Ztl, c'è chi dice sì: "Negozi del centro in crisi? Colpa dei centri commerciali"

Fumetta, segretario provinciale di Rifondazione Comunista: "Crisi iniziata 10 anni fa, non si può contemporaneamente difendere il commercio in centro e favorire gli affari dei megastore"

C'è chi dice "sì". Se la Zona a traffico limitato non convince i commercianti (Confcommercio a una settimana dall'entrata in vigore del provvedimento ha chiesto all'amministrazione comunale di sospendere l'interdizione alle auto del centro storico), Rifondazione Comunista, il partito di riferimento dell'assessore alla Mobilità Giusto Catania, si schiera a favore della zona a traffico limitato. Che in città rimane l'argomento più caldo del momento. "La proposta di abolire la Ztl è illogica - dice Vincenzo Fumetta, segretario provinciale di Rifondazione Comunista a Palermo -. L'avvio della Ztl nel solo Centro Storico è stata una proposta avanzata proprio dalle organizzazioni di categoria, in particolare da Confcommercio, i cui dirigenti dimostrano, sempre di più, di avere memoria corta".

Fumetta spiega: "La crisi commerciale della città di Palermo è iniziata dieci anni fa e le cause sono da ricercare nelle scelte delle organizzazioni di categoria, in particolare di Confcommercio, che hanno favorito la nascita dei centri commerciali. Non si può contemporaneamente difendere il commercio in Centro storico e favorire gli affari dei megastore. Negli anni dell'amministrazione Cammarata, Confcommercio ha esercitato una grande influenza sulle scelte del Comune e non è un caso che siano nati, proprio in quegli anni, tre grandi centri commerciali che hanno devastato il tessuto produttivo del centro storico palermitano". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le organizzazioni di categoria, e in particolare Confcommercio - conclude - cercano alibi per cancellare dalla memoria collettiva dei palermitani i disastri delle loro scelte politiche, attribuendo la responsabilità della crisi commerciale ad altri fattori: ieri le pedonalizzazioni, oggi la Ztl.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Covid a Palermo, medico si sfoga: "Macché complotto, tante richieste di ricovero e reparto pieno"

  • Tragico incidente in via Roma, scontro auto-moto: un morto

  • Trovato morto il sub disperso a Terrasini, cadavere recuperato sott'acqua

  • Il malore del figlio e la disperazione dei genitori, poliziotti "volano" nel traffico per salvare un giovane

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento