Eventi

Ponte di mare: artigianato, terracotta, auto costruzione, arte e narrazione in un workshop

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Ponte di mare è un progetto dell’Ecomuseo Urbano Mare Memoria Viva e CLAC, vincitore del bando “Prendi Parte! Agire e pensare creativo” ideato dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane (DGAAP) del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, per promuovere l’inclusione culturale dei giovani nelle aree caratterizzate da situazioni di marginalità economica e sociale.

Il progetto - realizzato da Ecomuseo Urbano Mare Memoria Viva e CLAC, in partenariato con l’associazione Mare Memoria Viva, l’Istituto di Formazione Politica Pedro Arrupe, l’associazione Caravanserai Palermo e l’associazione Zisalab - mira a coinvolgere giovani NEET (giovani tra i 18 e i 29 anni che non studiano e non lavorano) italiani e stranieri, a partire da quelli residenti nella seconda circoscrizione del Comune di Palermo, in due percorsi creativi. Il primo workshop partito a gennaio è condotto dalla designer Sara Ricciardi; il secondo, a partirà nel mese di marzo, proposto da Juan Esteban Sandoval di El Puente_lab, un collettivo attivo a livello internazionale - principalmente in Italia e Colombia. 

L’Ecomuseo Mare Memoria Viva, ente proponente del progetto è nato nel 2014 grazie ad un progetto di CLAC supportato dalla Fondazione CON IL SUD in partnership con il Comune di Palermo - Ass.to alla Cultura - Servizio Musei e Spazi Espositivi, e sarà un vero e proprio “ponte” tra i ragazzi e i processi di progettualità artistica. “La Festa delle Cose” è il secondo workshop a cura di Juan Esteban Sandoval del collettivo El Puente_Lab e Giulia Crisci di Mare Memoria Viva. Juan, nato a Medelin(Colombia) nel 1972, vive tra la Colombia e l’Italia. Per lui “l’arte è un motore, non deve essere isolata dalla vita di tutti i giorni, ma radicata e in dialogo con tutto il mondo sociale”. Dal 2003 fa parte de El Puente_Lab il cui lavoro si fonda sul principio di trasformazione sociale responsabile e considera la creazione artistica come uno strumento di attivazione che avvia, facilita e accompagna processi di educazione, comunicazione e trasformazione urbana e sociale.

Giulia Crisci è curatrice d'arte indipendente, si occupa di pratiche artistiche che lavorano con le comunità territoriali, con particolare attenzione alla città e alle sue aree di conflitto per creare spazi di pensiero critico e azione collettiva. È parte dell'associazione Mare Memoria Viva e nel contesto dell'Ecomuseo Urbano si occupa di pratiche artistiche e processi di comunità. 

Il workshop offre un percorso che segue tutte le fasi di progettazione e di realizzazione di manufatti, partendo da materiale grezzo, fino alla creazione e all'uso di oggetti capaci di attivare relazioni tra le persone. Il gruppo indagherà l'area della costa sud-est a partire dai suoi materiali, dalle sue trasformazioni paesaggistiche, incontrerà artigiani, abitanti e soprattutto storie di persone e dei loro oggetti. Insieme si progetteranno eventi rivolti agli abitanti, in cui il “fare insieme” è base per azioni e momenti aggregativi, allo scopo di creare relazioni, raccontare Palermo e la sua gente di costa, ovvero di: fare comunità.

Il workshop si rivolge a giovani tra i 18 e i 29 anni che al momento non studiano e non hanno un’occupazione stabile. La partecipazione è gratuita, i posti sono limitati. Per partecipare al workshop bisogna inviare la propria candidatura entro il 23 febbraio compilando il form sulla pagina facebook Ponte di Mare. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ponte di mare: artigianato, terracotta, auto costruzione, arte e narrazione in un workshop

PalermoToday è in caricamento