menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gestione dei rifiuti e green economy, il Comune parteciperà ad assemblea di Agende 21

Avrà luogo il 7 e 8 luglio prossimi a Castelbuono. Agende 21 sostiene la diffusione dei principi per rendere sostenibile lo sviluppo integrando aspetti economici, sociali e ambientali

Si è svolta questa mattina a Palazzo delle Aquile, nella Sala Giunta, la conferenza stampa di presentazione della XVIII Assemblea Nazionale dei Soci del coordinamento delle Agende 21 Locali Italiane che avrà luogo dal 7 all’8 luglio prossimi presso il Comune di Castelbuono, nella sala convegni del Polo museale dell’ex convento di San Francesco (Museo Naturalistico “Francesco Minà Palumbo”). 

A Castelbuono, che fa parte della Città metropolitana di Palermo, si riuniranno sindaci e amministratori locali provenienti da tutta Italia ed aderenti  al Coordinamento Agende 21, che ad oggi conta oltre 400 soci tra Regioni, Province, aggregazioni di Comuni, Comunità Montane ed Enti Parco: sono invece 348 i Comuni, 30 dei quali siciliani. Agende 21 sostiene la diffusione dei principi per rendere sostenibile lo sviluppo, integrando aspetti economici, sociali e ambientali. Il tema di quest’anno è: “Promuovere, sviluppare, sperimentare l'Economia circolare”.

Tutto deve essere riutilizzato, in sintesi, nell’ottica del principio della sostenibilità ambientale e di un’economia circolare che in qualche modo possa rigenerarsi da sola ed in cui “la gestione dei rifiuti – ha detto l’assessore all’Ambiente Sergio Marino – da problema si trasformi in opportunità di sviluppo. Per ottimizzare, infatti, lo smaltimento dei rifiuti e superare le criticità con la gestione in ambito sovracomunale, il Comune di Palermo aderirà presto ad Agende 21. Il sindaco Leoluca Orlando segue con estrema attenzione, in questo senso, il percorso avviato dagli assessorati competenti dell’amministrazione comunale - ha detto Marino – e l’attenzione è ancora maggiore da quando Orlando è anche sindaco della Città Metropolitana di Palermo”.

“I noti problemi del comparto (malfunzionamento degli Ato in Sicilia, scarse percentuali generalizzate di riciclaggio dei rifiuti, a parte rari comuni virtuosi), quindi, possono essere superati a livello di comprensori più estesi - ha dichiarato l’assessore all’Energia ed Innovazione Gianfranco Rizzo - e promuovendo l’economia circolare di Agende 21, che altro non è che la green economy, l’unico settore oggi in Italia in crescita per posti di lavoro e fatturato (un incremento superiore in percentuale alla stessa Germania). Certamente, però, si dovrà privilegiare lo sviluppo di piani di gestione tecnicamente attuabili nel concreto, anche partendo da esperienze positive già in atto, piuttosto che enunciazioni generali di principio, anche condivisibili, ma che rischiano di restare un libro dei sogni. L’esperienza di Agende 21, infatti, non è nuova e risale alla Conferenza di Rio del 1992 sull’ambiente. Se oggi parliamo di un suo rilancio ed incremento, significa che le opportunità offerte dalla green economy anche nell’Area Metropolitana di Palermo possono essere condivise dagli enti locali del territorio".

“Il ruolo dei territori e dei governi locali è strategico – afferma Maurizio Tira, presidente del Coordinamento Agende 21 – bisogna partire da qui, individuando le sperimentazioni efficaci e le buone prassi che possano assurgere a modelli per costruire concretamente la fase di transizione verso un’economia circolare”. Il Sindaco di Castelbuono Antonio Tumminello, vice Presidente di Agende 21, oltre a ricordare le esperienze pilota nella gestione dei rifiuti del Comune, ha sottolineato che l’Assemblea di Castelbuono del 7 e 8 luglio ospiterà anche una delegazione di amministratori locali provenienti da tutta Europa.

IL PROGRAMMA - Si inizierà giovedì 7 luglio con un convegno a più voci sull’economia circolare a partire dalle direttive europee e dalle esperienze delle città e dei territori italiani, proseguendo con quattro diversi gruppi di lavoro per operatori ed enti locali sui temi del ciclo di vita dei prodotti, degli acquisti verdi, della rigenerazione urbana sostenibile e degli strumenti a disposizione per una politica ambientale in cui l’economia  circolare sia l’elemento trainante.

Venerdì 8 luglio sono previsti la lectio magistralis del Senatore Stefano Vaccari, relatore del recente Collegato Ambientale; l’intervento del Sindaco di Castelbuono Antonio Tumminello sulle esperienze già avviate in Sicilia e, a seguire, l’Assemblea annuale dei soci di Agenda 21.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento