La caserma Lungaro diventa "cinema": si inizia con la proiezione di "Suburra"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Dopo la proficua esperienza dei pomeriggi letterari, che hanno visto alternarsi in interessanti incontri e dibattiti illustri esponenti del mondo artistico, giornalistico, letterario e della magistratura, la Questura apre nuovamente le sue porte alla cittadinanza per offrire un ulteriore percorso di approfondimento e sensibilizzazione su temi sociali e di pregnante attualità, attraverso la proiezione di prodotti televisivi o cinematografici riguardanti temi di particolare interesse e coinvolgimento. Le proiezioni avranno luogo presso la sala Domenico Corona della caserma Pietro Lungaro di via Catalano. Ciascuna di esse sarà preceduta da un dibattito introduttivo con rappresentanti della magistratura, del giornalismo e del mondo intellettuale, nonché con autori, sceneggiatori o registi delle opere rappresentate in sala.

Il primo di tali eventi, a cui ne seguiranno altri nel corso dei prossimi mesi, avrà luogo il prossimo 4 novembre alle 17.30, con la proiezione del film “Suburra” di Stefano Sollima, che tratta con brillante maestria le vicende di un sottobosco sommerso, sullo sfondo della Capitale, caratterizzato da sordidi intrecci criminali, incontri segreti e affari illegali tra mafia, politica ed istituzioni. La proiezione del film sarà proceduta da un dibattito a cui parteciperanno il magistrato Giuseppe Pignatone, già procuratore della Repubblica di Roma e l’autore del romanzo da cui il film è tratto, Carlo Bonini. Moderatrice dell’incontro sarà la giornalista Elvira Terranova. L’evento sarà aperto pubblico e il dibattito che precede la proiezione sarà trasmesso in diretta sulla pagina Facebook della Questura.

Torna su
PalermoToday è in caricamento