Apologia, quando una generazione fa i conti con se stessa: lo spettacolo al Biondo

  • Dove
    Teatro Biondo
    Via Roma, 258
  • Quando
    Dal 04/02/2020 al 09/02/2020
    orari all'interno dell'articolo
  • Prezzo
    ingresso a pagamento | ticket al botteghino
  • Altre Informazioni

Elisabetta Pozzi è la protagonista di Apologia di Alexi Kaye Campbell, drammaturgo greco naturalizzato britannico, che debutta nella Sala Strehler del Teatro Biondo di Palermo martedì 4 febbraio alle ore 21.00 nella messa in scena prodotta dal Centro Teatrale Bresciano e dal Teatro Stabile di Catania e diretta da Andrea Chiodi. 

Al fianco di Elisabetta Pozzi recitano Alberto Fasoli, Christian La Rosa, Francesca Porrini, Martina Sammarco. Le scene sono di Matteo Patrucco, i costumi di Ilaria Ariemme, le musiche di Daniele d’Angelo e le luci di Cesare Agoni. Repliche fino al 9 febbraio. Apologia è una commedia ironica e allo stesso tempo profonda, che affronta con humour britannico la storia di una famiglia della buona società inglese, fatta di scomode verità domestiche, di grandi speranze e altrettanto cocenti disillusioni, fino a una sorprendente, emozionante conclusione.

Kristin Miller - intrepretata da Elisabetta Pozzi - è una colta sessantenne, esperta di storia dell’arte, in gioventù militante della sinistra radicale e da sempre politicamente impegnata. È madre di due figli: Peter, un banchiere, e Simon, un romanziere fallito. Ha con loro un rapporto difficile: la sua schiettezza quasi brutale e la sua tendenza alla critica mordace sembrano pregiudicare irrimediabilmente la serenità familiare. 

Nell’occasione del suo compleanno è prevista nella sua casa di campagna una cena che la riunirà dopo molto tempo con i figli, affiancati dalle rispettive compagne: Claire, attrice inglese di soap opera, e Trudi, la nuova fidanzata americana di Peter, che Kristin ancora non conosce. Completa la compagnia Hugh, disincantato e ironico omosessuale, coetaneo e amico e di vecchia data della padrona di casa. 

"Trovarsi davanti a questa serata in famiglia, che si trasforma in una sorta di resa dei conti della vita di tutti - spiega il regista Andrea Chiodi - è stato come trovarsi davanti a un Čhecov contemporaneo. Per tematiche, ma soprattutto per la costruzione dei rapporti tra i personaggi e delle scene tra di essi. Ho voluto immaginare una casa come luogo privilegiato ed esclusivo, chiuso e nascosto, dentro cui si muovono i pensieri, gli sguardi, le difese e gli scontri di tutti. Il testo di Campbell, così perfettamente orchestrato, con un ritmo serratissimo e un plot molto chiaro, ci ha permesso di lavorare sui ritmi e sui silenzi quali momenti privilegiati per la riflessione e il pensiero". 

Nel corso di questa turbolenta serata in famiglia succede di tutto: si riaprono ferite, si rivivono ricordi, si spalancano le grandi domande dei nostri tempi: il possibile fallimento delle rivolte studentesche e del ’68, l’imborghesimento di chi ne faceva parte e poi ancora domande sul consumismo e sulla fede, sui rapporti umani, sul coltivare i propri talenti e sulla relazione tra genitori e figli, su cosa si è lasciato loro in eredità di quel periodo in cui si credeva nel valore delle ideologie. 

"Dentro queste grandi tematiche - aggiunge Chiodi - abbiamo dovuto muoverci e dar vita a una situazione privata con il desiderio di renderla universale, senza dare delle risposte ma raccontando l’eccezionalità che è l’umano quando si mette in ricerca. Tutto questo passando da Giotto, quale vero artista rivoluzionario, che offre a noi l’occasione di riguardare ai grandi del passato per capire meglio come essere artisti oggi, ripartendo dalle esigenze reali e importanti che ci muovono". 

Calendario delle rappresentazioni

  • mar. 4 feb. ore 21.00
  • mer. 5 feb. ore 21.00
  • gio. 6 feb. ore 21.00
  • ven. 7 feb. ore 17.00
  • sab. 8 feb. ore 17.00
  • dom. 9 feb. ore 20.00
     

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Villa Filippina, non solo visite: ecco lo spettacolo del fuoco e delle stelle

    • solo oggi
    • 25 settembre 2020
    • Villa Filippina
  • "Parola a Palermo", la rassegna per gli artisti del territorio del Teatro Biondo

    • dal 29 settembre al 17 ottobre 2020
    • luoghi all'interno dell'articolo
  • Mercurio Festival: ai Cantieri Culturali teatro, musica, danza, performance e arti visive

    • dal 25 settembre al 3 ottobre 2020
    • Cantieri Culturali alla Zisa

I più visti

  • Mercato del contadino a Ficuzza: ogni domenica l'appuntamento enogastronomico

    • Gratis
    • dal 26 luglio al 25 ottobre 2020
    • Real Casina di Caccia di Ficuzza
  • Ville nobiliari, musei gioiello, chiese nascoste e case d’artista: Le Vie dei Tesori debutta a Bagheria

    • dal 12 al 27 settembre 2020
    • luoghi sul sito
  • Museo Diocesano, la riapertura con la mostra "Architetture barocche in argento e corallo"

    • dal 10 luglio al 10 ottobre 2020
    • Museo Diocesano
  • Terracqueo, una grande mostra sul Mediterraneo va in scena a Palazzo Reale

    • dal 16 settembre al 30 novembre 2020
    • Palazzo Reale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    PalermoToday è in caricamento