Lunedì, 14 Giugno 2021
Economia Politeama / Via Emerico Amari

Via Amari, la resa del "signor Cibus": "Impossibile andare avanti"

La chiusura del ristorante fa seguito a quelle di una storica agenzia di viaggi e di un garage, oltre al trasloco di un altro negozio: "Questa è una strada ormai fuori dal mondo", dice il titolare a PalermoToday. Dal Comune nessuna replica

Dopo un tira e molla durato un paio di anni alla fine “Sapori di Sicilia - Risto Cibus” ha abbassato le saracinesche. L’azienda, al civico 79 di via Emerico Amari, ha scritto la parola fine alla propria attività, zoppicante da qualche mese a causa di un mix tra crisi e cantiere ancora aperto per la realizzazione dell’anello ferroviario.

“Se dovessi fare una percentuale direi che la causa di questa chiusura è imputabile al 90 per cento ai lavori infiniti della Tecnis e al 10 per cento ad un momento di crisi che ha investito tutto il commercio”. A commentare la chiusura del ristorante aperto dal 2013 è proprio il suo titolare, Franco Giglio, noto in città come il “signor Cibus”, imprenditore che da tanti anni ha scommesso proprio nel settore del food&beverage di qualità. “Non potevamo aspettarci che i lavori sarebbero durati così tanto. Dal 2014 al 2017 tutto l’anello ferroviario doveva essere completato - spiega Giglio -. Siamo vittime di un cantiere che ci ha costretto a licenziare prima cinque dipendenti, ora gli ultimi dieci, e a chiudere. Quindici famiglie sono a casa di fronte al disinteresse delle istituzioni”.

Una chiusura annunciata, secondo il titolare di Cibus, quella della sua attività, che fa seguito a quelle della storica agenzia di viaggi Ruggieri, di un garage - che proprio in via Amari aveva il suo ingresso - e al trasloco di Tre Erre Ceramiche in via Roma. “Avremmo tanto voluto avere quelle contribuzioni promesse, che non sono mai arrivate - prosegue Giglio -. Sindaco, assessori, prefetto, nessuno ci è stato accanto per scongiurare questo epilogo. Per questo, queste chiusure, sono da considerarsi il frutto di una irresponsabilità amministrativa”.

Al momento della chiusura, oltre a quelli personali, Cibus vanterebbe un debito nei confronti del Comune pari a circa 10 mila euro. “Tra la tassa sull’immondizia e quella sul suolo pubblico il nostro debito nei confronti dell’amministrazione è da capogiro - conclude Franco Giglio -. Si tratta di un paradosso che noi abbiamo contestato nelle sedi opportune. Avremmo dovuto pagare la Tari, quando in realtà noi commercianti abbiamo mantenuto il decoro dinanzi alle nostre insegne. E avremmo persino dovuto pagare il suolo pubblico, che tuttavia ci è stato tolto per via di una strettoia di 80 centimetri”.

Il calo del fatturato, secondo le stime del signor Cibus, ammonterebbe a circa il 70 per cento fino al 2016 cui si aggiungerebbe un 10 per cento in più nel primo semestre del 2017. “Questa è la città dove un imprenditore è costretto a subire un notevole costo burocratico delle autorizzazioni, a perdere il suo cospicuo investimento iniziale e a non avere più le risorse per poter riaprire altrove - precisa Giglio -. Via Emerico Amari è una strada ormai fuori dal mondo”. PalermoToday ha contattato il Comune per una replica senza ricevere alcuna risposta. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Amari, la resa del "signor Cibus": "Impossibile andare avanti"

PalermoToday è in caricamento