"La macchina dei sogni", al Museo Salinas ritorna il festival teatrale di Mimmo Cuticchio

Sarà un sogno nel sogno la 37esima edizione del Festival teatrale “La Macchina dei Sogni”, diretto da Mimmo Cuticchio, dal 14 al 18 ottobre, all’interno del Museo archeologico regionale Antonino Salinas e realizzato con il sostegno dell’assessorato regionale dei Beni culturali e dell’identità siciliana. Mostre, spettacoli, installazioni dialogheranno con la prestigiosa collezione archeologica custodita all’interno del museo. Il sottotitolo “Il Palazzo delle cento stanze”, indica proprio questo percorso che incrocia il teatro contemporaneo con la storia siciliana. Il Festival intreccia la contemporaneità con il mito offrendo spunti di riflessione sui drammi che vive l’uomo contemporaneo. Gli spazi del Museo archeologico saranno, dunque, il genius loci del progetto. 

Il teatro incontra il museo

Alcuni spazi del Museo ospiteranno una mostra di arazzi “pezzati”, ideati e realizzati da Tania Giordano. Il viaggio tra gli arazzi sarà accompagnato dai testi di Tiziana Lo Porto, scrittrice e traduttrice che, insieme a Giordano, è stata allieva del primo corso della scuola per pupari e cuntisti nel 1997. Il testo sarà parte integrante degli arazzi esposti, le parole tesseranno una trama di racconti e una geografia di avventure. 

L’allestimento di Giordano e Lo Porto diventa la scenografia dello spettacolo itinerante “Viaggio avventuroso tra storie, miti e leggende”, ideato e diretto da Mimmo Cuticchio (dal 14 al 18 ottobre alle 10,30 e alle 16). Il volo delle piume d’oro degli uccelli accompagnerà il viandante tra i fili della narrazione dell’epica guerra di Troia, che viene tessuta dal telaio regolato sulla pietra di Palermo. La forza, la debolezza, il pianto, l’amore, il dolore, la morte, il duello, l’amicizia, il potere, la spada, l’elmo, la lancia, l’auriga, il sottile velo. Dalle gesta degli eroi all’orizzonte sconfinato dei personaggi, che chiedono di essere raccontati, rivissuti e rivisitati in nuove possibilità interpretative. 

Dalla bella e violata Europa agli dei umili e obbedienti come Enea, dagli scaltri e furbi come Ulisse re dei naufraghi all’abile arciere Paride bramoso di mele d’oro, dallo sguardo agghiacciante di Medusa, un tempo dolce fanciulla indifesa alla saggezza implacabile di Atena, dalla disperata, amorevole e determinata Demetra al seducente e focoso Giove, dalle madri e sorelle che perdono i propri figli come Andromaca ai guerrieri leali come Ettore. Tutti saranno plasmati e restituiti nel loro amore per l’avventura, il valore e le virtù.  

Gli spettacoli della compagnia Figli d’Arte Cuticchio 

“L’ira di Achille” (16 e 17 ottobre alle 21) per la prima volta a Palermo, si svolge su tre piani scenici: gli uomini/pupi, i sacerdoti/pupari e gli dei/attori, in una felice contaminazione tra diverse tradizioni orali e performative. La drammaturgia segue passo dopo passo l’“Iliade” dando spazio alla musica, al ritmo incalzante delle scene e dei dialoghi, ma soprattutto al piacere puro, intatto, assoluto del racconto, che riscopre l’antica arte dei rapsodi omerici, ci riporta indietro nel tempo e la storia prende corpo e voce attraverso i pupi, gli opranti e gli attori. 

Giacomo Cuticchio ha scritto appositamente la suite musicale per lo spettacolo, ideato, montato e diretto dal padre Mimmo. L’epica si fonde con il contemporaneo in una messa in scena che vede in azione nuovi pupi creati sulle figure dei greci e dei troiani, nel rispetto di quei canoni tradizionali che la Famiglia d’arte si tramanda di generazione in generazione. Analogamente, strumenti antichi e moderni vengono armonizzati nella colonna sonora che accompagna, in una progressione dialettica, i fatti rappresentati, seguendone i ritmi di improvvisazione tipici del teatro dei pupi.

Ci sarà anche “Medusa” (18 ottobre alle 21,40) in forma di proiezione sul grande schermo, dove convivono le tradizioni dell’opera dei pupi e dell’opera lirica. La trama prende spunto dai racconti mitici che narrano della Gorgone, precisamente quelli di età ellenistica, le cui fonti riferiscono di una bellissima fanciulla mutata in mostro dalla dea Atena, irata per la profanazione del suo santuario in seguito all’amplesso della giovane con il dio dei mari Poseidone. La proiezione sarà preceduta da una conversazione con Maurizio Bettini, saggista, scrittore, filologo e latinista che parlerà dell'affascinante universo dei miti e delle loro narrazioni.

Le ospitalità

Per il Festival arriveranno a Palermo anche uno spettacolo del Centro teatrale bresciano e uno della compagnia del Teatro del Drago di Ravenna. Il primo è “Cassandra o dell’incanto” di Elisabetta Pozzi (14 ottobre ore 21) che procede attraverso memorie letterarie che riguardano il personaggio mitologico, un collage di ricordi narrati in prima persona. La drammaturgia dello spettacolo si avvale del contributo di Massimo Fini, con il quale l’attrice ha costruito il finale, una sorta di tragico epilogo in cui Cassandra vede il futuro dell’uomo moderno, che con la sua incapacità di porsi dei limiti è ormai diventato “un minuscolo ragno al centro d’una immensa tela che si tesse ormai da sola e di cui è l’unico prigioniero”. Da diversi anni Elisabetta Pozzi lavora sui grandi temi e archetipi del mito. Tra i personaggi più frequentati in questo lungo dialogo con le radici del teatro occidentale c’è Cassandra, oggetto di numerosi studi e spettacoli di cui questo Cassandra è l’ultima tappa. L’attrice ha costruito una drammaturgia originale che, partendo dalle tragedie di Eschilo ed Euripide, compie un affascinante percorso intorno alla profetessa troiana cui Apollo ha dato il dono di prevedere il futuro e insieme la condanna di non essere creduta, raccogliendo liberamente suggestioni e riletture da grandi testi e autori di ogni tempo: da Seneca a Christa Wolf, da Omero a Ghiannis Ritsos fino a Wislawa Szymborska e Pier Paolo Pasolini. 

Da Ravenna arriva, invece, “Fagiolino asino d’oro” (15 ottobre ore 21) con Fabio Pignatta, Mauro e Andrea Monticelli, diretto da Renato Bandoli, uno show d’arte varia che richiama un decadente circo ottocentesco incentrato su una struttura “scenica-coreografica” di disorganizzati artisti ambulanti. La comicità semplice e immediata è uno degli elementi che lega i tre differenti generi presenti nello spettacolo: il teatro dei burattini, l’arte antica dei cantastorie, la giocoleria degli artisti di strada. La rappresentazione è ispirata a “L’asino d’oro” di Apuleio, ma il protagonista della storia è Fagiolino, l’eroe dei burattini tradizionali dell’Emilia Romagna.

Spazio ai bambini

Per i più piccoli, il programma prevede “Fiabe africane” e “La forma delle storie” (16 e 17 ottobre alle 18), due spettacoli della compagnia La Voce delle cose di Bergamo. Le fiabe rappresentano la mappa del mondo che una società trasmette alle generazioni future. Ciò è ancor più necessario in quelle società dove non è presente una lingua scritta, dove le narrazioni fiabesca, epica e mitologica non sono completamente distinte e dove l’ascolto di ognuna di queste coinvolge l’intera popolazione. “Scilla e Cariddi” della compagnia Teatro degli Spiriti di Palermo (14 ottobre alle 18) racconta la straordinaria avventura fatta di inseguimenti, di mari, di amori e di mostri marini che porterà Scilla a incontrare Cariddi. E infine, “Pulcinella” di Bruno Leone (15 ottobre alle 18), un personaggio irriverente alle prese con gli imprevisti del quotidiano, protagonista assoluto, che affronta e sconfigge i suoi avversari, dispensando lezioni di vita e di buon senso. 
“In viaggio con Ulisse nella terra dei bambini” è, invece, il laboratorio creativo rivolto a bambini dai 6 ai 10 anni, condotto da Sara Cuticchio, psicologa e psicoterapeuta infantile. Basato sulla costruzione di pupi di cartapesta, il laboratorio si propone di raccontare il mito senza tempo dell’“Odissea” attraverso uno sguardo nuovo e attuale, che pone al centro il punto di vista del bambino. Tre incontri pomeridiani dalle 15 alle 18. Per l’iscrizione occorre inviare una mail a pupi@figlidartecuticchio.com entro il 10 ottobre. 

La memoria dei sogni

Una parte speciale del Festival è “La memoria dei sogni”. Si tratta di un “tour virtuale” attraverso il web, tra fotografie e video, realizzato grazie al sostegno dell’assessorato alle Culture del Comune di Palermo. Il tour realizzato da Valerio Bellone, sarà disponibile online sul sito dell’associazione Figli d’Arte Cuticchio (www.figlidartecuticchio.com) e accompagnerà i visitatori nei dedali del Teatro dei Pupi di via Bara all’Olivella, autentica macchina di sogni. Lungo il tratto di strada che dal Teatro Massimo porta al Museo archeologico, si estenderà un’installazione scenografica con i manifesti di tutte le edizioni del Festival che ha curato Fabrizio Lupo e hanno realizzato Alessia D’Amico e Rosario Mangiapane. Con un semplice clic si materializzano davanti agli occhi del visitatore, come scatole cinesi, tutte le immagini e i temi delle trentasei edizioni del Festival “La Macchina dei sogni”.

Gli eventi del Festival sono gratuiti, ma per partecipare è necessario pagare il biglietto di ingresso al Museo Salinas (6 euro). Per le misure anti Codiv il numero dei posti è limitato. La prenotazione avviene tramite Coop Culture sul sito www.coopculture.it. Tutti gli eventi saranno trasmessi in diretta attraverso il sito dell’associazione: www.figlidartecuticchio.com. 

Il programma 

14 ottobre

  • ore 10,30 Viaggio avventuroso tra storie, miti e leggende - Figli d’Arte Cuticchio
  • ore 16  Viaggio avventuroso tra storie, miti e leggende - Figli d’Arte Cuticchio
  • ore 18  Scilla e Cariddi - Teatro degli Spiriti
  • ore 21  Cassandra o dell’incanto - Elisabetta Pozzi

15 ottobre

  • ore 10,30 Viaggio avventuroso tra storie, miti e leggende - Figli d’Arte Cuticchio
  • ore 16  Viaggio avventuroso tra storie, miti e leggende - Figli d’Arte Cuticchio
  • ore 18  Storie di Pulcinella - Bruno Leone
  • ore 18,30 presentazione del libro "Museo Nazionale 150 opere d’arte della storia d’Italia" di Monica Onofrio
  • ore 21  Fagiolino asino d’Oro - Teatro del Drago

16 ottobre

  • ore 10,30 Viaggio avventuroso tra storie, miti e leggende - Figli d’Arte Cuticchio
  • ore 16  Viaggio avventuroso tra storie, miti e leggende - Figli d’Arte Cuticchio
  • ore 18  La forma delle storie - Luì Angelini - La voce delle cose
  • ore 21  L’ira di Achille - Figli d’Arte Cuticchio

17 ottobre

  • ore 10,30 Viaggio avventuroso tra storie, miti e leggende - Figli d’Arte Cuticchio
  • ore 16  Viaggio avventuroso tra storie, miti e leggende - Figli d’Arte Cuticchio
  • ore 18  Fiabe africane - Paola Serafini - La voce delle cose
  • ore 21  L’ira di Achille - Figli d’Arte Cuticchio

18 ottobre

  • ore 10,30 Viaggio avventuroso tra storie, miti e leggende - Figli d’Arte Cuticchio
  • ore 16 Viaggio avventuroso tra storie, miti e leggende - Figli d’Arte Cuticchio
  • ore 18 In viaggio con Ulisse nella terra dei bambini (saggio del laboratorio dei bambini)
  • ore 21  Mythos il racconto infinito - conversazione con Maurizio Bettini
  • ore 21,40 Medusa (proiezione)

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Da "Non una di meno" a "Il mio nome è Nessuno": gli spettacoli in streaming del Libero

    • Gratis
    • dal 27 al 29 novembre 2020
    • evento online
  • Aspettando Morgana, in streaming gli incontri con le compagnie teatrali del Festival

    • Gratis
    • dal 23 novembre al 3 dicembre 2020
    • evento online
  • Festival di Morgana, l'edizione 2020 va sul palcoscenico ma anche in streaming

    • dal 4 al 13 dicembre 2020
    • luoghi all'interno dell'articolo

I più visti

  • Un'arca contemporanea per gli "animali" di Banksy, la grande mostra a Palermo

    • dal 7 ottobre 2020 al 17 gennaio 2021
    • Loggiato di San Bartolomeo e Palazzo Trinacria
  • Terracqueo, una grande mostra sul Mediterraneo va in scena a Palazzo Reale

    • dal 16 settembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Palazzo Reale
  • I 100 volti di David Bowie nelle foto di Masayoshi Sukita: la mostra a Palazzo Sant'Elia

    • dal 10 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Palazzo Sant'Elia
  • Geraci Siculo, il calice del monastero di Santa Caterina in mostra al museo parrocchiale

    • Gratis
    • dal 22 agosto al 31 dicembre 2020
    • Museo parrocchiale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento