"Vania", lo spettacolo va in scena al Teatro Libero

Da giovedì 24 a sabato 26 novembre alle ore 21.15 andrà in scena la Vania di A. Cechov. ideazione e regia Stefano Cordella, drammaturgia collettiva con Stefano Cordella, Francesca Gemma, Vanessa Korn, Fabio Zulli.

Disegno luci Marcello Falco, costumi e realizzazione scene Stefania Corretti e Maria Barbara De Marco, organizzazione Giulia Telli, produzione Compagnia Oyes - Milano con il sostegno di MiBACT /Regione Umbria /Comune di Gubbio /URA “tutti, finché siamo giovani, cinguettiamo come passeri sopra un mucchio di letame" A. Cechov.

“Vania” tratto dal romanzo di A. Cechov, idea e regia di Stefano Cordella, andrà in scena al Teatro Libero giovedì 24 novembre alle ore 21.15 (in replica sino a sabato 26 novembre), una drammaturgia collettiva con Francesca Gemma, Vanessa Korn, Fabio Zulli; luci di Marcello Falco, costumi e realizzazione scene di Stefania Corretti e Maria Barbara De Marco; una produzione Compagnia Oyes - Milano. La rilettura che Stefano Cordella fa del testo russo “Zio Vanja” di Anton Cechov riflette, come uno specchio, la nostra società ferma e immobile nelle sue frustrazioni. Una società dove, spesso, una sorta di limbo raccoglie e accoglie chi è troppo vecchio per rifiorire e troppo giovane per morire, dove la maggior parte dei trentenni vagano senza meta, si aggrappano al passato e guardano al futuro con occhi disillusi. «Il mio proposito – specifica Cordella - è quello di raccontare, attraverso i personaggi del dramma russo, le paure, il senso di vuoto, la difficoltà di sognare che contraddistinguono i nostri tempi».

La vicenda si svolge in un paesino di provincia, il professore vive attaccato ad un respiratore artificiale con conseguenze tragicomiche sul resto della famiglia. Anche qui come nello “Zio Vanja” i personaggi sono insoddisfatti della loro vita, e davanti alla possibilità di cambiamento e rinnovamento si trovano a fare i conti con i freni che essi stessi operano. «I nostri personaggi – precisa il regista – sentono di non vivere la vita che vorrebbero. Ma la spinta al cambiamento deve fare i conti con la paura di invecchiare, le rigidità, i sensi di colpa, il timore di non essere all'altezza. Il rischio è sopravvivere senza vivere».

Contatti e prenotazioni allo 0916 174040. Biglietto intero €16, ridotto under25 €11, carte sconto esclusivamente per le prime €14.50.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Earth Day Palermo, una settimana di eventi online per la giornata mondiale della terra

    • Gratis
    • dal 22 al 29 aprile 2021
    • evento online
  • Mostra al centro d'arte Raffaello, in esposizione la personale dell'artista Mario Schifano

    • Gratis
    • dal 10 aprile al 29 maggio 2021
    • Centro d'arte Raffaello
  • Campo di bocce al Parco Uditore, ci pensa il Rotary Club Palermo Mediterranea

    • Gratis
    • 23 aprile 2021
    • Parco Uditore
  • Accelera con Amazon, in streaming il webinar per la digitalizzazione delle piccole e medie imprese

    • solo domani
    • Gratis
    • 21 aprile 2021
    • evento online
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    PalermoToday è in caricamento