Le polemiche non fermano Sabir: inaugurato il Festival diffuso delle culture mediterranee

Ad aprire la quarta edizione ai Cantieri Culturali della Zisa, la lettura delle poesie di Tesfalidet, giovane eritreo morto di stenti il giorno dopo il suo sbarco a Pozzallo. Orlando: "Chiamatemi razzista perché io riconosco una razza sola, quella umana"

Inaugurato, ai Cantieri della Zisa, Sabir - Festival diffuso delle culture mediterranee. L'evento, promosso dall’Arci insieme ad Acli, Caritas italiana e Cgil - con la collaborazione di Asgi, A Buon Diritto e Carta di Roma - nei giorni scorsi è stato oggetto di polemiche: i parlamentari della Lega, Simona Pergreffi e Daniele Belotti, hanno chiesto alla Rai di non sostenere l'iniziativa, che quest'anno rientra nella programmazione di Palermo capitale italiana della Cultura 20018. 

Nel corso dell'inaugurazione il presidente di Arci, Francesca Chiavacci, non ha perso l'occasione per ricordare l’importanza di promuovere un evento come il Festival Sabir in un momento in cui “la legislazione vuole distruggere l'idea di accoglienza e i principi di uguaglianza sanciti dalla Costituzione”. Ha anche salutato la nave Mar Ionio “che ha il compito di monitorare e denunciare quello che accade nel Mediterraneo centrale e di cui non si vuole parlare: una persona ogni cinque tra quelle che affrontano la traversata muore annegato o risulta disperso”.

La quarta edizione si è aperta con la lettura, eseguita dell’attrice Preziosa Salatino, delle poesie di Tesfalidet, il giovane poeta eritreo morto di stenti il giorno dopo il suo sbarco a Pozzallo. Presente anche il sindaco Leoluca Orlando: “Come al medico non chiediamo la carezza ma il rispetto del diritto alla salute, allo stesso modo non chiediamo carezze nell’accoglienza ma il rispetto di diritti umani: la forza del Festival Sabir è nel riuscire a declinarli in tutte le forme espressive possibili. Chiamatemi razzista perché io riconosco una razza sola, quella umana”. Dopo le edizioni di Lampedusa, Pozzallo e Siracusa, l'edizione palermitana si svilupperà attorno alla tematica della libertà di circolazione (delle persone, delle idee, delle culture e dei diritti), con oltre 60 eventi. 

Il programma completo 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • La sinistra radical chic si è inventata l'accoglienza per fare soldi e per trovare la scusa per abbandonare a loro stessi i nostri poveri. La libera circolazione è una bufala che può andare , ma che il nostro welfare sia a disposizione del mondo intero è una affermazione infame. Chi viene in italia da clandestino o da rifugiato NON PUÒ STARE MEGLIO DELLE NOSTRE FAMIGLIE POVERE . Non può essere che un migranti abbia , tetto, pasti, telefonino, wifi e tutto il resto e i poveri di Palermo siano abbandonati . Sig. Sindaco lei usa i migranti per disprezzare la nostra gente, altro che umanità. In 15 anni da sindaco nelle periferie che caspita ha fatto ? A lei e ai suoi seguaci dico : che ha fatto? Da uomo ONESTO , constato che non ha fatto nulla . Pensi ai migranti...... Ai magistrati direi di indagare sulle onlus , ong e privati che ricevono dalla Prefettura migranti . Chissa che non troviamo belle sorprese

  • E stato eletto per fare di Palermo una nuova Istanbul ! Così ha detto. Voi che lo avete votato lo sapevate? E come vi sentite?

    • Sollevati, di sicuro..

  • Diciamo basta al Business della Solidarietà

    • Il sistema creato da Alfano e Renzi era ed è : più ce ne è,meglio è! Come diceva Buzzi : ci facciamo più soldi che con la droga . Finche ci saranno poveri italini, palermitani abbandonati al loro destino e migranti all'ingrasso, vorrà dire che la accoglienza serva ad arricchirsi e non ad aiutare.

Notizie di oggi

  • Mafia

    "La mafia è stata decapitata, Palermo non permetterebbe mai a Messina Denaro di fare il capo"

  • Politica

    Musumeci: "Per risollevare la Sicilia serve il bisturi, che sia una Pasqua di resurrezione"

  • Cultura

    La Casa delle Farfalle resta aperta per le feste: a Pasqua e Pasquetta orario continuato

  • Politica

    Via Maqueda e corso Vittorio, a Pasqua si va a piedi: il Comune "studia" la chiusura totale

I più letti della settimana

  • "Mi stanno ammazzando": i boia spaccavano le ossa nella stanza degli orrori di via Imera

  • La banda dei falsi incidenti: mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, 42 arresti

  • Mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, i nomi degli arrestati

  • Omicidio in zona via Notarbartolo, strangola la compagna dopo una lite e si costituisce

  • Uccisa dal compagno perché si è rifiutata di fare sesso: "L'ho strozzata con tutta la forza"

  • Incidente in via Lanza di Scalea, auto contromano si schianta contro moto: due feriti

Torna su
PalermoToday è in caricamento