Modulistica Dia: quando e come presentare la domanda a Palermo

Tutto quello che c'è da sapere sul modulo che deve essere firmato da un tecnico (geometra o architetto) e consegnata alla municipalità di appartenenza per iniziare una ristrutturazione

Non sempre è necessario presentare dei documenti al Comune di Palermo per poter effettuare dei lavori di ristrutturazione in casa. Infatti, se non si cambia la configurazione dell'appartamento, non si spostano mura e non si modificano gli impianti non è necessario presentare la documentazione. Invece, se si apportano modifiche come quelle sopra indicate è necessario comunicare al Comune. Innanzitutto si deve presentare la Dia (dichiarazione inizio lavori) che deve essere firmata da un tecnico (geometra, architetto) e consegnata alla municipalità di appartenenza e, dopo un mese, si possono iniziare i lavori.

Cosa è 

La Denuncia di Inizio Attività (D.I.A.) è un atto amministrativo che, nel mondo dell'edilizia, rappresenta oggi uno degli strumenti urbanistici più rilevanti. Si tratta di è uno strumento estremamente potente, che serve alla Pubblica Amministrazione (in larga parte, gli uffici Tecnici dei Comuni) per compiere il ruolo di vigilanza sull'attività edilizia che si svolge sul proprio territorio.

A che serve 

Con una D.I.A. oggi si può ristrutturare il proprio appartamento, si possono effettuare opere di manutenzione ordinaria o straordinaria sul proprio immobile, si possono, addirittura, costruire nuovi edifici, qualora sia presente un Piano Particolareggiato. Inoltre, si devono presentare: visura e piantina catastale, atto di proprietà e concessioni in sanatorie (condoni). Infine, a fine lavori, il tecnico redige il certificato di agibilità e riconsegna al catasto la nuova pianta. 

Caratteristiche 

La D.I.A. è regolamentata, oggi, nel Testo Unico dell'Edilizia, racchiuso nel D.P.R. 380/2001 che, all'art. 22 e 23 ne descrive il potere e i limiti. Il documento va presentata all'Ufficio Tecnico del Municipio capitolino di residenza a firma di un Tecnico abilitato alla progettazione (ingegnere, architetto, geometra o perito). Deve contenere un progetto grafico rappresentante lo stato di fatto e la situazione futura, una relazione tecnica in cui si descrivono nel dettaglio le opere da compiersi e i riferimenti normativi, nazionali e locali, che interessano il provvedimento e la certificazione del fatto che il progettista si assume la responsabilità che le opere siano in conformità degli strumenti urbanistici vigenti al tempo dei lavori.

Differenza tra Dia e Scia 

La Dia (denuncia di inizio attività) è un atto di autodichiarazione che il proponente dell'intervento invia al Comune di Palermo. La Scia (segnalazione certificata di inizio attività), ha una portata più ampia della Dia (che ha sostituito in diversi casi).

Contatti utili

A Palermo, per presentare la dichiarazione di inizio attività è possibile mettersi in contatto con il Suap o con il Comune di Palermo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento