Sabato, 20 Luglio 2024
Cultura

Montemaggiore Belsito, la poesia: "Chistu è lu me paisi"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Chistu è lu me paisi, Appujatu nta na collina Unni chiù ‘ncapu sorgi na muntagna e un si cunfunni cu u culuri du cielu.

Lu virdi havi a maggioranza e u firmamentu lu pruteggi cu clemenza. Quannu chiuovi crisci l’erba nta li campi e a primavera i culuri sunnu tanti.

Tra ruosi, gigli e autri sciura chi ci stannu belli tutti sti culura! Ca pari un quatru ca a natura fici bellu e u Signuruzzu u definiu cu un pennellu.

Cu un pennellu di Grazia e Fratellanza u definiu. Chistu è lu me paisi e nuddu può livallu du cuori miu.
Davide Fersini

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montemaggiore Belsito, la poesia: "Chistu è lu me paisi"
PalermoToday è in caricamento