Effetto Coronavirus: Alitalia e Ryanair cancellano voli da e per Palermo

I passeggeri che avevano acquistato i biglietti per i voli cancellati sono già stati avvertiti dalla società tramite una notifica, altrimenti è possibile controllare lo status dei voli sul portale della compagnia aerea low cost

L'emergenza per il nuovo coronavirus ha colpito diversi settori, primo tra tutti quello del trasporto aereo. Così, dopo Alitalia, anche altre compagnie aeree hanno deciso di cancellare alcune tratte in questo periodo. Ryanair ha deciso di cancellare un quarto dei voli italiani. Alcuni voli riguardano anche Palermo. Alitalia ha ridisegnato l'operativo. Fino alla fine del mese il Palermo-Roma passa da 12 a 10 frequenze giornaliere e il Palermo-Linate da 8 a 6. Anche Ryanair ha ridimensionato il numero di voli sia su Punta Raisi che su Catania. Un vistoso calo del traffico con la compagnia che ha deciso di ridurre il piano di voli a corto raggio, principalmente da e verso l'Italia, fino al 25%, dal 17 marzo all'8 aprile.

Coronavirus, i voli Ryanair cancellati 

I passeggeri che avevano acquistato i biglietti per i voli cancellati sono già stati avvertiti dalla compagnia tramite una notifica, altrimenti è possibile controllare lo status dei voli sul portale della compagnia aerea low cost.

ryanair-6-3

La decisione è stata commentata dal ceo di Ryanair, Michael O'Leary:"In questo momento il nostro obiettivo è quello di ridurre al minimo qualsiasi rischio per il nostro staff e i nostri passeggeri. Mentre registriamo un alto livello di prenotazioni per le prossime due settimane, c'è stato un notevole calo delle prenotazioni a partire dalla fine di marzo fino all'inizio di aprile. E' quindi opportuno rivedere selettivamente i nostri operativi da e verso quegli aeroporti in cui i viaggi sono stati maggiormente interessati dall'epidemia di Covid-19". 

"Questo è un momento - dice O'Leary - in cui la calma deve prevalere. Faremo dei tagli ragionevoli al nostro operativo nelle prossime settimane per gestire il calo delle prenotazioni e modificare i programmi di viaggio. Tutti i clienti interessati saranno avvisati di eventuali cambiamenti di programma con almeno 14 giorni di anticipo".

 "Mentre l'80% delle persone che contraggono Covid-19 soffre solo di sintomi lievi- conclude O'Leary - il rischio di infezione può essere significativamente ridotto mediante frequenti lavaggi delle mani con acqua e sapone. Continueremo a rispettare pienamente le linee guida dei governi nazionali, dell'Oms e dell'Aesa, in quanto vengono periodicamente aggiornate. Informeremo il mercato a tempo debito su eventuali sviluppi significativi".

Coronavirus, anche Lufthansa cancella il 25% dei voli

Così come Ryanair, anche Lufthansa ha deciso di ridurre il numero dei voli a causa dell'emergenza coronavirus e del conseguente calo della domanda. Come riferito dalla compagnia aerea tedesca, ''i voli a breve e medio raggio sarannoridotti fino al 25 nelle prossime settimane mentre il numero degli aerei a lungo raggio del gruppo non in servizio "aumenta da 13 fino a 23". Oltre che quelli in Italia, il colosso tedesco ha deciso di sospendere anche i voli per la Cina e l'Iran.

"La sicurezza dei passeggeri e dei lavoratori sono per Luthansa una priorità -si legge nella nota della compagnia aerea- e quindi abbiamo deciso di sospendere i voli tra la Germania, Svizzera e Austria per la Cina fino al 24 aprile, mentre i voli per Tehran saranno sospesi fino al 30 aprile".

Inoltre Lufthansa, "ridurrà la frequenza del network verso Hong Kong e Seoul, i voli tra Monaco e Hong Kong saranno sospesi dal 6 marzo al 24 aprile. I passeggeri possono essere riprenotati via Francoforte e Zurigo durante questo periodo. Tra il 5 marzo e il 24 aprile, inoltre, alcuni voli saranno cancellati da Francoforte e Monaco per Seoul. Tornando all'Italia, le destinazioni interessate a cancellazioni includono Milano, Venezia, Roma, Torino, Verona, Bologna, Ancona e Pisa.

Il piano voli sull'Italia è stato modificato anche da altre sigle del gruppo tedesco: Swiss ridurrà le frequenze da/per Firenze, Milano, Roma e Venezia fino alla fine di aprile, Austrian Airlines taglierà i voli del 40% tra marzo e aprile, comprese le tratte tra Vienna e Milano, Venezia, Bologna, Firenze, Roma e Napoli. Per quanto riguarda Eurowings, voli ridotti fino all'8 marzo su Venezia, Bologna e Milano, mentre Brussels Airlines ridurrà del 30% i voli fino al 24 marzo su Milano, Roma, Venezia e Bologna.

Coronavirus, Iata: ''Forte impatto per le compagnie aeree''

L'emergenza del coronavirus sta avendo un forte impatto per le compagnie aeree che vedono un forte calo della domanda. Per questo, data la situazione eccezionale, vanno subito sospese le norme per gli slot aeroportuali. E' quanto chiede la Iata, l'associazione internazionale del trasporto aereo, alle autorità di regolamentazione dell'aviazione. Le regole dell'allocazione degli slot, spiega la Iata, prevedono che le aviolinee operino almeno l'80% degli slot in normali circostanze. Il mancato rispetto comporta la perdita di questi slot per la successiva corrispondente stagione. In circostanze eccezionali, sottolinea la Iata, le autorità possono allentare questi requisiti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per la Iata, l'applicazione della regola dell'80% non è appropriata. La flessibilità è necessaria per le compagnia per adeguare il proprio operativo sulla base degli sviluppi della domanda. Sospendere i requisiti per l'intera stagione, consente alle compagnie di rispondere alle condizioni di mercato con appropriati livelli di capacità, evitando di dover effettuare servizi vuoti per mantenere gli slot. "La ricerca della Iata ha mostrato che il traffico è crollato sulle rotte asiatiche e che questo si sta diffondendo sul network globale, anche nei paesi senza un forte impatto del Covid 19", dichiara il ceo e direttore generale della Iata Alexandre de Juniac. "Ci sono precedenti di sospensione delle regole sugli slot e crediamo che le circostanze chiedono nuovamente che una sospensione venga accordata. Chiediamo ai regolatori in tutto il mondo di aiutare l'industria a pianificare l'emergenza di oggi e la futura ripresa del network".
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Palermo usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: scatta il coprifuoco dalle 23

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Regione, nuova stretta anti Covid: locali chiusi alle 23, dad nei licei e trasporti dimezzati

  • Le mosse anti Covid di Orlando: nessun coprifuoco ma divieto di sostare in strada

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Ditta privata danneggia conduttura, mezza città senz'acqua

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento