"Stop now": a Palermo un seminario su stalking, maltrattamenti e femminicidio

Ha lo scopo di far conoscere gli strumenti esistenti per contrastare questi fenomeni criminosi e informare sulle tutele cui possono avere accesso le donne vittime di questi reati

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Si svolgerà a Palermo il prossimo 17 maggio alle ore 16,30 il seminario “Stop now” avente ad oggetto la tutela della donna in materia di stalking, maltrattamenti e femminicidio. Il seminario ha lo scopo di far conoscere gli strumenti esistenti per contrastare questi fenomeni criminosi ed informare sulle tutele cui possono avere accesso le donne vittime di questi reati. L'incontro si terrà a Palermo presso il Teatro della Parrocchia Maria S.S. Madre della Chiesa, in Piazza S. Marino (Viale Francia). Il seminario vedrà fra i relatori soggetti rappresentativi delle istituzioni e professionisti a vario titolo impegnati nel contrasto alla violenza sulle donne.

L'approccio interdisciplinare vuole offrire ai partecipanti un quadro il più possibile esaustivo sugli strumenti di difesa e sugli interlocutori impegnati sul campo, oltre che favorire un rapporto diretto con loro. Interverranno tra gli altri Salvatore Donato Messina - Docente di Diritto Penale presso l'Università di Palermo, Giovanni Pampillonia – Primo Dirigente della polizia di stato e Dirigente della Divisione Anticrimine della Questura di Palermo, Maria Grazia Patronaggio – Presidente del centro antiviolenza “le onde” e Viviana Mercurio – Psicoterapeuta del centro antiviolenza “le onde”.

Filippo Sarullo, promotore ed organizzatore dell'evento, auspica un'ampia partecipazione della cittadinanza a questo evento che ha come destinatari non tanto e non solo gli addetti ai lavori, ma chiunque desideri essere aggiornato su un tema che ormai ha assunto dimensioni preoccupanti e che purtroppo sconta deficienze informative che, in alcuni casi, possono diventare concausa di morte o di danni alla persona, danni che potrebbero e dovrebbero essere evitati.

Torna su
PalermoToday è in caricamento