Festival della musica mediterranea di Gangi, annunciati i primi artisti e gli eventi collaterali

La manifestazione abbraccia le tradizioni dei popoli del mediterraneo esattamente come abbraccia e si integra con il territorio. Ecco tutte le promozioni per visitare le Madonie

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Comincia a prendere forma la LineUp della seconda edizione del Festival della Musica Mediterranea. Lo scorso 16 giugno dalle pagine social della manifestazione è stato annunciato il primo ospite, si tratta dei “principe dei passanti” Sandro Joyeux, catalizzatore di diverse tradizioni linguistiche e culturali che, dai ritmi del deserto alle strade polverose del west Africa, tra le banlieues parigine e il reggae dei ghetti giamaicani, attraverso la musica, diventano strumento di coesione fra i popoli. Sandro Joyeux si esibirà sul palco del Festival della Musica Mediterranea Sabato 3 alle 21.

Il secondo “spoiler” riguarda la band che chiuderà questa seconda edizione del festival: la BandAdriatica che, dalle coste agitate della musica salentina veleggia verso altre sonorità: quelle tipiche del versante est della cosa adriatica che abbraccia Albania, Croazia, Montenegro fino ad addentrarsi nelle tradizioni musicali di Serbia e Macedonia. Un viaggio che non si esaurisce lungo le due coste del mediterraneo orientale, ma scende verso sud, per incontrare e lasciarsi contaminare dai ritmi del nord Africa. La BandAdriatica si esibirà sabato 3 agosto alle 23. Nei prossimi giorni, sempre dalle pagine social del festival che si terrà a Gangi dall’1 al 3 agosto, verrà comunicata il resto della lineup. Intanto è ancora attiva la promozione che consente l’acquisto, per soli 18 euro, del biglietto d’ingresso per i tre giorni del festival (https://www.festivalmusicamediterranea.it/tickets-early-bird/).

“Il Festival è in definitiva un riassunto di suoni, mani, facce, corde, pelli, legni dai Pirenei ai Balcani, dalla foce del Po a quella del Nilo, una filastrocca da imparare a memoria ed in fretta, anche perché non ci si scordi che ogni differenza trovata è questione di tratto, ogni uguaglianza dissotterrata una questione di cuore. Così – afferma il direttore artistico Francesco Nasello –abbraccia e si integra con le tradizioni ed i popoli del mediterraneo, esattamente come abbraccia e si integra con il territorio. Durante i tre giorni della manifestazione esibendo i ticket d’ingresso del festival, sarà possibile ottenere delle tariffe agevolate per visitare il Parco Avventura delle Madonie, il Museo Sotto Sale, la scuola di equitazione Horse Division, le Gole del Tiberio e, grazie alla partnership con le Pro Loco delle alte Madonie, sarà possibile fare delle bellissime visite guidate alla scoperta dei borghi di Gangi, Petralia Soprana e Geraci Siculo”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento