"La nave dei folli", alla Fabbrica 102 l'incontro con Valentina Rametta

Appuntamento che spazia tra filosofia, il letteratura e intrattenimento alla Fabbrica 102 giovedì 9 gennaio, dove a partire dalle 19 la filosofa e studiosa Valentina Rametta discuterà de ‘La Nave dei Folli’, un’opera letteraria di Sebastian Bradt, pubblicata nel 1494 e illustrata con incisioni attribuite ad AlbrechtDurer. Una di esse sembra aver suggerito il tema iconografico del quadro omonimo di Hieronymus Bosch. Durante l’appuntamento sarà sviscerato il tema dei reietti, di chi viene considerato pazzo, escluso dalla società, con contributi video e analisi del testo de La Nave dei Folli. Alla fine dell’intervento d iValentina Rametta, sarà lasciato spazio a domande e contributi del pubblico. Ingresso libero fino a esaurimento posti. 

Analisi del testo di Valentina Rametta

Senza dubbio l’artista doveva conoscere i best-seller del proprio tempo, qual è stata la Narrenschiff di Brandt. Ed è suggestivo supporre, con prove indiziarie, che quella immagine raffigurante una sorta di equipaggio alla deriva di persone strambe, debba aver trovato in Bosch l’itinerario visuale per un’altra storia della paura. Paura di cosa? E' sempre in causa il nulla dell'esistenza, il timore d’essere contagiati da un demone glossolalico. Il tema della Nave dei Folli era ben noto già dal tardo Medioevo: una corporazione di insensati destinata ad approdare a Narragonia, una moralizzata terra di Cuccagna dove non ci sono solo i folli, ma anche i malinconici, i giocatori d’azzardo, gli adulteri, i viziosi, i bestemmiatori, i cinici, i mentitori di professione. L’ingresso era destinato, per esempio, a un vescovo che aveva ipotecato il reddito per comprare il titolo religioso, o un alchimista che aveva sciolto nel crogiolo tutte le ricchezze. Stolti, insensati, immorali, tutta la “follia” sociale raccolta dentro questa nave autopoietica, una intersezione di vite che traboccano fuori dal mondo morale e che indica un'incrinatura, ancora appena percepibile, quella che sarà la grande linea di separazione nell'esperienza occidentale della follia.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Mercato del contadino a Ficuzza: ogni domenica l'appuntamento enogastronomico

    • Gratis
    • dal 26 luglio al 25 ottobre 2020
    • Real Casina di Caccia di Ficuzza
  • Miserere all'Albergheria, un concerto gratuito per salutare padre Cosimo Scordato

    • 30 settembre 2020
    • Chiesa di San Francesco Saverio all'Albergheria
  • Terracqueo, una grande mostra sul Mediterraneo va in scena a Palazzo Reale

    • dal 16 settembre al 30 novembre 2020
    • Palazzo Reale
  • Museo Diocesano, la riapertura con la mostra "Architetture barocche in argento e corallo"

    • dal 10 luglio al 10 ottobre 2020
    • Museo Diocesano
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    PalermoToday è in caricamento