Sole Luna Doc Film, il festival trasloca sul web: al via con "Since you left" di Mohamed Bakri

Quest’anno la rassegna internazionale di cinema documentario compie 15 anni. Un traguardo importante che sarà celebrato con una rassegna speciale dal titolo “15Doc winners collection”

Quest’anno la rassegna internazionale di cinema documentario Sole Luna Doc Film Festival di Palermo compie 15 anni. Un traguardo importante che a partire da domani, 30 aprile, sarà celebrato con una rassegna speciale dal titolo “15Doc winners collection”. Una nuova iniziativa online di Sole Luna che porterà il “cinema del reale” in tutte le case, offrendo ogni martedì e giovedì alle ore 19,30 il meglio del festival di questi anni: i 14 film vincitori premiati dalle giurie internazionali che si sono avvicendate.

Il via, dunque, con il film vincitore della prima edizione (2006) Since you left di Mohamed Bakri (Palestina - Israele, 2005, 58’). Nel film il regista Mohammad Bakri visita la tomba del suo maestro, Emil Habibi, scrittore e politico palestinese, raccontandogli, in un dialogo immaginario, cosa è successo dalla sua morte. Le rivolte dell’ottobre del 2000, l’intifada palestinese e la rappresaglia israeliana si mescolano a due eventi che cambiano il corso della vita dell’autore: l’attacco a Meron, nel quale due dei suoi nipoti furono condannati per aver aiutato gli attentatori, e la produzione del documentario “Jenin Jenin”, sull’omonimo campo palestinese in Cisgiordania colpito dal fuoco israeliano nel 2002. Il conflitto israelo-palestinese, la memoria di Emil Habibi, il teatro, ma anche il suo ‘mettersi in scena’ per raccontare le sue vicende personali, sono qui raccontati attraverso un viaggio intimo dell’attore e regista palestinese. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Un lavoro duro, coraggioso e necessario”, nelle motivazioni della giuria che lo ha premiato, sottolineando “la forza dei dialoghi, la drammaticità degli avvenimenti, l’intensità della proposta e l’urgenza del porsi in reciproco ascolto per la ricerca di una difficile speranza” nel conflitto israelo- palestinese. La giuria era composta quell’anno dal sociologo Francesco Alberoni, dalla giornalista e scrittrice francese Sophie Bessis, dalla scrittrice iraniana Maryam Sachs Banihashem, dall’architetto Matteo Thun e dal fotografo e artista Stefano Zardini. La visione del documentario è consigliata in presenza di un adulto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Covid a Palermo, medico si sfoga: "Macché complotto, tante richieste di ricovero e reparto pieno"

  • Tragico incidente in via Roma, scontro auto-moto: un morto

  • Trovato morto il sub disperso a Terrasini, cadavere recuperato sott'acqua

  • Il malore del figlio e la disperazione dei genitori, poliziotti "volano" nel traffico per salvare un giovane

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento