Terrasini strizza l'occhio alla mobilità sostenibile, installate colonnine per veicoli elettrici

L’iniziativa grazie a un protocollo tra il Comune ed Enel X. Le postazioni si trovano in corso Vittorio Emanuele e in viale Carlo Alberto Dalla Chiesa

Il Sindaco con i rappresentanti di Enel (da sinistra Claudia La Rosa, Stefano Terrana e Claudio Marcatajo)

Terrasini strizza l'occhio alla mobilità sostenibile. Sono due le colonnine elettriche installate nell'area urbana, più precisamente in corso Vittorio Emanuele e viale Carlo Alberto Dalla Chiesa. "Rendere la mobilità sempre più intelligente e sostenibile - si legge in una nota ufficiale di Enel - rappresenta un obiettivo fondamentale per favorire anche una maggiore e migliore fruibilità turistica del territorio. Una visione che si realizza anche attraverso il dialogo e la condivisione di best practices tra pubblico e privato per costruire un sistema di mobilità efficiente e virtuoso".

Grazie a un protocollo sottoscritto dall'amministrazione comunale di Terrasini e da Enel X, la divisione del gruppo Enel dedicata a prodotti innovativi e soluzioni digitali, sono due le colonnine di ricarica "piantate" per incentivare la mobilità sostenibile cittadina e favorire la creazione di percorsi turistici a zero emissioni. Quela di corso Vittorio Emanuele è una colonnina di tipo Quick (22+3 kilowatt, che ha una postazione per la ricarica di autovetture elettriche e una postazione per la ricarica di microcar e moto elettriche. La seconda postazione, in viale Carlo Alberto Dalla Chiesa, è invece di tipo Quick (22+22 kW) e consente di ricaricare contemporaneamente due autovetture elettriche.

L’iniziativa rientra nel piano nazionale Enel per l’installazione delle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici che vedrà la posa di circa 7 mila colonnine entro il 2020, per arrivare a 14 mila nel 2022. Tale programma prevede una copertura capillare in tutte le Regioni italiane e contribuirà alla crescita del numero dei veicoli elettrici e ibridi circolanti. "Il protocollo sottoscritto - ha dichiarato il sindaco di Terrasini, Giosuè Maniaci - dimostra la volontà della nostra Amministrazione di voler accogliere e favorire l’evoluzione di un sistema di mobilità sostenibile, con grandi benefici per l’ambiente e per i cittadini".

L'Enel ha annunciato un investimento tra i 100 e i 300 milioni di euro per lo sviluppo di una rete capillare di ricarica composta da colonnine Quick (22 kW) nelle aree urbane e Fast (50 kW) e Ultra Fast (150 kW), per la ricarica veloce, in quelle extraurbane. Circa l’80% dei punti di ricarica verrà installato nelle zone cittadine, di cui il 21% nelle grandi aree metropolitane e il 57% nelle altre città, e il restante 20% circa a copertura nazionale, per garantire gli spostamenti di medio e lungo raggio, nelle zone extraurbane e nelle autostrade.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra queste ultime rientrano le stazioni di ricarica del progetto Eva+ (Electric Vehicles Arteries), co-finanziato dalla Commissione Europea, che prevede in tre anni l’installazione di 180 punti di ricarica lungo le tratte extraurbane italiane.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Palermo usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • L'incidente di Bonagia, lacrime a "Dallas": morto diciottenne

  • E' subito folla alla Vucciria, Taverna Azzurra quasi come in periodo "pre-Covid"

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento