Festival di musica antica, la tre giorni di concerti tra chiese e piazze a Gratteri

Il prossimo 31 agosto avrà luogo a Gratteri il concerto di inaugurazione della XII edizione del Festival di Musica Antica, organizzato dall'Associazione MusicaMente in collaborazione con il Comune di Gratteri.

La scelta che sta alla base del Festival, il cui direttore artistico è Paolo Rigano, è quella di coniugare musica di qualità e promozione del territorio, attraverso un percorso che offre l'opportunità di ascoltare ed apprezzare alcune tra le più belle partiture di musica antica, con l’utilizzo di  strumenti e  prassi esecutiva storica, e di conoscere e riscoprire luoghi storici e suggestivi del Parco delle Madonie. Il 31 agosto alle ore 21.00,  presso la Chiesa di Santa Maria di Gesù (Gratteri), si esibiranno due grandi interpreti del barocco: il russo Boris Begelman al violino e Ignazio Maria Schifani al clavicembalo. I due artisti proporranno un concerto dal titolo “La Sonata ai piedi del Vesuvio”, un viaggio intorno al repertorio violinistico della Scuola Napoletana. In programma musiche si Marchitelli, Mascitti, Geminiani, Scarlatti e Barbella.

L’1 settembre alle ore 21.00 presso la piazza del comune di Gratteri si esibira’ il trio Debora Troìa, voce, Paolo Rigano, chitarra barocca, Sergio Calì, percussioni. Il programma dal titolo “La Musica nei Viceregni di Napoli e Sicilia”, si propone di ricreare la meravigliosa atmosfera ed il fermento culturale della corte reale spagnola  tra 600 e 700. La musica spagnola di quel periodo  aveva la caratteristica di fondere la cultura colta con quella popolare  e pertanto era  intrisa  di affetti barocchi e ritmi della tradizione. Il programma del concerto prevede l’esecuzione di  brani di Juan Hidalgo e Jose’ Marin, due grandi compositori di Tonos Humanos, brani cantati in spagnolo con testo profano. Verranno inoltre eseguiti brani per chitarra barocca di Gaspar Sanz, Antonio De Santa Cruz e Santiago de Murcia . Quest’ultimo autore  in particolare fu un genio creativo per la capacita’ di fondere diversi aspetti della musica colta e popolare  di Spagna, Francia, Italia, Nord Africa, e sud  America creando qualcosa di “nuovo” , che oggi verrebbe definito “fusion”.

Il 2 settembre ore 21.00  a Gratteri presso la Chiesa di Santa Maria di Gesù è previsto il Concerto “Percorsi barocchi tra Italia e Germania”. Protagonisti: Valeria Caponnetto, violino , Alessandro Nasello,  flauto efagotto barocco, Cinzia Guarino, clavicembalo. In programma musiche di Telemann, Handel, Brescianello. Il concerto oltre ad essere dedicato alla figura del polistrumentista dell’epoca settecentesca, offrirà al pubblico l’occasione di spaziare attraverso i repertori musicali per violino, flauto dolce e  fagotto dell’Europa tardo-barocca, per potere apprezzare le differenze stilistiche e anche l’interessante gioco di influenze creatosi fra le diverse espressioni nazionali. L’ingresso è gratuito

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Sabato sera al pub con buona musica, i Noi duo live al New Square pub di Bagheria

    • solo domani
    • 11 luglio 2020
    • New Square Pub
  • "Jazz sotto le stelle", allo Stand Florio il concerto di Simona Trentacoste 4tet

    • solo oggi
    • 10 luglio 2020
    • Stand Florio
  • Una serata con Fred Bongusto, il concerto tributo al Teatro Vito Zappalà

    • 12 luglio 2020
    • Teatro Vito Zappalà

I più visti

  • Come mangiavano le monache in convento, la cena con le ricette di Santa Caterina

    • solo oggi
    • 10 luglio 2020
    • Monastero Santa Caterina D'Alessandria
  • Il Teatro Biondo va all'Orto Botanico: "Aulularia", la fabula della pentola d’oro in scena all'aperto

    • dal 7 al 12 luglio 2020
    • Orto Botanico
  • Il Malox spegne otto candeline, si fa festa a Piazzetta della Canna

    • solo domani
    • 11 luglio 2020
    • Malox
  • Palermo sotterranea, il tour dei Beati Paoli a Palermo tra catacombe e cripte sotterranee

    • 12 luglio 2020
    • Chiesa di San Matteo e catacomba di Porta d'Ossuna
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento