Un po' di Cuba al Cre.Zi.Plus: Sorah Rionda ospite di Musiche senza confini

I ritmi cubani di Sorah Rionda saranno i protagonisti del concerto del 22 ottobre, alle 21.30, al Cre.Zi.Plus dei cantieri culturali della Zisa nell’ambito della rassegna Musiche senza confini, prgawnzzata dall’associazione Formedonda. 

Sorah Rionda, arriva in Italia nel 2013 dopo un’intensa attività a Cuba e in tutta Europa con importanti nomi della world music e della scena folk/jazz internazionale come Carlos Nuñez , Gay MacKeon, Paddy Keenan, Nualla MacKennedy, Niamh Ni Charra, Roy Johnstone, Xuaco Amieva. Fra le sue apparizioni internazionali citiamo (2009) “Festival Interceltique de Lorient” e “Festival de la Danse Bretonne et de la Saint-Loupe” (Francia), nella line-up di Carlos Nunez e la collaborazione con “Banda de Gaitas de La Habana” (Cuba) e il Gruppo corale “Vox Cordis” (Cuba).

Non smette mai di studiare e dopo le varie specializzazioni in chitarra classica con Jesús Díaz O’Reilly, in canto con Amalia Arriaza, teoria musicale con Elcilia Ponce, perfeziona il suo stile con i più grandi maestri di Cuba, studia Uillean pipes, banjo, liuto e arciliuto rinascimentale, flauto barocco, e gaita (cornamusa) asturiana e galleca ed è prossima a diplomarsi in chitarra al Conservatorio di Venezia. Si esibisce con un suo trio in Italia dove ha partecipato a numerosi festival e rassegne negli ultimi tre anni. 

“Hebra de luz” (Sorah Rionda, 2015) é il suo primo album realizzato in Italia con la collaborazione di musicisti provenienti dall’Italia e dall’Argentina. E’ erede di melodie tessute nella poesia dei pomeriggi cubani dalla voce e chitarra della sua bisnonna o imparate fra cornamuse e cori in un mare di cultura ed emozioni ancestrali provenienti dall’Africa, Spagna, dall’America Latina e dal Giappone. Questo percorso musicale si fonde nella sua Habana con l’allegria, i colori, la nostalgia e l’amore passionale e ci fa un racconto delle sue origini, storia e influenze fra canzoni antiche cubane e di propria composizione che alternano delicatamente ruoli con strumenti ed atmosfere sonore appartenenti al panorama celtico, tradizionale e moderno.

In questo lavoro Sorah Include anche una canzone di suo prozìo Graciano Gómez (famoso cantautore e strumentista della “trova tradicional cubana”) con la quale ha voluto amalgamare, come in un omaggio alla fusione presente nella musica cubana, all’ inconfondibile gaita asturiana. “Hebra de luz” é per lei “Un filo di parole e melodie che mi abbracciarono come fruscii, inevitabili contagi, come tornadi e labirinti di note che non potei trattenere nella barriera della mia anima” spiega Sorah Rionda. Presto l’uscita del suo nuovo lavoro discografico “Renacer”, che vuole rappresentare la sua rinascita spirituale e musicale. Il disco è stato registrato a Cuba e vede la collaborazione di alcuni musicisti cubani. Costo 6 euro + diritti di prevendita. 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Un'arca contemporanea per gli "animali" di Banksy, la grande mostra a Palermo

    • dal 7 ottobre 2020 al 17 gennaio 2021
    • Loggiato di San Bartolomeo e Palazzo Trinacria
  • Terracqueo, una grande mostra sul Mediterraneo va in scena a Palazzo Reale

    • dal 16 settembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Palazzo Reale
  • I 100 volti di David Bowie nelle foto di Masayoshi Sukita: la mostra a Palazzo Sant'Elia

    • dal 10 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Palazzo Sant'Elia
  • Geraci Siculo, il calice del monastero di Santa Caterina in mostra al museo parrocchiale

    • Gratis
    • dal 22 agosto al 31 dicembre 2020
    • Museo parrocchiale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento