rotate-mobile
Sabato, 2 Marzo 2024
Cultura

Presentato il libro "settanta", analisi della tragedia di Montagna Longa

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Un documento che racconta sequestri di persona, attentati, omicidi: tutto fa parte di un'identica strategia sfociata nel caos del 5 maggio 1972 e un’attenta analisi di quanto avvenuto la troviamo nel libro Settanta edito da Mondadori che è stato presentato ieri pomeriggio a Palermo in piazzetta Bagnasco. Un aereo con 115 persone a bordo finisce contro una montagna, mentre nella Sicilia degli anni Settanta la tensione era alta, tra omicidi eccellenti e rapimenti anomali con il coinvolgimento di mafiosi, terroristi e politici.

Giuseppe Peri, capo del commissariato di Alcamo, capisce che sta succedendo qualcosa di anomalo e indaga delineando uno scenario che impressiona per la modernità del metodo di indagine, che troveremo, successivamente, nel pool antimafia di Falcone e Borsellino. "Settanta" racconta quell'indagine solitaria, una storia oscura e volutamente nascosta. Ad intervenire ieri alla presentazione del libro anche Maricetta Tirrito, portavoce del Co.G.I., comitato collaboratori di giustizia: “Noi non possiamo che essere per la ricerca della verità e anche se sono passati trent’anni continueremo a cercare di fare luce sull’accaduto perché se da collaboratori di giustizia siamo “infami” lo vogliamo essere fino in fondo”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presentato il libro "settanta", analisi della tragedia di Montagna Longa

PalermoToday è in caricamento