Eventi Libertà

Arte e musica, riconoscimento alla cantante lirica Cinzia Bonaccorso

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Spazia dalla lirica, all’operetta, alla musica da camera. Cinzia Bonaccorso, messinese di origine formatasi nella città dello Stretto ma ormai palermitana di adozione, è un soprano che ha affinato le sue capacità grazie ad importanti esperienze professionali. Da diversi anni componente di diversi e prestigiosi cori ha potuto negli ultimi tempi far conoscere da solista la sua voce, potente ma leggera al tempo stesso, in diversi eventi pubblici.

Alla cantante lirica recentemente è stato assegnato un attestato di onorificenza da parte dell’Accademia nazionale di Lettere, arti e scienze Ruggero II di Sicilia per la sua attività di divulgazione della lirica e della musica da camera. E’ stato il presidente dell’accademia Giuseppe Livreri a consegnare il riconoscimento a conclusione del concerto che si è svolto a Palermo presso la Fondazione "Giuseppe e Marzio Tricoli", dove la Bonaccorso si è esibita più di una volta.

La sua versatilità l’ha portata a interpretare brani del compositore Francesco Paolo Tosti, fra i quali La Serenata, Ideale, Sogno e Aprile. Per l’operetta La Romanza della Vilja e Tace il labbro, brani entrambi tratti dalla "Vedova Allegra" di Franz Lehar. Frequenti anche le sue incursioni nella tradizione napoletana. Ma fra i suoi autori preferiti ci sono Vincenzo Bellini, Umberto Giordano e Giacomo Puccini.

"Il canto - afferma Cinzia Bonaccorso - fa parte della mia vita. Ho ricevuto questo dono, ma mi sforzo ogni giorno di coltivarlo e di migliorare sempre, grazie anche al sostegno della mia famiglia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arte e musica, riconoscimento alla cantante lirica Cinzia Bonaccorso

PalermoToday è in caricamento