Tour a lume di candela allo Spasimo, horror Disney a San Mercurio: giù il sipario per RestArt

Non poteva mancare l'omaggio alla tela di Raffaello in questo ultimo weekend di RestArt, la rassegna che per tutta l'estate ha aperto i siti culturali di Palermo in notturna e che venerdì e sabato (28 e 29 agosto) proporrà l'ultima possibilità di visita di 25 luoghi, dalle 19 a mezzanotte.

E infatti, ecco la proposta: sabato  il festival si chiuderà dinanzi alla tela di Raffaello rimaterializzata in HD, e all'altare del Gagini, recuperato e restituito nelle scorse settimane. Sarà possibile scoprire i mille segreti dell’opera d'arte e le notizie sul suo fortuito ritrovamento, dalla viva voce dello storico dell'arte che l'ha scoperto a Villa San Cataldo, a Bagheria 34 anni fa: Maria Antonietta Spadaro condurrà due visite guidate, alle 20 e alle 20,30, ma a lume di candela, ricreando così l'atmosfera degli anni in cui venne creato. Siamo nel primo ventennio del ‘500, al grande pittore Raffaello Sanzio fu commissionato “Lo Spasimo di Maria Vergine” che oggi si ammira al Prado di Madrid; per ospitarla degnamente, Antonello Gagini fu incaricato di realizzare l'altare in marmo che, dopo alterne vicende, fu dimenticato Oggi è stato ricostruito e rimontato allo Spasimo, dove lo disegnò il Gagini nel 1516. Il posto dell’opera raffaellita è occupato dalla sua “ricostruzione” altamente tecnologica a cura di Factum Arte. Ticket: 3 euro sulla piattaforma www.restartpalermo.it.

Horror Disney e gag improbabili

Difficile pensare a cortometraggi e cartoon Disney di stampo horror: eppure gli appassionati conoscono piccoli capolavori con protagonisti Mickey Mouse, Flip the Frog o Betty Boop alle prese con case stregate, misteriosi omicidi e apparizioni fantastiche. Le proiezioni ospitate all’Oratorio di San Mercurio si aprono domani sera con quel capolavoro animato della Walt Disney che è “The Skeleton Dance” (1929), il primo della serie “Silly Symphonies” (1929-1938). Atmosfere cupe e decisamente noir si respirano anche in “The Haunted House” (1929), “The Cuckoo Murder Case” (1930) e “Minnie The Moocher” (1932). Sabato invece, ecco una selezione di cartoon dall’ irriverente verve umoristica. Felix the Cat, Popeye, Betty Boop, Mickey Mouse e Bugs Bunny saranno i protagonisti di divertenti e improbabili gag comiche, tutte tra il 1920 e il 1949. Dalle 19 alle 23, repliche ogni 30 min. Ticket: 3 euro sulla piattaforma www.restartpalermo.it.

Garibaldi "fratello della santuzza"

Per ArchiviAzioni, si spulciano anche in questo ultimo weekend i documenti dell'Archivio Storico Comunale: domani, "In cielo e in terra", analisi di sacro e profano nella religiosità siciliana. Sabato, ultimo appuntamento con “Il fratello di Santa Rosalia”, il racconto in chiave popolare dello sbarco di Garibaldi a Palermo, pescando soprattutto da Salamone Marino. L’”Eroe” adorato veniva spesso identificato ora con i personaggi della letteratura cavalleresca (Rinaldo, Orlando), ora come un angelo o arcangelo, o addirittura discendente di Santa Rosalia dalla quale, secondo una credenza popolare, Garibaldi aveva ricevuto un “cinturino miracoloso” che gli garantiva invincibilità, ma soprattutto l’invulnerabilità.

Aperitivo tra i reperti 

Lo scorso weekend è andata benissimo e i visitatori hanno riempito il Cafè Culture nell’atrio del Salinas, dove hanno gustato un aperitivo dopo la visita alla ricchissima collezione del Museo Archeologico. Anche in questi ultimi due giorni la caffetteria resterà aperta in notturna.

Ma questo ultimo weekend di RestArt sarà anche la definitiva occasione per visitare la splendida chiesa di Casa Professa (aperta solo sabato); per entrare nelle chiese e salire sulle cupole di Santa Caterina o del Santissimo Salvatore, o anche alla Torre di Sant’Antonio Abate, e da lassù, abbracciare l'intera città. Tra gli altri luoghi aperti, sempre dalle 19 a mezzanotte, sono da non perdere gli altri oratori serpottiani, San Lorenzo, il SS. Rosario in Santa Cita, il SS. Rosario e il cinquecentesco Oratorio dei Bianchi. Passeggiate in notturna all’Orto Botanico, alla luce della luna. Ci sarà tempo per visitare con calma anche gli altri musei: Palazzo Mirto, Palazzo Abatellis e il Museo Riso; per entrare al Teatro Massimo, a San Giovanni degli Eremiti, alla chiesa della Catena o alla chiesa di San Matteo; per scoprire le collezioni di Villa Zito – sono le ultime ore per visitare la personale di Nicola Pucci - e Palazzo Branciforte. RestArt è organizzato dall’associazione Amici dei Musei Siciliani e da Digitrend, che cura la piattaforma di ticketing ed audio guide. Prenotazioni su www.restartpalermo.it.

Convenzioni

Le guide Federagit Agt hanno organizzato un’offerta di visite tematiche: questo weekend – alle 19 e alle 21 - Le guide di Federagit Agt, in collaborazione con RestArt, propongono tour tematici e visite guidate tra le meraviglie del centro storico di Palermo. Si potrà “serpeggiare” tra gli irriverenti stucchi del Serpotta, godere dell'incanto di san Giovanni degli Eremiti, accedere alla vista di esclusivi panorami dall'alto ed esplorare le collezioni d'arte moderna e contemporanea di Villa Zito e di Palazzo Riso.

Il programma 

Venerdì 28 agosto 

  • HERMES SANTI E DEE | San Giovanni degli Eremiti  e Oratorio S.Mercurio| ore 19 e 21
  • PALERMO CON VISTA | Cupole di S. Caterina e SS. Salvatore | ore 19 e 21
  • VISITA GUIDATA A PALAZZO RISO | ore 19 e 21

Sabato 29 agosto 

  • LE PREZIOSE DI PALERMO | Santa Caterina e SS. Salvatore | ore 19 e 21
  • PALERMO DI STUCCO | SS. Rosario in Santa Cita e San Lorenzo | ore 19 e 21
  • VISITA GUIDATA A VILLA ZITO | ore 19 e 21

Info e prenotazioni info@palermoguide.it. Biglietto: 15 euro.

La Fipe, la Federazione Italiana Pubblici Esercizi, ha invece attivato una convenzione in base alla quale i ristoranti associati scontano l'importo dei biglietti agli spettatori del festival che si presenteranno muniti di tagliando cartaceo o online. Dal canto suo, RestArt offrirà ai ristoratori, coupon omaggio da distribuire ai clienti. Al festival collaborano anche Confcommercio, Comune, Regione Siciliana, Università, Curia, Fondazioni private, Teatro Massimo, Unesco e diverse associazioni culturali, sotto il patrocinio del Comune di Palermo e dell’ Assessorato regionale ai Beni Culturali e all’Identità siciliana.

Info pratiche 

RestArt si svolge venerdì e sabato dalle 19 a mezzanotte. Ingressi e prenotazioni su www.restartpalermo.it, secondo le indicazioni di ciascun sito. Igienizzazione e mascherine per i visitatori, misurazione della temperatura all'ingresso dei musei. Sull'app, notizie e curiosità sui luoghi. Ingresso: 3 euro sulla piattaforma online; 4 euro all’ingresso. 


I siti 

  • Chiesa di Santa Caterina
  • Cupola di Santa Caterina
  • Chiesa dello Spasimo
  • Palazzo Abatellis
  • Palazzo Mirto
  • Museo Archeologico Salinas
  • Riso – Museo di arte contemporanea
  • Palazzo Branciforte
  • Villa Zito
  • Teatro Massimo
  • Orto Botanico
  • Oratorio dei Bianchi
  • Chiesa della Catena
  • Chiesa del SS. Salvatore
  • Cupola del SS. Salvatore
  • Chiesa di S. Matteo
  • Torre di S. Antonio
  • Chiesa di Casa Professa (aperta il 29 agosto)
  • Archivio Comunale
  • Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti
  • Oratorio di S. Lorenzo
  • Oratorio di S. Mercurio
  • Oratorio di S. Cita
  • Oratorio del SS. Rosario in San Domenico

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Turismo, potrebbe interessarti

I più visti

  • Un'arca contemporanea per gli "animali" di Banksy, la grande mostra a Palermo

    • dal 7 ottobre 2020 al 17 gennaio 2021
    • Loggiato di San Bartolomeo e Palazzo Trinacria
  • Terracqueo, una grande mostra sul Mediterraneo va in scena a Palazzo Reale

    • dal 16 settembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Palazzo Reale
  • I 100 volti di David Bowie nelle foto di Masayoshi Sukita: la mostra a Palazzo Sant'Elia

    • dal 10 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Palazzo Sant'Elia
  • Geraci Siculo, il calice del monastero di Santa Caterina in mostra al museo parrocchiale

    • Gratis
    • dal 22 agosto al 31 dicembre 2020
    • Museo parrocchiale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento