Due Giuliette, un Romeo bisessuale e la famiglia in crisi: lo spettacolo al Teatro Savio

Mercoledì 2 e giovedì 3 marzo alle 21,30 al teatro Savio va in scena "Romeo e giulietta" di Marcello Carini e della compagnia Ensemble che raccontano in danza la storia d’amore più famosa di sempre: due Giuliette, un Romeo bisessuale, la famiglia in crisi.

E se Romeo e Giulietta alla fine si fossero sposati? E se avessero avuto un figlio? E se il loro amore puro fosse rovinato da un’altra Giulietta, che in realtà è un uomo? È il sapore amaro del termine “famiglia”, dell’ipocrisia delle sovrastrutture borghesi e della pericolosità degli amori tossici a caratterizzare “Romeo e Giulietta”. 

La trama del balletto - caratterizzato da scene collegate tra loro da una voce narrante - parte da una famiglia, quella di Romeo e Giulietta appunto, nei giorni nostri, dove sono preesenti anche il loro figlio e la madre di lei. L’amore puro raccontato nella tragedia di Shakespeare è stato ormai soppiantato dalla routine e dai costrasti sul modo di educare i figli. A rendere più debole il filo tra i due, l’arrivo di una nuova Giulietta: un uomo. Una persona con cui Romeo inizia una relazione d’amore intensa, speciale, nuova, mai provata prima. Un sentimento che però col tempo si trasforma in una relazione tossica: un amore che non si esaurisce mai, al punto da rendere il pensiero ossessivo. E se nessuno muore fisicamente, periscono però lo spirito e l’emozione.

«Alla fine - dice il regista e coreografo Marcello Carini - noterete come l’unica persona libera della storia sia la Giulietta uomo, che andrà via, provando a liberare se stesso e lasciando vincere la Giulietta donna, simbolo della famiglia tradizionale, certa ormai che Romeo, un uomo indeciso su quale relazione mantenere, non sarà mai più totalmente suo». Marcello Carini – predendo spunto dal Romeo e Giulietta di Prokofiev e dal film “Le fate ignoranti” di Ferzan Ozpetek - ci fa immergere in una storia dove la tensione è la costante. Esistono le anime gemelle, ma esistono anche persone che entrano nella vita di ognuno di noi e di cui col tempo non si può più fare a meno. Anche se questo ci fa male. Diventa così una esigenza fisica, una malattia, un veleno, un antidoto. Si osserva fino alla fine un uomo arenato in una doppia relazione, in netta contrapposizione. La maturità sta alla fine nel non rimanere immobili. E senza paura, senza guardarsi indietro, andarsene. Forse per ricominciare da capo o forse per un giorno tornare.

«Per la prima volta – continua Carini – affronto un tema che mi è molto vicino: l'omosessualità. Lo faccio da omosessuale dichiarato, sin da qundo avevo 13 anni, e che ha vissuto in una famiglia di mentalità totalmente aperta. Forse con questo spettacolo mi piacerebbe dare un consiglio: cerchiamo di far conoscere l'omosessualità, facendo entrare nel cuore della gente un concetto di normalità che abbraccia in toto la vita dell’essere umano, così come in un rapporto etero. L’amore infondo è Amore e non deve far male a nessuno. Se si ama veramente, non si deve nemmeno aver paura di soffrire. Amare principalmente è concedersi. Anche e forse quando si sa perfettamente di esser pronti a perdere tutto. Amare è rimanere accanto a una persona, sapendo che non ha né la forza né il coraggio di essere migliore, continuando a provare amore per un qualcuno che si vede incapace di migliorarsi. Amare è anche non chiedere mai a chi si ama di scegliere. E resistere nel micro spazio che si è' trovato nella vita di quel qualcuno. Amare è sopratutto un atto di altruismo. Un suono per l'anima, anche quando le note sono diverse da quelle che vorremmo ascoltare».

In scena, con Marcello Carini anche Michele Pernice, Noemi Minì, Gaspare Li Mandri e Manuela Tarantino. La voce narrante è di Antonio Sposito. I biglietti costano 15 euro e si possono comprare al botteghino del teatro dal martedì al venerdì, dalle 10 alle 13 o dalle 16 alle 19. Il sabato, dalle 10 alle 13. I biglietti sono anche acquistabili. nei circuiti Ticket one. Per informazioni: 091 676 8181

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Sfincione Festival con asporto e delivery: torna l'appuntamento di Sanlorenzo Mercato

    • Gratis
    • dal 16 al 18 aprile 2021
    • Sanlorenzo Mercato
  • Bike tour alla scoperta di una Palermo segreta fatta di misteri, storie e leggende

    • solo oggi
    • Gratis
    • 11 aprile 2021
    • evento online
  • Monte Catalfano, sabato e domenica l'ascesa fino al "punto trigonometrico" e il volo di Akira

    • dal 10 al 11 aprile 2021
    • Monte Catalfano
  • Tragici giochi mortali su Tik Tok, in streaming il talk con Giovanna Corrao e Jenny Taormina

    • Gratis
    • 14 aprile 2021
    • evento online
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    PalermoToday è in caricamento