Mercoledì, 23 Giugno 2021
Eventi Tribunali-Castellammare

Seminario “Mafia e Stato, o si fanno la guerra o si mettono d’accordo”

L'Associazione Studentesca "Vivere Giurisprudenza", in collaborazione con "Vivere Ateneo", presenta il Seminario

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

L'Associazione Studentesca "Vivere Giurisprudenza", in collaborazione con "Vivere Ateneo", presenta il Seminario. "Mafia e Stato, o si fanno la guerra o si mettono d'accordo".

L'evento si terrà giorno 14 ottobre alle ore 17:00, presso l'Aula Magna della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Palermo.
Verranno riconosciuti 2 crediti formativi (CFU) agli studenti di Giurisprudenza che parteciperanno all'incontro.

Il seminario è pensato per sensibilizzare e informare sui rapporti tra Stato e Mafia, i quali generalmente si pongono in discordia ma che storicamente, soprattutto a livello territoriale, hanno punti d'ombra. L'incontro vedrà come ospiti studiosi del fenomeno mafioso i quali illustreranno, anche attraverso una breve disamina storico-sociale, alcune questioni inerenti al tema offrendo importanti spunti di riflessione e operatori di legalità al livello territoriale i quali porteranno la loro testimonianza e aiuteranno la platea a comprendere le eventuali interconnessioni tra i due forti poteri non solo in ambito nazionale ma soprattutto al livello del territorio.

Interveranno:

Gino Pantaleone: Scrittore che si è avvicinato allo studio del fenomeno mafioso attraverso il contatto con Michele Pantaleone, esperto mafiologo che ha combattuto un'intera vita contro la Mafia ed i soprusi della stessa. Ha edito il libro "Non dobbiamo aver paura", nel quale si affrontano temi scottanti attraverso una conversazione tra i due omonimi, di prossima pubblicazione il libro "Il Gigante Controvento", biografia analitica di Michele Pantaleone e testimonianza di come il fenomeno mafioso influisca molto negativamente sulla vita di ognuno.

Pino Maniaci: imprenditore edile, rileva la sua emittente televisiva regionale "Telejato" nel 1999, che diventa punto di riferimento per redazioni e giornalisti nazionali che ricercano notizie nell'area di operatività dell'emittente. Numerosi i temi trattati, tra cui notizie relative alla criminalità organizzata sovente con toni di denuncia in un bacino d'utenza caratterizzato storicamente dalla forte presenza mafiosa nonché gestione amministrativa, questione ambientale, economia, degrado del clima politico, speculazioni sul territorio. Pino Maniaci, inoltre porterà la sua testimonianza, essendo stato vittima di intimidazioni mafiose.

Salvo Vitale: professore di Storia e Filosofia presso il Liceo Scientifico di Partinico, è stato co-conduttore, insieme all'amico Peppino Impastato di Radio Aut. Da sempre impegnato nell'antimafia ha collaborato con numerosi quotidiani nazionali. E' anche scrittore, numerose le pubblicazioni tra cui ricordiamo "Arrangiamenti: rabbia in versi", "Peppino Impastato: una vita contro la mafia".

Antonino Agnello: Studioso del processo penale, abilitato come avvocato dal 1973, esercita l'attività professionale in ambito penale; ha maturato così una esperienza quarantennale che gli consente di ripercorrere la storia dell'attività giudiziaria di contrasto al fenomeno criminale mafioso; Ha partecipato a processi storici quali, tra i tanti, il primo processo per la strage di viale Lazio, il processo dei "114", il processo per la strage di piazza Fontana, il primo maxiprocesso contro la mafia, il processo per l'omicidio di Ignazio Salvo, il processo "Akragas", il processo "operazione Occidente".

La partecipazione è, ovviamente, gratuita.
E' necessario effettuare l'ISCRIZIONE mandando una mail a viveregiurisprudenza@gmail.com con oggetto "seminario mafia e stato" e recante: nome, cognome e numero di cellulare (per eventuali comunicazioni urgenti).


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Seminario “Mafia e Stato, o si fanno la guerra o si mettono d’accordo”

PalermoToday è in caricamento