rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cultura

"Ananias e Saphira", il grande arazzo di Raffaello va dall'Abatellis al Castello Ursino a Catania

Nato dal cartone di Raffaello e parte della collezione privata di Roberto Bilotti Ruggi d'Aragona, inizierà un suo piccolo tour in sale espositive in Sicilia e Calabria

Dopo quattro mesi di esposizione alla Galleria regionale di Palazzo Abatellis, il grande arazzo “Ananias e Saphira” nato dal cartone di Raffaello e parte della collezione privata di Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona, inizierà un suo piccolo tour in sale espositive in Sicilia e Calabria.

Il manufatto delicato e perfetto - restaurato dai professionisti della Cappella Sistina, nato dal cartone di Raffaello e poi realizzato ad arte dalla tessitura belga di Heinrich Mattens - è un pezzo straordinario e in questi mesi ha riscosso l'interesse dei visitatori dell’Abatellis, dove è stato esposto da settembre scorso in seno alla Settimana delle Culture. Ma è giunto il momento di proporlo anche ad altri occhi: già sin dalla sua prima esposizione, attorno all’arazzo è stato costruito dalla direttrice dell’Abatellis Evelina De Castro e dall’architetto Giacomo Fanale, un percorso preciso che pone in relazione l'opera con i riferimenti raffaelleschi in Sicilia. Ed eccolo finalmente in viaggio, con il supporto del Rotary club Palermo est e del Rotary club Catania ovest: da venerdì 11 a giovedì 17 febbraio sarà in mostra nella Sala delle torture di Castello Ursino a Catania e dal 21 aprile al 15 maggio a Palazzo Ducale a Palma di Montechiaro (Agrigento) per poi trasferirsi dal 19 maggio al Museo Diocesano di Gerace (Reggio Calabria) dove nacque Luigi d'Aragona, nobile cardinale che seguì per conto di papa Leone X la realizzazione degli arazzi fiamminghi della Cappella Sistina.

Verrà quindi avviato un vero e proprio dialogo a più voci sulle influenze di Raffaello in Sicilia - lo Spasimo e non solo -; oltre all’arazzo la sala dell’Abatellis ha ospitato un’incisione del francese Nicolas Dorigny, realizzata su incarico della regina Anna d'Inghilterra ad acquaforte e bulino tra il 1711 e 1719 per celebrare la collocazione del cartone originario ad Hampton Court. E’ una storia bella: per gli arazzi della Cappella Sistina Raffaello realizzò su incarico di papa Leone X, la serie di dieci cartoni (sette sono esposti al Victoria & Albert Museum di Londra); e da quel grande comunicatore quale era, sapeva perfettamente che la copia è l'anima della conoscenza.

L’opera raffigura la morte di Anania, fulminato da san Pietro perché colpevole di non aver consegnato alla comunità cristiana tutto il denaro ricavato dalla vendita di un fondo. La scena fu costruita per un insieme di dieci arazzi dedicati all'opera evangelizzatrice dei santi Pietro e Paolo, dai quali vennero tratti i cartoni che servirono al primo arazziere Pieter Van Aelst per la tessitura. Gli arazzi furono sin da subito celebri e alcune corti d'Europa chiesero di replicarli affidandoli ad artigiani francesi, belga e tedeschi.

Questo in esposizione fu realizzato a inizio ‘600 dall’arazziere Heinrich Mattens - del quale si conservano alcuni esemplari nella Cattedrale di Tolosa - e presenta, rispetto ai cartoni di Raffaello, alcune modifiche negli sfondi e una ricca bordura con festoni vegetali in cui sono racchiuse varie figure allegoriche.  Il progetto ha il supporto del Rotary Club Palermo Est che lavora da tempo per promuovere la coscienza sociale e civile del contesto dove opera, con iniziative che sviluppino senso di appartenenza al territorio e al suo patrimonio, in stretta collaborazione con le istituzioni museali più importanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ananias e Saphira", il grande arazzo di Raffaello va dall'Abatellis al Castello Ursino a Catania

PalermoToday è in caricamento