"La fiamma del peccato" SuperQuarantena, al Rouge et Noir il film di Billy Wilder

Gli anni Quaranta hanno visto nascere a Hollywood i capostipiti del genere noir, i classici che hanno influenzato per decenni la produzione cinematografica successiva e ispirato in modo determinante la Nouvelle Vague francese. Nel trittico ideale di capolavori di quel periodo – mettendo a parte il fenomeno Hitchcock – dopo “Il grande sonno” di Howard Hawks e “Il terzo uomo” di Carol Reed, c’è sicuramente La fiamma del peccato di Billy Wilder (Double Indemnity, 1944), mercoledì 15 luglio alla rassegna SuperQuarantena del Rouge et Noir. Una graduatoria tra questi film è impossibile ma “La fiamma del peccato”, tratta da un romanzo del maestro del noir James M. Caine e alla cui sceneggiatura ha lavorato lo stesso Raymond Chandler, è certamente la pellicola che più di tutte ha consacrato il mito hollywoodiano della dark lady, della donna bella e tenebrosa che con le armi della seduzione induce al crimine. 

Nei panni della dark lady, nel film di Wilder, c’è un’icona assoluta di quegli anni: Barbara Stanwyck. Accanto a lei, Fred MacMurray. La coppia sarà impegnata in un piano omicida: far fuori il marito di lei per intascare l’assicurazione. I colpi di scena si susseguiranno sino alla fine. “La fiamma del peccato” mercoledì 15 luglio al Rouge et Noir alle 18 in versione doppiata in italiano e alle 21 in quella originale con sottotitoli in italiano. Biglietto: 5 euro. È consigliata (ma non obbligatoria) la prenotazione, ogni giorno tra le 10:00 e le 20:00, specificando nome e cognome, film, orario prescelto e numero di posti prenotati.

Superquarantena 

Quando lo schermo diventò veramente grande, quando il cinema, superata la fase dell’incantamento e della meraviglia, raggiunse la splendida maturità e fece finalmente sentire – anche letteralmente grazie al sonoro – la sua voce. Quando Hollywood si trasformò in quella incredibile macchina dei sogni che cambiò per sempre il mondo e il suo immaginario collettivo. Da quel momento, cioè dagli anni ’40, il cinema e i suoi protagonisti entrarono definitivamente nelle case, nel cuore, nei desideri dell’umanità, suscitando speranze, sospiri, commozioni, alimentando idee e libertà, modificando le esistenze di ognuno.

È stata la grande stagione di Orson Welles, Gregory Peck, James Stewart, Humphrey Bogart, Fred Astaire, Cary Grant, Lana Turner, Judy Garland, Bette Davis, Rita Hayworth, Ava Gardner, Barbara Stanwyck, Veronica Lake, John Ford, Alfred Hitchcock, Fritz Lang, Charlie Chaplin, Billy Wilder, Howard Hawks, George Cukor, Laurence Olivier… e l’elenco di attori, attrici, registi potrebbe continuare ancora a lungo senza limitarsi naturalmente a Hollywood ma abbracciando anche quanto di straordinario avveniva in Europa e soprattutto a Cinecittà.

A quegli anni d’oro il Rouge et Noir vuole dedicare l’opportunità di una intera rassegna, al di là della episodicità dei titoli ospitati nel più vasto ambito del Supercineclub. SuperQuarantena – ci sia consentito di esorcizzare il momento drammatico che stiamo vivendo e che speriamo di lasciarci definitivamente alle spalle – permetterà non solo di vedere le grandi pellicole ormai lontane da decenni dalla fruizione del grande schermo ma anche di comprendere meglio il cinema di oggi, la lezione seminata dai quei grandi autori e interpreti senza i quali non avremmo potuto godere di tanti capolavori odierni.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • il film ovviamente interessante sarà per la visione

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

  • 'A storia d'a Sicilia Film Festival, il cinema dell'Isola tra Palazzo Riso e Villa Castelnuovo

    • dal 14 settembre al 2 ottobre 2020
    • Villa Castelnuovo | Palazzo Belmonte Riso
  • "The Elephant Man" al Rouge et Noir, il film cult di David Lynch torna al cinema

    • 28 settembre 2020
    • Cinema Rouge et Noir

I più visti

  • Mercato del contadino a Ficuzza: ogni domenica l'appuntamento enogastronomico

    • Gratis
    • dal 26 luglio al 25 ottobre 2020
    • Real Casina di Caccia di Ficuzza
  • Ville nobiliari, musei gioiello, chiese nascoste e case d’artista: Le Vie dei Tesori debutta a Bagheria

    • dal 12 al 27 settembre 2020
    • luoghi sul sito
  • Museo Diocesano, la riapertura con la mostra "Architetture barocche in argento e corallo"

    • dal 10 luglio al 10 ottobre 2020
    • Museo Diocesano
  • Terracqueo, una grande mostra sul Mediterraneo va in scena a Palazzo Reale

    • dal 16 settembre al 30 novembre 2020
    • Palazzo Reale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    PalermoToday è in caricamento