"Premio legalità", imprenditore antiracket premia giovani studenti e i loro temi

Si è svolta in mattinata l’iniziativa organizzata con le amministrazioni comunali di Altavilla e Casteldaccia insieme alla Capitaneria di porto di Porticello. Calì: "Il loro impegno e le loro parole, piene di rispetto e senso civico, mi hanno riempito il cuore di gioia"

Premio legalità

Qualcuno ha parlato dei parcheggio sulle strisce pedonali, o nei posti riservati per persone con handicap, c’è chi ha scritto del fastidio provato nel vedersi scavalcare mentre si fa la fila o di altri comportamenti quotidiani lontani dal rispetto verso gli altri o, più in generale, dalla legalità e dal senso civico. Sono quattro i giovanissimi studenti delle scuole di Altavilla Milicia e Casteldaccia premiati per i loro temi nel corso dell’iniziativa promossa da Gianluca Maria Calì, l’imprenditore che si è rifiutato di pagare il pizzo denunciando i tentativi di estorsione e le intimidazioni subite, insieme alle amministrazioni comunali e alla Capitaneria di porto di Porticello.

Ognuno dei vincitori ha vinto un premio in denaro pari a 500 euro messo a disposizione dalla concessionaria Calicar srls e la Calcestruzzi S.I snc. “Poniamo l’attenzione sulla legalità e sulla condivisione dei valori che quest’ultima deve trasmettere, soprattutto con il rispetto delle regole. Ho il cuore colmo di gioia per i lavori e l’impegno che i ragazzi hanno profuso” dichiara Calì che con questo premio vuole rilanciare il suo messaggio di lotta alla mafia e all’illegalità, affidando alle nuove generazioni il compito di sensibilizzazione civica, premiando gli studenti più meritevoli con il riconoscimento del valore simbolico oltre che economico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All’iniziativa "Premio legalità" ha partecipato e contribuito anche il presentatore dell’iniziativa, la "iena" Ismaele La Vardera, che utilizzato il proprio cachet per donarlo a due studenti estratti a sorte e da utilizzare per l’acquisto di materiale didattico come libri, computer o strumenti musicali. Alla manifestazione, che si è svolta nella sala consiliare del comune di Casteldaccia, hanno preso parte le autorità civili e militare del territorio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

  • Suicidio in via Guido Cavalcanti, commerciante di 62 anni si toglie la vita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento