WeekEnd

Le mostre sulla Shoah, il vintage a Villa Filippina: gli eventi clou del weekend

Il 27 gennaio è il giorno del ricordo: tanti gli appuntamenti per non dimenticare lo sterminio degli ebrei ma non solo. Anche il primo circo senza animali ai Danisinni e i tour alla scoperta di storici palazzi, come l'Alliata di Villafranca

Il 27 gennaio è il giorno in cui nel 1945 i soldati dell’armata rossa fecero il loro ingresso nel campo di concentramento di Auschwitz e liberarono i prigionieri sopravvissuti. L’arrivo ad Auschwitz svelò al mondo l’orrore della Shoah, lo sterminio degli ebrei. Per questo, per ricordare la deportazione nei campi subita da milioni di persone, è stato istituito il “Giorno della Memoria”. Laboratori, film, mostre e spettacoli sono in programma per questo lungo weekend, insieme a tanti altri appuntamenti per grandi e piccini, come il primo circo senza animali ai Danisinni o i tour alla scoperta di storici palazzi, come l'Alliata di Villafranca. 

1. Mostra "Ricordi Futuri 3.0. Diaspore in terra di Sicilia" a Palazzo Sant'Elia. Da sempre la cultura ebraica è legata al concetto del ricordo, diventato poi cardine rievocativo della Shoah nella Giornata della Memoria del 27 gennaio. Ed è proprio pensando a questa occasione che la Città Metropolitana e la Fondazione Sant’Elia ospitano a Palermo "Ricordi Futuri 3.0. Diaspore in terra di Sicilia”. 

2. Evento "Volando su Ballarò". Una mattinata dedicata ai piccoli del popolare quartiere palermitano, che potranno provare l’ebbrezza di sorvolare la città per circa 30 minuti a bordo dei velivoli in forza all’Aeroclub di Boccadifalco. 

3. Danisinni Circus al Teatro dei Cappuccini. Illusionismo, giocoleria, acrobazie e gag con artisti locali e internazionali, per vivere una serata a sostegno del primo circo sociale permanente senza animali. 

4. Mostra mercato "Palermo City Retrò" a Villa Filippina. Sotto ai portici settecenteschi del parco si svolgerà la fiera espositiva interamente dedicata agli amanti del vintage e del collezionismo.

Palazza Alliata di Villafranca - palermo-25. Visite a Palazzo Alliata di Villafranca. Ampiamente rimaneggiato a seguito del terremoto del 1751, lo storico palazzo vide impegnati nella costruzione alcune tra le maestranze più importanti del settecento siciliano; l’architetto Giovanni Battista Vaccarini, gli stuccatori di scuola serpottiana (forse Procopio Serpotta, figlio del più celebre Giacomo) e il pittore Gaspare Serenario.

6. Spettacolo "Terra Matta" al Teatro delle Balate. Lo spettacolo, primo di una trilogia, parte dall’omonima biografia, pubblicata postuma da Einaudi, del bracciante siciliano semianalfabeta Vincenzo Rabito che in 1027 pagine dattiloscritte, senza margini e un punto e virgola dopo ogni parola, racconta la sua vita all’interno della più ampia e drammatica storia del Novecento italiano.

7. Festa per i 50 anni dell'Istituto Tecnico Economico "Giuseppe Salerno" di Gangi. Nato nel turbolento 1968 come sezione staccata dello “Jacopo del Duca” di Cefalù, ottenne negli anni 70 l’autonomia sotto il nome del più famoso fra gli artisti Gangitani “Giuseppe Salerno”, meglio conosciuto come “Lo Zoppo di Gangi”. 

8. Spettacolo "Holocaust - Stanza 11" al Teatro Orione. A metà tra lo storico e il metafisico, Holocaust, si presenta come una dissonante giostra di tormentate coscienze. Una stazione, una stazione qualunque, attraversata, per una crudele casualità, da sette vite umane sospese, alla soglia di una condanna senza processo: un abbandono di sogni. Il bagaglio è pesante: ciascuno stringe forte il suo, con la sua identità violata, i suoi sacri affetti.

9. Concerto dell'Orchestra Sinfonica Siciliana al Teatro Politeama. Ritorna sul podio del Politeama, dopo lunga assenza, una delle più acclamate bacchette: si tratta del maestro Daniel Oren.

edoardo ferrario-210. Spettacolo di Edoardo Ferrario al Mob. Un’ora e mezza di monologhi, personaggi, imitazioni e sketch sulla confusa e paradossale realtà italiana e sulle più diffuse ossessioni moderne: la ricerca del posto fisso e i colloqui di lavoro, la tecnologia, il cibo biologico, l'offerta televisiva.

11. Visita all'ex quartiere ebraico. Cosa resta dell’antica Giudecca di Palermo? Un percorso guidato che mira a far scoprire una pagina poco nota della storia di Palermo, all’ interno di quel che resta in città dei borghi della Guzzetta e della Meschita, abitati per diversi secoli dagli Ebrei, fino alla loro espulsione avvenuta alla fine del ‘400.

12. Spettacolo "A Number" al Teatro Libero. Considerata tra le più grandi autrici contemporanee, la britannica Caryl Churchill nel testo di A Number affronta il tema dell’eugenetica mantenendo il carattere più rappresentativo della sua produzione: una narrazione frammentaria e a tratti surrealistica. 

13. Lo spettacolo "Mastercost" al Teatro Jolly. Si parte con un omaggio al canzone napoletana (chella lla) cantata sulle note di In the mood. Poi Sergio, in cura dallo psicologo, io mammete e tu di Domenico Modugno cantata e ballata col tip tap. Poi Maurizio il collaudatore di supposte, la macchietta O’ suspiro e il nuovo sketch dal titolo L’Andrologo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le mostre sulla Shoah, il vintage a Villa Filippina: gli eventi clou del weekend

PalermoToday è in caricamento