"Una finestra aperta", il cinema del Costa Rica va online con la rassegna del Cervantes

L’evento nasce dalla collaborazione tra gli Instituti Cervantes di Palermo, Napoli e Roma e dal supporto del Centro Costarricence de Producción cinematográfica e dell'Ambasciata di Costa Rica in Italia

L’Instituto Cervantes di Palermo inaugura la rassegna on line "Una finestra aperta. Cinema del Costa Rica": una selezione di film degli ultimi anni che ci permette di apprezzare una parte della produzione cinematografica costaricana. Per la realizzazione di questa rassegna, il Centro de Cine costarricense ha gestito i diritti di proiezione online con i registi delle opere, ottenendo la loro autorizzazione per l'organizzazione della mostra.

I cinque film in programma fino a giovedì 30 aprile sono: Del amor y otros demonios di Hilda Hidalgo, Medea di Alexandra Latishev, Dos aguas di Patricia Velásquez, Tr3s Marías di Paco Gónzalez, e El retorno di A.F. Bertoni. Tutte produzioni costaricane in lingua originale. La rassegna verrà promossa sulla pagina Facebook dell’Instituto Cervantes di Palermo: @InstitutoCervantesPalermo. Il giorno della proiezione, all'interno dell'evento creato in facebook, verrà pubblicata la sinossi del film e le istruzioni per vederlo. 

L’Instituto Cervantes di Palermo si unisce così alle diverse campagne #iorestoacasa offrendo ai propri amici e alunni del buon cinema. Questa rassegna, nata grazie al lavoro del Centro Costarricence de Producción cinematográfica e dell'Ambasciata di Costa Rica in Italia, ha visto una fruttuosa collaborazione tra  gli Instituti Cervantes di Palermo, Napoli e Roma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Annientata la Cupola di Cosa nostra: arrivano 46 condanne, inflitti oltre 4 secoli di carcere

Torna su
PalermoToday è in caricamento