La Sicilia che abbraccia il Giappone, ecco la cerimonia del tè e del kimono

L'incontro organizzato dall’Associazione Culturale Sicilia Giappone ricrea un angolo di Oriente nel cuore della Sicilia, riscoprendo due dei rituali più affascinanti del Giappone. La cerimonia del tè Cha no yu, conosciuta anche come Chado, alla lettera la via del tè, è una delle tradizionali arti giapponesi: un rito sociale e spirituale antichissimo praticato ancora oggi, che va molto al di là del semplice consumo di una tazza di tè, poiché esso segue un codice di comportamento ben preciso, dalla programmazione dell’evento ai gesti da fare prima di bere la bevanda. Il kimono – letteralmente, cosa da indossare – vestito nazionale giapponese finemente tessuto in seta, rappresenta uno dei maggiori simboli della cultura tradizionale giapponese. L’arte della vestizione del kimono cela dietro sé un complesso rituale tramandato fedelmente nel corso degli anni. I maestri Kimiko Tanaka, Atsuko Ono, Tomoko Fukazawa, Kazuteru Tanaka e Ikuka Aoki ci accompagneranno nel viaggio alla scoperta di queste antiche arti giapponesi. Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

I più visti

  • Un'arca contemporanea per gli "animali" di Banksy, la grande mostra a Palermo

    • dal 7 ottobre 2020 al 17 gennaio 2021
    • Loggiato di San Bartolomeo e Palazzo Trinacria
  • Terracqueo, una grande mostra sul Mediterraneo va in scena a Palazzo Reale

    • dal 16 settembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Palazzo Reale
  • I 100 volti di David Bowie nelle foto di Masayoshi Sukita: la mostra a Palazzo Sant'Elia

    • dal 10 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Palazzo Sant'Elia
  • Geraci Siculo, il calice del monastero di Santa Caterina in mostra al museo parrocchiale

    • Gratis
    • dal 22 agosto al 31 dicembre 2020
    • Museo parrocchiale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento