Notti d'estate nel segno del cinema, Sole Luna Doc Film Festival online ma anche dal vivo

Una formula inedita per la rassegna internazionale di cinema documentario che si terrà in presenza e online grazie alla collaborazione di registi e case di produzione. Tra le iniziative di quest’edizione, l’omaggio al regista statunitense Robert Kramer

Sole Luna Doc Film Festival si farà. La rassegna internazionale del documentario ideata da Lucia Gotti Venturato e giunta quest’anno alla XV edizione, conferma le date già annunciate ad inizio 2020 e “raddoppia” l’offerta affiancando al Festival dal vivo - calibrato assicurando il distanziamento e le misure di sicurezza - le proiezioni online dei film in concorso. Il Festival si terrà dal 6 al 12 luglio al Complesso storico-architettonico di Santa Maria dello Spasimo di Palermo e sarà, di fatto, la prima rassegna cinematografica internazionale “in presenza” dell’estate italiana. 

Allo Spasimo, saranno allestite due sale di proiezione con posti a sedere distanziati di un metro l’uno dall’altro e dunque dimezzati nel numero rispetto alle scorse edizioni. Per allargare la platea e offrire al proprio pubblico la possibilità di assistere comunque ai documentari, il festival, offrirà la visione dei film in concorso anche online sul sito www.solelunadoc.org al pubblico di tutt’Italia. Una soluzione concordata con le case di produzione e possibile solo grazie alla loro collaborazione e disponibilità.

All’interno dello Spasimo saranno messe in pratica varie misure per garantire lo svolgimento e la fruizione del Festival in sicurezza: misurazione della temperatura, dispenser con gel disinfettante all’ingresso e la sanificazione ogni due ore di luoghi, attrezzature, sedie, toilette e tavoli di accoglienza. Obbligatorio, inoltre, l’uso delle mascherine.

Quaranta le proposte cinematografiche in programma, di cui venticinque film in concorso tra lungometraggi e corti su tematiche legate ai diritti umani, ai processi migratori, a situazioni di sfruttamento umano e ambientale, a fenomeni di discriminazione (culturali, di genere, ecc.), a esperienze fondate su progetti di solidarietà sia tra individui, comunità, gruppi, sia in rapporto al territorio, al dialogo interreligioso e interculturale.  La giuria internazionale 2020 sarà composta da Jacopo Quadri, montatore, Gabrielle Brady, regista australiana vincitrice del primo premio assoluto al Sole Luna Doc Film Festival 2019, Alessia Cervini docente di Teorie del cinema e Teorie e Tecniche del montaggio nell’Università degli Studi di Palermo, Andrea Inzerillo presidente del Sicilia Queer Film Festival e Keja Ho Kramer, artista e fotografa, figlia del regista e sceneggiatore statunitense Robert Kramer.

Proprio a Kramer, tra gli autori più sensibili ai cambiamenti che hanno preso forma a partire dagli anni Settanta del Novecento e al suo impegno politico contro la guerra, i fascismi e la condizione degli esuli, la 15esima edizione di Sole Luna Festival riserverà un omaggio speciale con una preziosa retrospettiva di alcuni suoi film. Come ogni anno, oltre alla giuria internazionale, a scegliere i film vincitori saranno anche la “Giuria degli studenti”, composta da studenti delle scuole superiori e la giuria “Nuovi italiani” composta da giovani stranieri impegnati in percorsi di studio, inserimento e attivismo sociale. Entrambe le giurie per tutto il periodo di lockdown hanno continuato a lavorare da remoto.

“Ci siamo interrogati a lungo su quale fosse la scelta migliore da prendere - dice la presidente e fondatrice del Festival, Lucia Gotti Venturato -. È chiaro che ci troviamo in una situazione in continuo divenire ma riteniamo che oggi più che mai occorra dare prova di resilienza: rispondere alla difficoltà del momento con ottimismo, ridare vita ad un settore che risente particolarmente della crisi, far ripartire l’economia legata alla cultura e ai servizi ad essa connessi. Per questo, incoraggiati dalle istituzioni locali abbiamo voluto mantenere il contatto diretto con il pubblico che ci segue da anni e lanciare da Palermo un messaggio forte di ripartenza”.

“Durante il lockdown - aggiungono i direttori artistici Chiara Andrich e Andrea Mura - abbiamo continuato a promuovere il Cinema del reale attraverso la Rete entrando in migliaia di case. Proprio in questi giorni stiamo celebrando il 15° anniversario con una rassegna che propone i film che hanno vinto le passate edizioni. Con il Festival torneremo ad accendere i riflettori sulla nostra contemporaneità attraverso una ricca selezioni di documentari che vanta numerose première. I 25 film in concorso sono stati selezionati attraverso lo scouting in diversi festival internazionali e tra circa 700 documentari che hanno partecipato alla Call del festival. Il programma – preannunciano - è quasi pronto e lo presenteremo tra qualche settimana”.

“Sole Luna Festival - dice il direttore scientifico Gabriella D’Agostino - non è solo un concorso internazionale di cinema documentario: è un luogo di relazioni e progettazione culturale che va avanti durante tutto l’anno creando legami che coinvolgono istituzioni, mondo associativo, scuole, università e tanti giovani volontari. Progetti che nonostante la pandemia non si sono mai interrotti e che durante la rassegna troveranno il modo di raccontarsi e guardare al futuro”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento