Martedì, 28 Settembre 2021
Eventi Calatafimi / Vicolo Ganci, 9

"Triunfi": ai Danisinni mostre, proiezioni e spettacoli per il "festinello" della Santuzza

Una mostra evento che coniuga arti visive, teatro, relazione e tradizione tra gli spazi del museo sociale Danisinni e del Parco Sant’Agnese. Primo appuntamento alle 18.30 con l'inaugurazione dell'esposizione di Nicola Console che resterà allestita sino al 30 settembre. Ingresso gratuito con green pass

Domenica 5 settembre 2021 alle ore 18:30 nel rione Danisinni si festeggia la Santuzza nell’ambito delle iniziative organizzate per il Festinello 2021, con una mostra evento sui tradizionali Triunfi che coniuga arti visive, teatro, relazione e tradizione, tra gli spazi del museo sociale Danisinni e del Parco Sant’Agnese. "Triunfi: Rusulia, patruna di lu suli, di la luna e di li stiddi” è un piccolo "festinello" di Danisinni che recupera gli echi di una tradizione popolare che affiancava la grande festa ufficiale, e che si animava con eventi diffusi nei vari quartieri, dove si innalzavano piccole edicole votive, si ascoltavano i racconti degli "Orbi", si mangiava e si ballava insieme.

Oggi, domenica 5 settembre, triplice appuntamento: inaugurazione della mostra personale (che resterà allestita sino al 30 settembre) di Nicola Console con opere di piccole e grandi dimensioni, burattini e "opere indossabili" protagonisti, tra l’altro, dell’opera di video-arte realizzata con Rossella Puccio, proiettata in anteprima durante l’inaugurazione; i suoi "sacchi sacri indossabili" saranno inoltre vestiti dalle attrici e dagli attori di DanisinniLab, durante lo spettacolo sui triunfi con la regia di Gigi Borruso, la collaborazione di Stefania Blandeburgo e le musiche dal vivo di Giacco Pojero. Ingresso gratuito con green pass.

L’evento, ideato e curato da Valentina Console, presidente del museo sociale Danisinni in collaborazione con l’artista palermitano Nicola Console e il regista Gigi Borruso, direttore di Danisinni Lab, è promosso dal Comune di Palermo e dall’assessorato alle Culture all’interno del Festinello 2021. "Triunfi: Rusulia, patruna di lu suli, di la luna e di li stiddi" inaugura con l’occasione una nuova stagione per il museo sociale Danisinni e il suo laboratorio di teatro di comunità DanisinniLab, che dopo un lungo periodo di fermo, tornano a operare sul quartiere dando vita a eventi e operazioni che hanno un valore sociale oltre che artistico, "il museo sociale Danisinni - spiega la presidente Valentina Console - nasce con lo scopo di dialogare con il territorio mettendolo in relazione con l’arte e con il resto della città. Qui l’arte si riappropria dei valori intrinsechi e innesca dinamiche relazionali innovative".

Triunfi_opere Nicola Console_Museo Sociale Danisinni_ph. Rossella Puccio (2)-2

Il Triunfo che alimenta la speranza attraverso l’esempio della vita della Santa, qui celebra l’uomo alle prese con la difficile esperienza dello stare al mondo. Per le strade e i vicoli del quartiere Danisinni, durante i festeggiamenti per Santa Rosalia, la gente ha assistito a delle scene insolite dove delle figure sacre, dei simulacri, si sono animate interagendo in questo particolare contesto. Chi si è trovato da queste parti, in quei giorni, non può non aver avuto la sensazione di partecipare ai preparativi di un rito, a qualcosa d’inequivocabile, per genere di rappresentazione, eppure di frammentario e incompiuto. Un ringraziamento alla comunità di Danisinni, all’associazione “Insieme per Danisinni” e alla Parrocchia Sant’Agnese. La mostra sarà visitabile gratuitamente la mattina presso la sede del Museo Sociale Danisinni, vicolo Ganci 9, Palermo, previo appuntamento telefonico.

La mostra e i sacchi sacri indomabili di Nicola Console

Ancora una volta, l’arte dialoga direttamente con il territorio di Danisinni e la sua comunità, e lo fa a partire dalle opere di Nicola Console artista e scenografo palermitano, che da anni vive e lavora a Milano. “Cosa faranno più figure di Cristo animate insieme? E perché mai tante Madonne?Quello che è certo - spiega l’artista - è che s’intende mettere in contatto la collettività, che sbiadisce sempre più i propri riferimenti spirituali e le immagini della trascendenza, almeno quelle dell’ultima grande mitologia. La questione centrale risiede nel contenuto della storia, che riguarda ognuno di noi: la nascita dell’eroe, che esperimenta la progressiva attivazione della propria autocoscienza, già dal distacco dall’elemento materno, che si misura con una natura duplice essendo, in un primo momento, un uomo fra gli altri e, successivamente, quello che si sente come estraneo di fronte al collettivo, trovando in se stesso qualcosa di straordinario e divino».
Le opere esposte, un corpus di 29 pezzi di grandi e piccole dimensioni, sono sacchi neri di tela cuciti a mano su cui l'artista, con l’uso di solo acrilico bianco e attraverso i valori cromatici del bianco e nero, sviluppa in senso moderno la tradizione iconografica della pittura devozionale umanistica. Deposizioni, pietà, immagini della morte e della resurrezione ispirati a opere rinascimentali, che richiamano alla memoria le opere di Bellini e Bramantino. «La storia che si accingeranno a raccontare – continua a spiegare l’artista - è una storia antica che si svolge nel presente. Opere indossabili, come grandi marionette umane che hanno dialogato con lo spirito devozionale e la cultura popolare della nostra città, e che hanno dato vita a un’operazione di arte relazione che ha coinvolto tutta la comunità di Danisinni documentata all’interno dell’opera di videoarte “Triunfi. I sacchi di Palermo”, ideata e realizzata dagli artisti Nicola Console e Rossella Puccio.

Triunfi, i sacchi di Palermo: arte relazionale e opera video

Nicola Console e Rossella Puccio hanno dato vita a un’opera che rielabora la documentazione video di una piccola processione artistica estemporanea realizzata nel corso di tre giornate a Danisinni, in cui i “sacchi sacri indossabili” di Console sono stati animati da attrici e attori di DanisinniLab, sfilando attraverso gli spazi e i luoghi nodali del quartiere Danisinni. Riprese in presa diretta hanno registrato le emozioni e le reazioni di grandi e piccoli di fronte a queste grandi figure simulacro in bianco e nero che si muovevano intorno agli spazi comunitari. Gli scorci di un quartiere antico e affascinante, con le sue contraddizioni e questa umanità impegnata nel proprio riscatto, fanno da scenario a una performance che genera relazione, come negli spettacoli di strada del “Bread and Puppet Theatre” che a partire dagli anni ’60 usando elementi simbolicamente significativi come il pane e i pupazzi (e marionette, di dimensioni gigantesche) sfilava per piazze e strade distribuendo alla fine il pane agli spettatori. L’arte come pane per la vita, strumento di relazione e condivisione; ma anche azione politica che racconta le fragilità e contraddizioni della nostra società, effimera e allucinati, alle sue marginalità, con un messaggio diretto alla presa di coscienza e alla chiamata all’azione di ogni individuo. Con un registro ironico e a tratti grottesco, con una documentazione emotiva senza filtri o alcuna recitazione si racconta uno spaccato di Palermo tra passato e presente. Ancora una volta la comunità di Danisinni ha mostrato la capacità di avviare relazioni profonde, interagire senza chiusure e dialogare in una dimensione diversa dal proprio quotidiano.

Triunfi, arti visive e spettacolo

Gigi Borruso, direttore di DanisinniLab, riprendendo le forme dei tradizionali Triunfi dedicati a Santa Rosalia riscopre e restituisce nella sua regia il senso di una festa antica che anche quest’anno non ha percorso le strade di Palermo. La Città ogni anno si appella a Rusulia, alla sua memoria, al tempo mitico in cui il male fu vinto e la vita riprese il suo ciclo, temprata dalle sofferenze patite. Lo spettacolo si riconnette al senso della promessa, dell’attesa e della rinascita così strettamente legati al culto di Rosalia e - inevitabilmente -  al momento storico che stiamo vivendo".

"Questa tensione, fra la fatica della vita, con le sue difficili prove e la promessa della rinascita, è poi la tensione - spiega Gigi Borruso - che anima da sempre l’esperienza teatrale. Così il ‘Triunfu’ celebra quell’esplosione della vita dopo il patimento che connette il trascendente con la terra, il cielo con la vita degli uomini. E la figura di Rosalia nella tradizione popolare assorbe in sé tutte le qualità e i poteri del trascendente femminile, della madre spirituale della vita. Non è quindi curioso che, partendo dalla rievocazione della tragica peste che colpì Palermo fra il 1624 e il 1625, gli attori di DanisinniLab indossino le tuniche dipinte di Nicola Console, opere “da indossare e da animare” che interpretano le infiniti varianti della deposizione del Cristo, le infinite varianti della madre che accoglie il figlio fra le braccia. Un esperimento che intreccia l’arte visiva e con la dinamica del gesto teatrale. Per venirne fuori con un’esplosione di gioia e celebrare con il gioco, infine, il miracolo della vita che rinasce, il nuovo ciclo della terra".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Triunfi": ai Danisinni mostre, proiezioni e spettacoli per il "festinello" della Santuzza

PalermoToday è in caricamento