I quaranta che ballano 90, un video per sensibilizzare sul mondo dello spettacolo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Ad un anno esatto dalla chiusura di teatri, locali, discoteche e il blocco di tutte le forme di musica, arte e spettacolo, le tante figure professionali che lavorano nel settore tornano a manifestare il loro bisogno e desiderio di tornare al lavoro. E lo fanno con un progetto video, ideato e realizzato dall’associazione “I Quaranta che ballano 90” presieduta da Lisa Petrillo, in collaborazione con l’Orchestra sinfonica del teatro Politeama. Nel video, con la regia di Antonio Amato e produzione video PLG, i deejay Giampaolo Nuccio e Fabio Flesca sono in consolle all’interno del teatro Politeama, davanti alle poltrone vuote e ad una platea deserta. Immagine che descrive fedelmente la condizione del mondo dello spettacolo oggi, dopo un anno di rinunce e grandi sacrifici. La voce narrante di Fabio T rievoca le emozioni dei tempi passati quando c’era la gioia di stare insieme e divertirsi e allo stesso tempo diventa uno strumento di sensibilizzazione sulla vita di tanti professionisti, fermi ormai da troppo tempo. Deejay, cantanti, musicisti, band, ballerini, organizzatori di eventi, camerieri, barman, addetti alla sicurezza e migliaia di altre persone che lavorano nel mondo dello spettacolo hanno perso il lavoro. Ligi e rispettosi delle regole, i lavoratori continuano ad attendere che vengano formulati protocolli di riapertura per permettere anche a loro di poter ricominciare in sicurezza. 

Torna su
PalermoToday è in caricamento