“Sicilia classica festival”, la musica riparte da Turandot a Terrasini

Proprio come a Teatro: il cambio scena ha sempre bisogno del buio. E il mondo intero, maestoso teatro nostro, dopo mesi di fittissima oscurità, si prepara coraggiosamente alla nuova scena. E c'è già rumore dopo il buio della quarantena: è l'Italia che riparte. Le regioni italiane hanno riacceso i motori. Ed anche la cultura, l'arte tutta, è pronta, anzi prontissima all'audace riavvio. bIn prima linea la Sicilia, da sempre terra tenace, testarda, pronta a rischiare, a trascinare. Dopo il silenzio assordante della chiusura, i teatri, le fondazioni, le società e le associazioni culturali tornano finalmente, ancora a cancelli semichiusi e sottovoce, ad accendere gli uffici. Ed è ancora una volta SiciliArte, con il prestigioso e attesissimo Sicilia Classica Festival 2020 ad intimare con convinzione un “Avanti tutta” dal capoluogo siculo nel nome del Teatro e della Musica. Non se ne parla di lasciare la Sicilia senza lirica. Siamo rimasti immobili innanzi alla tragedia, una tragedia che racconterà il 2020 come uno degli anni più oscuri nella storia delle nazioni. Ed è bene tenere a mente che non è finita, che dipende da noi, da tutti noi. La condotta, la tolleranza, la prudenza: nulla va dimenticato. Ma è anche tempo di scavare tra le macerie, recuperare i progetti sommersi, i pensieri migliori: è tempo di tornare. Tra i più audaci ancora una volta ci sono gli artisti; musicisti, scenografi, macchinisti, attrezzisti, registi, attori, danzatori, coristi.
E sono tornati a squillare anche i telefoni di tutti i sovrintendenti d'Italia. Ed è nel palermitano che si parla già con trepidazione di Sicilia Classica Festival, annunciato e atteso già da molti mesi. E SiciliArte, puntuale come un orologio svizzero, ha già le sue date. Sarà infatti l'Anfiteatro Villa a Mare di Terrasini, il 29 e il 30 Agosto, ad aprire il grande Festival e abbracciare di nuovo il suo pubblico, in piena sicurezza, con una nuova, imperiale scommessa: Turandot, di G. Puccini, con la raffinatissima regia di Salvo Dolce, una produzione che il 5 e il 6 Settembre, a grande richiesta, replicherà all'Arena delle Rose di Castellammare del Golfo. Una Turandot all'insegna delle distanze emotive, che scandiscono i giorni di tutti da duemila anni; un'indagine profondissima dei sentimenti e delle paure che tengono separate le vite umane, per volontà egoistica o per una tragedia inevitabile. Un vero scavo archeologico nelle viscere di un'umanità impaurita, sospesa, circuita dal mistero della vita e della morte, da sempre quest'ultima principessa di enigmi irrisolti. Un cast di voci imponenti e sicure rievocherà le melodie narrative dell'amatissimo compositore toscano: Natasa Kàtai (Turandot), Alberto Profeta (Calaf), Lucia Escribano/Stephanie Van Der Goes (Liù), Pierpaolo Christian Barone (Timur), Salvatore Grigoli (Ping), Francesco Ciprì (Pang), Manuel Pierrattelli (Pong), Davide Schiacchitano (Altoum, Principe di Persia), Giovanni Palminteri/Alberto Crapanzano (Mandarino), Mariano Manzella (il Carnefice), Valentina Vinti (I Ancella), Lillj Lo Grasso (II Ancella); una produzione che punta in alto, molto in alto.
Ed è con questa solenne volontà di intenti che l'organizzazione di SiciliArte e la direzione musicale di Alessandra Pipitone e Stefano Romani, le due bacchette che dirigeranno l’Orchestra Filarmonica della Sicilia e il Coro Lirico Mediterraneo, realtà già note con grande successo nel panorama siciliano ed internazionale e presiedute da Nuccio Anselmo, racconteranno questa Turandot senza patria, attraverso il luminoso finale dell'opera completato da Franco Alfano, su ripresa delle ultime note pucciniane: “O Sole! Vita! Eternità” canteranno un nuovo giorno di luce. E lampeggiano, già in trattative, sotto il medesimo stendardo di Sicilia Classica Festival, per il prossimo autunno, epici titoli sinfonici e lirici: Cavalleria Rusticana, di P. Mascagni, La Traviata, Messa da Requiem, di Giuseppe Verdi, Carmina Burana, di Carl Orff, che riempiranno di musica i barocchi affreschi della Chiesa del SS. Salvatore di Palermo e della prestigiosissima Cattedrale di Monreale, sotto la direzione artistica di Nuccio Anselmo. Molti gli appuntamenti con Sicilia Classica Festival, che ad agosto 2021 curerà, grazie alla collaborazione della Regione Siciliana e il Parco archeologico di Naxos, l'allestimento di Aida, di Giuseppe Verdi, presso il Teatro Antico di Taormina. Un festival di promesse che verranno mantenute: perché arte è garantire.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Terracqueo, una grande mostra sul Mediterraneo va in scena a Palazzo Reale

    • dal 16 settembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Palazzo Reale
  • I 100 volti di David Bowie nelle foto di Masayoshi Sukita: la mostra a Palazzo Sant'Elia

    • dal 10 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Palazzo Sant'Elia
  • Corretto e consapevole utilizzo del telefonino: arriva "Stop phone", online tre webinar

    • 29 gennaio 2021
    • evento online
  • Dagli sport individuali a quelli di squadra: appuntamento a Villa Filippina per grandi e piccini

    • 6 febbraio 2021
    • Villa Filippina
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    PalermoToday è in caricamento