Le musiche di Casale, Nono e Mahler in un concerto dell'Orchestra Sinfonica al Politeama

Nel 13° Concerto in abbonamento, venerdì 8 febbraio alle ore 21 e sabato 9 alle ore 17,30 ci sarà  Marco Angius sul podio del Politeama Garibaldi a dirigere l’Orchestra Sinfonica Siciliana, con il soprano Damiana Mizzi e il tenore Luigi Petroni. Questo il programma:  Emanuele Casale (1974), Variazioni sulle cose; Luigi Nono (1924-1990), Canti di vita e d’amore sul ponte di Hiroshima per soprano e orchestra; Gustav Mahler (1860-1911), Sinfonia n.4  in sol maggiore. Un’opera di Luigi Nono torna a Palermo: più di mezzo secolo è trascorso dalla prima italiana di questo pezzo al teatro Massimo nell’ottobre del 1962, per la terza Settimana di Nuova Musica, scritto come Punkte per l’Orchestra Sinfonica Siciliana da poco costituita, ma diventata in breve un crogiuolo per i compositori di Nuova Musica di tutto il mondo. Per rinverdire quella tradizione il concerto si aprirà con una novità assoluta del catanese Emanuele Casale, commissionata dalla FOSS nel 60° anniversario dell’Istituzione. 

Variazioni sulle cose.  Il compositore catanese Emanuele Casale, premio progetto SIAE/Classici di oggi, le cui composizioni sono state già presentate lo scorso anno in un concerto dedicato ai contemporanei, propone questa sua opera in prima esecuzione assoluta. Scrive il compositore: «Variazioni sulle cose è un brano quasi interamente costruito su scale, cioè quel materiale sonoro che solitamente ha un'utilità più teorica che "musicale" in senso stretto. L'idea di base e, allo stesso tempo, la sfida era quella di ottenere scale in continua trasformazione e nel contempo tentare l'avvicinamento a una sonorità intimista e poetica, come a voler ritrovare una presunta "bellezza perduta" nel primo movimento e approdando poi all'ironia e all'espressione ludica nel secondo movimento.” (Durata: 15')

Canti di vita e d’amore: sul ponte di Hiroshima per soprano tenore e orchestra. Sul ponte di Hiroshima, su testo tratto da Essere o non essere – Diario di Hiroshima e Nagasaki di Günther Anders; Djamila Boupacha su testo tratto da Esta Noche di Jesús López Pacheco; Tu su testo tratto da Passerò per Piazza di Spagna di Cesare Pavese. «Intolleranza 1960 è il destarsi della coscienza di un uomo, che, ribellatosi a una costrizione del bisogno – emigrante minatore –, ricerca una ragione un fondamento umano di vita, per cui “all’uomo un aiuto sia l’uomo” (Brecht). Questa tematica si sviluppa in Sul ponte di Hiroshima – Canti di vita e d’amore, composti nella primavera del ’62, su commissione del Festival di Edinburgo, come possibilità dell’amore nella coscienza della realtà di oggi (“no more Hiroshima” – la lotta antifascista e anticolonialista in due episodi, Spagna e Algeria) come risultante necessaria nella lotta per la vita di oggi».

Così lo stesso Nono ha presentato i suoi Canti di vita e d’amore: sul ponte di Hiroshima per soprano, tenore e orchestra che, eseguiti per la prima volta il 22 agosto 1962 ad Edimburgo con Dorothy Dorow, Richard Lewis e la London Symphony Orchestra diretta da John Pritchard, costituiscono il suo terzo importante lavoro per voce e orchestra dopo Il canto sospeso (1956) e Intolleranza 1960 (1960-1961). Eseguiti per la prima volta in Italia per le Settimane Internazionali di Nuova Musica dall'Orchestra Sinfonica Siciliana presso il Teatro Massimo di Palermo l’8 ottobre 1962 (direttore: Daniele Paris, tenore: Herbert Handt, soprano: Liliana Poli),  I canti si pongono con le opere precedenti, come ebbe modo di affermare sempre lo stesso compositore, in una forma di continuità «di testimonianza del nostro tempo, non riflessa, ma attiva non solo sul piano tecnico-linguistico (limite di comodo per chi in esso si adagia metafisicamente o da ‘puro esteta’) ma anche e necessariamente nella problematica umana attuale». (Durata: 18') 

Sinfonia n. 4 in sol maggiore. La Sinfonia n. 4 in Sol maggiore con soprano solista di Gustav Mahler fu composta fra il 1899 ed il 1901, anche se il quarto movimento è un lied per soprano originariamente scritto nel 1892, Das Himmlische Leben (La vita celeste), tratto da Des Knaben Wunderhorn; tale canzone presenta la visione che un bambino ha del Cielo. È in quattro movimenti ed è la sinfonia mahleriana che prevede l'organico orchestrale più ridotto. Nella sua forma definitiva la sinfonia è divisa in quattro movimenti:Bedächtig, Nicht eilen, recht gemächlich 4/4 (Riflessivo, Non affrettato, Molto comodo); Im gemächlicher Bewegung, 3/8 (Con movimento tranquillo, Senza fretta); Ruhevoll (poco adagio) 4/4; Sehr behaglich "Das himmlische Leben" 4/4 (Molto comodamente "La vita celeste") per soprano solo da "Des Knaben Wunderhorn". (Durata: 54'). Biglietti al Botteghino del Politeama e un'ora e mezza prima del concerto: 12-25 euro

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Senhor MuTrìo, il trio jazz-blues in un concerto live sul palco del Tatum Art

    • solo domani
    • 21 ottobre 2020
    • Tatum Art

I più visti

  • Un'arca contemporanea per gli "animali" di Banksy, la grande mostra a Palermo

    • dal 7 ottobre 2020 al 17 gennaio 2021
    • Loggiato di San Bartolomeo e Palazzo Trinacria
  • Giornate Fai d'autunno: weekend alla scoperta di chiese, borghi e musei della città

    • dal 17 al 25 ottobre 2020
    • luoghi all'interno dell'articolo
  • Mercato del contadino a Ficuzza: ogni domenica l'appuntamento enogastronomico

    • Gratis
    • dal 26 luglio al 25 ottobre 2020
    • Real Casina di Caccia di Ficuzza
  • Exstasis a piazza Bellini, un video mapping tra gli stucchi della chiesa di Santa Caterina

    • dal 9 ottobre al 8 novembre 2020
    • Chiesa di Santa Caterina
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    PalermoToday è in caricamento