"Le volontà di mio marito": quando la curiosità diventa un pericoloso boomerang

Una commedia in tre atti, in cui colpi di scena gag e trovate surreali fanno da sfondo al desiderio di riscatto di un marito burlato.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Le volontà di mio marito Commedia brillante in tre atti Teatro Don Bosco Ranchibile Via Libertà, 199 90146 Palermo Sabato 14 dicembre ore 21 Domenica 15 dicembre ore 18:30 Le volontà di mio marito, una commedia tanto divertente quanto profonda sulle debolezze umane e sulle imprevedibili conseguenze che si scatenano quando la curiosità coniugale diventa un po’… “eccessiva”.

“Cosa dirà la gente quando sarò morto?” La fatidica domanda che molti di noi, almeno una volta nella vita, si è posta, dà il via a una commedia ironica, carica di momenti molto comici, a tratti esilaranti, la cui morale affonda le radici nell’inquietudine e nelle incertezze di chi ha bisogno fortemente dell’approvazione o dell’ammirazione del prossimo. Se, poi, a provare questi dubbi e queste incertezze è un marito mortificato dai continui biasimi della propria moglie… la situazione può degenerare in una spirale comica, costruita sulle dinamiche classiche di una coppia un po’ indebolita e un po’ insoddisfatta, che cerca il riscatto autonomamente attraverso la solidarietà e la complicità degli amici.

Una commedia portata in scena dal Gruppo Teatrale Velarium, una compagnia di attori non professionisti costituitasi nel maggio 2005, tutti accomunati dall’amore per il teatro e dalla passione per la recitazione, provenienti da professioni eterogenee, dall’insegnante all’assicuratore, dall’imprenditore al pensionato, che ha l’obiettivo di realizzare e diffondere testi di autori noti o esordienti, attraverso scambi culturali anche con altre regioni, per mantenere vivi ricordi, tradizioni e fatti popolari. Un’opera teatrale destinata a tutti, in cui molti possono ritrovarsi proiettati nei vari personaggi che la popolano, ridendo dei loro errori che, in fondo, possono essere anche i nostri. Colpi di scena, gag e trovate paradossali ci ricordano come dei vivi si possa parlare male ma dei morti… non sia mai! Lo spettacolo è sconsigliato a chi non ama ridere. Biglietti disponibili sul link dell’evento alla pagina https://www.facebook.com/events/1608243649318406/?ti=cl

Torna su
PalermoToday è in caricamento