Bambini a teatro, sul palco del Biondo va in scena "Il pinguino senza frac"

Silvia Ajelli è autrice e interprete, insieme ad Aurora Falcone e Pietro Massaro, dello spettacolo per bambini Il pinguino senza frac, tratto dal racconto di Silvio D’Arzo, che andrà in scena nella Sala Strehler del Teatro Biondo di Palermo dal 12 al 23 e dal 27 al 30 dicembre 2018. Le musiche originali, eseguite in scena, sono di Dario Sulis.  

Il pinguino senza frac è uno spettacolo per grandi e piccini che ha in sé i canoni di un grande classico, perché ci ricorda che gli esseri viventi hanno tutti pari dignità, pari diritti, pari possibilità. Ci insegna che solo conoscendo l’altro si può sperare di comprenderlo e accoglierlo, che la diversità è ricchezza e che di fronte alla sofferenza e alla morte siamo davvero tutti uguali… dunque, che senso ha farsi la guerra? 

Il pinguino Limpo nasce in una famiglia poverissima, che non possiede l’ombra di un soldo. Madre e Padre lo accolgono con somma felicità, dandosi un mucchio di arie, pavoneggiandosi per quel cucciolo dalla fronte d’artista, gli occhi con i riflessi blu e viola, la voce che sembra musica. Limpo cresce e dimostra di essere un pinguino educatissimo, umile, rispettoso, che parla in modo forbito, ossequioso nei confronti del babbo e della mamma. 

Quando, emozionato, si appresta ad andare per la prima volta a scuola, chiede ai genitori di poter indossare anche lui il frac, proprio come tutti gli altri pinguini. La mamma e il babbo, però, imbarazzati e tristi, gli dicono che lui non può indossare il frac, perché lui il frac non ce l’ha, e che dovrà accontentarsi della sua camicia bianca.

Indossare il frac, simbolo di una condizione sociale agiata, a cui tendere per non essere più derisi e sbeffeggiati, diventa per Limpo una questione di vita o di morte. Tutti i pinguini-ragazzi lo additano, non vogliono giocare con lui, lo emarginano. Il giovane pinguino è depresso e infelice. Capisce di avere un’unica possibilità: lasciare la sua casa e partire alla ricerca di un lavoro per guadagnare dei soldi e potersi permettere un frac.

Quando chiede educatamente il permesso ai genitori, spiegandogli le sue motivazioni, l’autore ci regala un dialogo indimenticabile, pieno di amara ironia, di puntini di sospensione, di frasi lasciate a metà, di imbarazzanti silenzi e contraddizioni. Come possono, una mamma e un papà, acconsentire a una richiesta del genere? Separarsi dal proprio figlio… Farlo partire senza un soldo, solo, giovanissimo? E i pericoli? Gli orsi? I trichechi? I gabbiani col rostro? Spettacolo per bambini dai 5 ai 7 anni

Calendario delle rappresentazioni

  • mer. 12 dic. ore 10.00
  • gio. 13 ore 10.00
  • ven. 14 ore 10.00
  • sab. 15 ore 16.30
  • dom. 16 ore 11.00
  • mar. 18 ore 10.00
  • mer. 19 ore 10.00
  • gio. 20 ore 10.00
  • ven. 21 ore 10.00
  • sab. 22 ore 16.30
  • dom. 23 ore 11.00
  • gio. 27 ore 16.30
  • ven. 28 ore 16.30
  • sab. 29 ore 16.30
  • dom. 30 ore 10.30

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • I pupi, il teatro di figura, il teatro contemporaneo: torna il Festival di Morgana

    • dal 8 al 17 novembre 2019
    • luoghi all'interno dell'articolo
  • Aneddoti, storie e racconti per grasse risate: la comicità di Paolo Rossi sbarca ai Candelai

    • 21 novembre 2019
    • I Candelai
  • "Con sorte", buona la prima: lo spettacolo per la nuova stagione del Patafisico

    • dal 8 al 17 novembre 2019
    • Piccolo Teatro Patafisico

I più visti

  • Castrum Superius, il palazzo dei Re Normanni in una mostra che porta indietro nel tempo

    • dal 15 maggio 2019 al 10 gennaio 2020
    • Palazzo Reale
  • La casa delle farfalle fa il bis e torna al Museo Riso, sarà patrimonio dei palermitani

    • dal 5 ottobre al 31 dicembre 2019
    • Museo Riso
  • Bim Bum Bam, giocattoli diventano opere d'arte: due mesi di mostra allo Steri

    • Gratis
    • dal 3 ottobre al 23 dicembre 2019
    • Complesso Monumentale dello Steri
  • Da Monet e Van Gogh a Klimt, sette capolavori perduti rivivono in 3D all'Abatellis

    • dal 10 ottobre al 8 dicembre 2019
    • Palazzo Abatellis
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento