Economia Tribunali-Castellammare / Via Roma

"Tram in via Roma, niente Ztl il venerdì": le idee di commercianti e residenti

Queste e altre proposte - pensate da un comitato composto da circa 70 persone - verranno presentate il 7 gennaio, nel corso di un'assemblea pubblica, ai capigruppo del Consiglio comunale: "Il criterio utilizzato è stato quello d'individuare le idee ritenute più praticabili"

Via Roma deserta

Nuove regole per la Ztl, più controlli nei locali della movida, un cronoprogramma dettagliato sui lavori del tram in via Roma, e soprattutto la liberalizzazione delle attività commerciali con superficie superiore ai 200 metri quadri. Attività quest'ultime al momento vietate in centro storico, in forza dell'articolo 5 del Piano urbanistico commerciale. Piano che, nel tempo, i commercianti hanno chiesto che venga revisionate. Questa e altre proposte verranno presentate il 7 gennaio - nel corso di un'assemblea pubblica - ai capigruppo del Consiglio comunale e ai presidenti delle commissioni consiliari competenti da parte del Comitato residenti e commercianti del centro storico: un "cartello" nato spontaneamente, senza insegne di partito o associazioni di categoria.

Sui temi oggetto di confronto è stata già avviata un'interlocuzione con la Prima circoscrizione, che ha riguardato anche la raccolta differenziata. Del comitato fanno parte circa 70 persone, tra cui i titolari di alcuni negozi storici come Gaia, Veniero, Torregrossa, Saccone, Sirchia, bar Massaro, Leone Store, Alex & David, e residenti tra cui Liboria Di Baudo, Elio Lo Presti, architetto Pietro Burzotta, ingegnere Antonio Chiavetta, Giovanni Miceli e Matteo Fiore.
"L'obiettivo dell'incontro - scrivono in una nota - è quello di scegliere ed elaborare le proposte avanzate dai partecipanti alle riunioni del comitato e di maggiore accordo tra i residenti ed i commercianti. Il criterio utilizzato è stato quello d'individuare le proposte ritenute più fattibili, fermo restando che le altre rimangono agli atti e che potranno essere rielaborate, se necessario, in futuro".

Nel dettaglio delle proposte, il comitato chiede di ridurre a 2,50 euro il biglietto giornaliero della Ztl; l'abolizione in un pomeriggio infrasettimanale (individuato nel venerdì) per favorire il commercio; l'istituzione di una fascia oraria esente da Ztl dalle 8 alle 10 per il carico e scarico delle merci, come già in vigore in via Maqueda. I controlli nei locali della movida e sul rilascio di nuove licenze sono un altro dei punti toccati, assieme alla tutela delle botteghe storiche (in attuazione della legge Franceschini).

Il comitato punta anche a sbloccare la modifica dell'articolo 5 del regolamento sulle attività produttive, che l'anno scordo aveva incassato il sì della commissione competente. Infine, la viabilità in via Roma, con la richiesta all'amministrazione comunale di tempi certi per la nuova linea tranviaria e contenimento dei disagi. Il cronoprogramma per la realizzazione dell'opera necessita, secondo il comitato, anche di un piano di comunicazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Tram in via Roma, niente Ztl il venerdì": le idee di commercianti e residenti

PalermoToday è in caricamento