Hellzapoppin' per SuperQuarantena, il musical più comico di sempre al Rouge et Noir

Quando lo schermo diventò veramente grande, quando il cinema, superata la fase dell’incantamento e della meraviglia, raggiunse la splendida maturità e fece finalmente sentire - anche letteralmente grazie al sonoro - la sua voce. Quando Hollywood si trasformò in quella incredibile macchina dei sogni che cambiò per sempre il mondo e il suo immaginario collettivo. Da quel momento, cioè dagli anni ’40, il cinema e i suoi protagonisti entrarono definitivamente nelle case, nel cuore, nei desideri dell’umanità, suscitando speranze, sospiri, commozioni, alimentando idee e libertà, modificando le esistenze di ognuno. 

È stata la grande stagione di Orson Welles, Gregory Peck, James Stewart, Humphrey Bogart, Fred Astaire, Cary Grant, Lana Turner, Judy Garland, Bette Davis, Rita Hayworth, Ava Gardner, Barbara Stanwyck, Veronica Lake, John Ford, Alfred Hitchcock, Fritz Lang, Charlie Chaplin, Billy Wilder, Howard Hawks, George Cukor, Laurence Olivier… e l’elenco di attori, attrici, registi potrebbe continuare ancora a lungo senza limitarsi naturalmente a Hollywood ma abbracciando anche quanto di straordinario avveniva in Europa e soprattutto a Cinecittà. 

A quegli anni d’oro - una stagione che poggia le sue premesse alla fine dei Trenta e si spinge sino a metà Cinquanta - il Rouge et Noir vuole dedicare l’opportunità di una intera rassegna, al di là della episodicità dei titoli ospitati nel più vasto ambito del Supercineclub. SuperQuarantena - ci sia consentito di esorcizzare il momento drammatico che stiamo vivendo e che speriamo di lasciarci definitivamente alle spalle - permetterà non solo di vedere le grandi pellicole ormai lontane da decenni dalla fruizione del grande schermo ma anche di comprendere meglio il cinema di oggi, la lezione seminata dai quei grandi autori e interpreti senza i quali non avremmo potuto godere di tanti capolavori odierni. 

Il secondo appuntamento è per mercoledì 1 luglio con uno dei film comici più celebri di tutti i tempi, Hellzapoppin’ (1941) di Henry C. Potter, un musical che, per la sua geniale diversità dagli stereotipi allora correnti, demistifica la stessa arte cinematografica creando un film nel film, pieno di situazioni paradossali, di gag, intrise di un umorismo degno dei fratelli Marx e precursore dei Monty Python.

  • Mercoledì 1 luglio, due proiezioni, alle 18:00 e alle 21:00.
  • Biglietto: 5 euro
  • È consigliata (ma non obbligatoria) la prenotazione 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

  • "The Blues Brothers" fa 40 anni e torna al cinema, il film al Rouge et Noir

    • 13 luglio 2020
    • Cinema Rouge et Noir
  • Animaphix, 30 film e una retrospettiva polacca per il festival d'animazione a Bagheria

    • dal 29 luglio al 2 agosto 2020
    • Villa Cattolica

I più visti

  • Come mangiavano le monache in convento, la cena con le ricette di Santa Caterina

    • solo oggi
    • 10 luglio 2020
    • Monastero Santa Caterina D'Alessandria
  • Il Teatro Biondo va all'Orto Botanico: "Aulularia", la fabula della pentola d’oro in scena all'aperto

    • dal 7 al 12 luglio 2020
    • Orto Botanico
  • Il Malox spegne otto candeline, si fa festa a Piazzetta della Canna

    • solo domani
    • 11 luglio 2020
    • Malox
  • Palermo sotterranea, il tour dei Beati Paoli a Palermo tra catacombe e cripte sotterranee

    • 12 luglio 2020
    • Chiesa di San Matteo e catacomba di Porta d'Ossuna
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento