, donna positiva: "Ora la situazione è grave"

  • Virus, sui social si pianifica l'assalto ai supermercati: in campo polizia e carabinieri

  • Coronavirus, in Sicilia già venti morti: salgono a 846 i contagiati, 125 più di ieri

  • Incidente in via Basile, investito da un automobilista che scappa: morto 57enne

  • Coronavirus, furia Musumeci in tv: "La Sicilia è chiusa, da noi per avere dei diritti bisogna gridare"

Torna su
PalermoToday è in caricamento