Santuzza card, biglietto unico e apertura straordinaria di quattro monumenti per il Festino

Giovedì 14 luglio e fino al 31 luglio torna per il secondo anno consecutivo il biglietto unico dedicato a Santa Rosalia. Saranno visitabili quattro gioielli del centro storico nei week end di luglio e apertura straordinaria il giorno del Festino. 

Una splendida occasione per visitare questi monumenti coinvolti dalla più affascinante e tradizionale festa palermitana. Un cammino che, attraverso 
l'iconografia e la storia della "Santuzza", riscopre la memoria, la devozione popolare e le meraviglie artistiche del centro storico. Infatti all'interno di tutti i monumenti coinvolti saranno presenti mostre, eventi e attività in onore della manifestazione legata alla Santa Patrona. Con Santuzza Card, il biglietto unico del Festino, fino al 31 luglio 2016, sarà possibile visitare 4 monumenti al costo di € 8: Chiesa del Gesù (Casa Professa), Palazzo Alliata di Villafranca, Museo Palazzo Asmundo, Torre di San Nicolò all'Albergheria.  

Contatti e prenotazioni: 320.7672134 - 324.0715043- 338.4512011 > eventi@terradamare.org > www.facebook.com/SantuzzaCard

PROGRAMMA E ORARI

Giovedì 14 luglio: apertura straordinaria, per permettere ai turisti e ai palermitani che seguiranno la spettacolare festa palermitana,
di visitare i siti coinvolti dall'iniziativa.

Chiesa del Gesù - Casa Professa - Piazza Casa Professa - 338.4512011 dal lunedì al sabato dalle 9:30 alle 15:30

Palazzo Asmundo via Pietro Novelli, 3 - tel 320.7672134 dal venerdi alla domenica dalle 10 alle 17:30. All'interno: Fistinu: storia, vicoli e volti - Mostra fotografica di Vincenzo e Stefano Russo - Il Festino visto dall'alto: due speciali apericene con vista sul piano della Cattedrale. Menù palermitano. 14 luglio, 392° festinoestino € 50 - 15 luglio, festino religioso € 35. (Prenotazione obbligatoria. Tel. 320.7672134)

Palazzo Alliata di Villafranca piazza Bologni, 20 - tel 324.0715043 dal venerdi al lunedi dalle 10 alle 17:30. All'interno:  SANTUZZA - Ex voto Arstistico per la Santa Patrona Rosalia - 20 opere di pittura e scultura che guarderanno alla Santa attraverso l'introspezione di ogni autore.

Torre di San Nicolò all'Albergheria. via Nunzio Nasi, 18 - 320.7672134 dal venerdi alla domenica dalle 10 alle 17:30

ITINERARI GUIDATI

Dall'immacolata a Santa Rosalia - passeggiata al Capo tra i luoghi della devozione domenica 10 luglio 2016. Appuntamento: Piazza Verdi - Teatro Massimo - Durata: circa 3 ore. Costo: Adulti € 10 - ragazzi (10-18 anni) € 5 - bambini (fino a 10 anni) gratis. Prenotazione obbligatoria. Tel 338.4512011 - 338.7228775

I PALAZZI NOBILIARI LUNGO IL CASSARO - Passeggiata serale

Sabato 30 luglio 2016 Percorso: Palazzo Asmundo, Palazzo Alliata, Palazzo Bonocore. Appuntamento: ore 21 e ore 22 - Durata: 3 ore. Costo: € 10. Prenotazione obbligatoria. Tel 320.7672134

Chiesa del Gesù (Casa Professa)

Piazza Casa Professa – Palermo - Tel 338.4512011.ORARI: Dal lunedì al sabato dalle 9:30 alle 15:30. Nota ai palermitani come la Chiesa di Casa Professa, La Chiesa del Gesù è uno dei più importanti monumenti sacri capolavoro dell’arte barocca presenti in Sicilia e fa parte della Casa Gesuitica più vasta e rilevante in Italia, dopo quella di Roma. La Chiesa odierna è il risultato di varie stratificazioni edilizie succedutesi nel tempo a partire dal XVI sec. sul primo insediamento religioso esistente nella zona, l’antico convento basiliano dedicato alla Madonna della Grotta, di cui resta a testimonianza la statua della Madonna della Grotta con Gesù Bambino posta nella nicchia sopra al portale d’ingresso alla Chiesa. Il primo progetto, realizzato tra il 1564 ed il 1578 prevedeva una piccola chiesa con la sola navata centrale; ma nel tempo, ingranditosi l’Ordine dei Padri Gesuiti, la struttura venne ampliata trasformando l’aula unica a croce latina, in una pianta longitudinale a tre navate ed ampio presbiterio; nel 1636 la nuova costruzione prese il titolo di Chiesa del Gesù. L’interno è ricoperto da una esuberante decorazione a marmi mischi e tramischi con intarsi e rilievi e da gruppi marmorei imponenti , volti a celebrare la gloria di Gesù e dalla Madonna in cielo, sulla terra e negli inferi . Ogni spazio della struttura è ricoperto da un complesso programma iconografico realizzato con motivi floreali, umani ed animaleschi ed altri astratti eseguiti dai migliori scultori siciliani del XVII e XVIII secolo. Artisti importanti come Pietro Novelli, Gaspare Bazzano, Antonio Grano, Camillo Camilliani, Ignazio Marabutti , Filippo Randazzo hanno contribuito a dotare questa chiesa di straodinaria magnificenza. Splendido ed unico è il complesso programma iconografico presente nel presbiterio, con episodi tratti ad arte dal Vecchio e Nuovo Testamento e lo scenario dell’Incarnazione del Verbo, dovuto ai Gesuiti stessi che ne curarono nei minimi dettagli il contenuto.

Torre di San Nicolò - Via Nunzio Nasì, 18 – Palermo - Tel. 320 7672134 - ORARI: Dal venerdì alla domenica dalle 10 alle 17:30

Proprio vicino alla Chiesa di San Nicolò di Bari all’Albergheria, sorge una slanciata costruzione quadrangolare con i conci ben squadrati, si tratta della trecentesca torre civica facente parte del sistema di trasmissioni. Fatta edificare dalla universitas palermitana per difendere le mura del “Cassaro”, non faceva parte delle strutture della chiesa, ma risultava svincolata ed isolata. Torre di S. Nicolò di Bari all’Albergheria del XIII sec. (Certiticato di Eccellenza TripAdvisor 2015) Composta da quattro livelli, è stata edificata con pietrame a grossi conci, utilizzando massi tufacei squadrati, che le ammassano, dandogli una linea rigorosa ed severa. Il primo da là possibilità di entrarvi da un pianoro che risulterebbe al primo piano che introduce alla canonica della chiesa, è formato da un modesto vano quadrato coperto da volte a crociera, da questo si diparte una scala in muratura che porta al piano successivo. Dal secondo piano, che risulta essere quadrato come quello inferiore e coperto a crociera, si dipana una scala elicoidale del periodo medioevale che oltrepassa gli altri due piani per giungere sul tetto, dove attualmente sono presenti le campane della chiesa. Salendo sulla torre si scopre il più bel panorama della città vecchia: il luogo ideale dove la maestà di ieri e l’irruenza di oggi si congiungono meravigliosamente!

Palazzo Alliata

Piazza Bologni, 20 – Palermo - Tel. 324 0715043. ORARI: Dal venerdì al lunedì dalle 10 alle 17:30. Palazzo Alliata, costruito sui resti di due precedenti palazzetti di proprietà di don Aloisio Beccadelli di Bologna, assunse la sua attuale configurazione quando – a metà circa del XVII secolo – fu edificato a opera di Francesco Alliata e Lanza, settimo barone, terzo principe di Villafranca e duca di Sala di Paruta. Il palazzo divenne così la dimora principale della famiglia Alliata. Ampiamente rimaneggiato a seguito del terremoto del 1751, vide impegnati nella costruzione alcune tra le maestranze più importanti del settecento siciliano; l’architetto Giovanni Battista Vaccarini, gli stuccatori di scuola serpottiana (forse Procopio Serpotta, figlio del più celebre Giacomo) e il pittore Gaspare Serenario. Il Palazzo ospita inoltre una collezione d’arte di notevole pregio storico e artistico, come la celebre “Crocifissione” di Antoon Van Dyck, le due grandi tele di Matthias Stom, “La lapidazione di Santo Stefano” e “Il Tributo della moneta” (la tela è stata scelta per rappresentare la Sicilia all’Expo 2015 di MiIano), due opere di Pietro d’Asaro, “Il naufragio o Scena di pesca” e l’”Orfeo”, e i ritratti di famiglia esposti nel Salone dei Musici.

Palazzo Asmundo

Via Pietro Novelli, 3 – Palermo - Tel. 320 7672134. ORARI: Dal venerdì alla domenica dalle 10 alle 17:30. Dimora principesca che conserva superbi affreschi realizzati da Gioacchino Martorana nel 1764: in essi osserviamo magnifiche allegorie che inneggiano alla giustizia terrena e divina, celebrando, così, il ruolo di presidente di giustizia del committente Giuseppe Asmundo. Un unico complesso artistico, considerato una delle testimonianze più eloquenti del mondo aristocratico dei secoli passati: con le poliedriche collezioni di ceramiche siciliane, i mattoni di censo, le porcellane napoletane e francesi, i vasi, i ventagli, i ricami, la copiosa documentazione cartografica e numismatica, le carrozze e le portantine, leggiamo i segni eccezionali della cultura, della tradizione e dell’ identità siciliana. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Turismo, potrebbe interessarti

  • Alla scoperta delle strade del Capo, il tour dal mercato storico ai tetti della Cattedrale

    • solo oggi
    • 17 novembre 2019
    • Mercato del Capo e tetti della Cattedrale
  • Beati Paoli, una passeggiata-racconto sulla leggenda legata alla misteriosa setta

    • 23 novembre 2019
    • Piazza della Memoria
  • La vecchia dell'aceto in una passeggiata, Giovanna Bonanno e l'acqua velenosa

    • solo oggi
    • 17 novembre 2019
    • Piazza della Memoria

I più visti

  • Castrum Superius, il palazzo dei Re Normanni in una mostra che porta indietro nel tempo

    • dal 15 maggio 2019 al 10 gennaio 2020
    • Palazzo Reale
  • La casa delle farfalle fa il bis e torna al Museo Riso, sarà patrimonio dei palermitani

    • dal 5 ottobre al 31 dicembre 2019
    • Museo Riso
  • Bim Bum Bam, giocattoli diventano opere d'arte: due mesi di mostra allo Steri

    • Gratis
    • dal 3 ottobre al 23 dicembre 2019
    • Complesso Monumentale dello Steri
  • Da Monet e Van Gogh a Klimt, sette capolavori perduti rivivono in 3D all'Abatellis

    • dal 10 ottobre al 8 dicembre 2019
    • Palazzo Abatellis
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento