Lo Stato vende 30 immobili in Sicilia, quattro le occasioni a Palermo e provincia  

Tre beni immobiliari si trovano in città e uno a Cefalù. Il bando è stato pubblicato lo scorso 31 luglio. C'è tempo fino al 20 settembre per presentare l'offerta

Distributore di benzina in vendita

Scade il 20 settembre prossimo alle 12 il termine per presentare offerte per i beni messi in vendita in Sicilia dall’Agenzia del Demanio con un bando pubblicato il 31 luglio scorso. Si tratta di 30 immobili di varia tipologia dislocati nelle province di Agrigento, Catania, Messina, Palermo, Siracusa e Trapani che hanno un valore complessivo base di circa 2,8 milioni di euro. L’apertura delle buste contenenti le offerte avverrà il 23 settembre alle 10 presso la Direzione regionale Sicilia dell’Agenzia, a Palermo.

A Palermo e provincia sono quattro i beni in vendita: un terreno in via Umberto Maddalena di oltre 11 mila metri quadri; un distributore di benzina con chiosco destinato alla vendita e allo stoccaggio di lubrificanti/accessori in via Papa Sergio I; cinque unità immobiliari poste nel seminterrato di un condominio in Fondo Gargano 22; un terreno a Cefalù.

L'elenco completo degli immobili in vendita

Le foto e la descrizione degli immobili in vendita nel Palermitano

Nelle altre province si segnalano un complesso formato da un fabbricato residenziale e due capannoni industriali nelle vicinanze dell’area portuale di Milazzo, in provincia di Messina; un appartamento di circa 250 metri quadri in via Napoli, a Catania.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • Suicidio in carcere, detenuto palermitano di 20 anni si toglie la vita

  • I boss decidevano i buttafuori dei locali: ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • Precipita da una balconata: grave giovane palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento