"Francesco Zerilli. Vedute e paesaggi", la mostra a Palazzo Branciforte

Venerdì 24 giugno alle 18 a Palazzo Branciforte si inaugura la mostra "Francesco Zerilli. Vedute e paesaggi".

Dopo il viaggio siciliano raccontato dal taccuino dell’inglese Compton e dopo la Palermo Felice rappresentata da Houël, prosegue il programma delle esposizioni dedicato al paesaggio siciliano. Fondazione Sicilia e Sicily Art and Culture presentano la mostra delle opere realizzate a cavallo tra gli anni Venti e gli anni Trenta dell’Ottocento dal palermitano Francesco Zerilli (1793-1837). Le opere si potranno ammirare, negli spazi della Cavallerizza di Palazzo Branciforte, dal 25 giugno al 25 settembre 2016. La finezza narrativa e il rigore topografico contraddistinguono lo stile dell’artista che per rappresentare le città di Palermo, Siracusa, Catania, Messina e Napoli sperimenta svariati e nuovi punti di ripresa. Infatti Zerilli, distanziandosi dalle rappresentazioni documentaristiche e dal rigore del Neoclassicismo, raggiunge una originale autonomia artistica mediante l’utilizzo di panoramiche rialzate a volo d’uccello e di prospettive radenti il mare, o ancora ribassate dalle coste. Questo specifico approccio nella raffigurazione del paesaggio, dovette risultare idoneo a Zerilli per indagare anche più volte lo stesso scorcio, esaltandone le piccole differenze dovute alle alterazioni luministiche.

La calibrata disposizione delle quinte arboree, dei lungomari e delle rocce, la nitidezza della rappresentazione delle vestigia del passato insieme alla misurata presenza umana, intendono rappresentare un quieto equilibrio tra natura e civiltà, sospeso in un’atmosfera rarefatta. E proprio grazie alla resa di una natura benevola e conciliante che arride allo sguardo, le opere di Zerilli riscossero molto successo tra il colto pubblico internazionale dell’epoca. La morte precoce del pittore, avvenuta a seguito della grande epidemia di colera, dilagata nelle due capitali borboniche e propagatasi in Sicilia nel 1837, interrompe bruscamente la produzione dell’artista, ma la sua opera, erede della tradizione del vedutismo prospettico, rimane un fondamentale preludio nell’evoluzione della pittura di paesaggio in pieno Ottocento.

Orari d’apertura: martedì - domenica ore 9,30 - 19,30

La biglietteria chiude un’ora prima

Chiuso il lunedì

Biglietti 
Intero € 7,00

Ridotto € 5,00 gruppi di minimo 15 persone, maggiori di 65 anni e titolari di apposite convenzioni

Ridotto € 3,00 Sala della Cavallerizza

DI SEGUITO LE ATTIVITÀ DIDATTICHE PREVISTE CURATE DA CIVITA SICILIA.

Vedute e paesaggi - visita guidata per adulti singoli. La ricca produzione di tempere di Francesco Zerilli fornisce un’importante documentazione topografica del paesaggio di inizio Ottocento. Attraverso l’osservazione diretta delle opere esposte sarà possibile riscoprire le atmosfere e i luoghi inseriti nell’immaginario del Grand Tour che hanno continuato ad affascinare il gusto del raffinato pubblico internazionale che raggiungeva la Sicilia e Napoli nel corso del XIX secolo.

Sabato e domenica ore 18.30 - durata: 1 ora

Tariffa: € 5,00 a persona incluso biglietto d’ingresso. Prenotazione consigliata

LABORATORI

Diario di viaggio - bambini 4-6 anni 4 ai 6 anni)) Dopo aver visitato la mostra, ripercorrendo l’attività dei viaggiatori del Grand Tour, i bambini potranno ricreare in laboratorio un paesaggio servendosi di carta, colori, stoffe ed elementi di riciclo. L’elaborato diventerà la copertina di un “diario di viaggio” che ognuno continuerà a scrivere durante le proprie vacanze. luci e colori:

(bambini dai 10 ai 12 anni) Immagini, luci e colori: costruiamo una camera ottica - bambini 10-12 anni L’opera di Zerilli, erede del vedutismo, è stata realizzata anche mediante l’uso di strumenti che aiutavano gli artisti nella riproduzione corretta della prospettiva. Dopo aver rintracciato, attraverso la visione delle opere, gli elementi che derivano dall’uso della camera ottica,

in laboratorio verranno approfondite la storia e le caratteristiche di questo utilissimo strumento che verrà riprodotto con materiali di riciclo.

ENTRAMBI I LABORATORI ALTERNATI

Sabato e domenica ore 10.30 - Durata: 1 ora e 30 minuti. Tariffa: € 5,00 a persona incluso biglietto d’ingresso - Prenotazione obbligatoria

Alle ore 17,00 il Distretto 2110 del Rotary International dona a Palazzo Branciforte una carrozzina destinata ai visitatori con ridotta mobilità. La donazione è collegata al Rotary Youth Leadership Awards sul tema “una nuova leadership per ripensare il futuro” che ha avuto luogo a Palazzo Branciforte nel marzo di quest’anno e ha coinvolto 71 giovani siciliani e maltesi.

Saranno presenti il Presidente della Fondazione Sicilia Raffaele Bonsignore, il Governatore distrettuale del Rotary Francesco Milazzo e il Presidente della Commissione “Rotary Youth Leadership Awards (RYLA)” Gaetano De Bernardis.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Castrum Superius, il palazzo dei Re Normanni in una mostra che porta indietro nel tempo

    • dal 15 maggio 2019 al 10 gennaio 2020
    • Palazzo Reale
  • La casa delle farfalle fa il bis e torna al Museo Riso, sarà patrimonio dei palermitani

    • dal 5 ottobre al 31 dicembre 2019
    • Museo Riso
  • Bim Bum Bam, giocattoli diventano opere d'arte: due mesi di mostra allo Steri

    • Gratis
    • dal 3 ottobre al 23 dicembre 2019
    • Complesso Monumentale dello Steri

I più visti

  • Castrum Superius, il palazzo dei Re Normanni in una mostra che porta indietro nel tempo

    • dal 15 maggio 2019 al 10 gennaio 2020
    • Palazzo Reale
  • La casa delle farfalle fa il bis e torna al Museo Riso, sarà patrimonio dei palermitani

    • dal 5 ottobre al 31 dicembre 2019
    • Museo Riso
  • Teatro Al Massimo, la Miracle Queen tribute band in concerto con la polifonia cori e archi

    • 16 novembre 2019
    • Teatro Al Masimo
  • Bim Bum Bam, giocattoli diventano opere d'arte: due mesi di mostra allo Steri

    • Gratis
    • dal 3 ottobre al 23 dicembre 2019
    • Complesso Monumentale dello Steri
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento